Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Rinascimento e la “comparsa” dei Magi

Sebbene nessuna processione sia uguale, in tutti i Tre Anziani rispondono a uno schema simile. Melkor deve essere bianco e barbuto; diaspro dai capelli rossi p Baldassarre nero. Per quanto riguarda l’abito, può essere orientale, come se fossero i sultani di alcuni regni asiatici, o simile a quello indossato dai re medievali.

Tuttavia, fino all’arrivo del Rinascimento, non c’era consenso sul fatto che dovessero essere così. I primi cristiani li immaginavano in modo molto diverso. Ne è un esempio il mosaico del VI secolo rinvenuto nell’antica chiesa di San Apollinares el Nuevo, a ravennate (Italia), famoso per essere la prima rappresentazione dei re con i loro nomi. Se così non fosse, nessuno contaminato nell’iconografia storica non li avrebbe riconosciuti.

Mosaico dei Magi nella Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, Ravenna

Tommaso Trombetta/CC BY-SA 4.0

Per cominciare, sembrano tutti e tre bianchi. Inoltre indossano tuniche corte, gambali e copricapo frigio, così i classici rappresentavano i sacerdoti di Mitra, divinità di origine persiana poi assorbita dai romani. Il più archetipo di questo tipo di iconografia è il berretto frigio. Compaiono in altre epifanie (ornamenti di re) come il sarcofago di Aurelio (IV secolo), attualmente ai Musei Vaticani, o le pitture della chiesa di Santa Maria Force Portas (Italia, VIII-IX secolo).

È noto perché i rivoluzionari francesi lo adottarono come un simbolo di libertàMa nell’arte del periodo ellenistico, il copricapo era caratteristico di ogni sacerdote di origine orientale. Perché, secondo il Vangelo di Matteo – l’unico canonico che parla dei Magi – questo erano questi tre individui.


Leggi anche

Oscar González Camano

READ  Filmus ha visitato Salta per promuovere la scienza e l'industria della conoscenza | Procede l'installazione del telescopio Qubic e rivitalizza il progetto Llama

Usano la frase “streghe”, ma la Bibbia non fa riferimento alle streghe, la pratica della stregoneria era qualcosa di fortemente condannato dalla Legge mosaica. Per questo, più volte nel testo, il termine è accompagnato dalla parola “Oriente”. Poiché Babilonia nella cultura ebraica era considerata una regione fertile per i saggi, si voleva con questa sfumatura determinare che si trattasse di filosofi o “uomini di scienza” provenienti dall’Oriente.

Quindi i primi cristiani interpretarono che i Magi potevano essere solo una specie di sacerdoti orientali. Forse un po medinja’eyche furono i dottori babilonesi della tradizione orale, o forse alcuni studiosi dello zoroastrismo, la religione dell’antica Persia.


Comunque sia, a un certo punto della storia sono diventati re e, cosa più importante, uno di loro è diventato nero. Quest’ultima avvenne a partire dal Rinascimento, quando le brillanti opere di Dürer (1471-1528), Robbins (1577-1640) o Velazquez (1599-1660) delineano come vediamo queste figure oggi.

Sebbene non fossero loro a decidere che avrebbero dovuto essere re, ce ne sarebbero stati tre e uno di loro sarebbe stato nero. Piuttosto, hanno raccolto tradizioni già formate nel Medioevo.

Leggi anche

Il primo a stabilire che si trattasse di una Trinità fu un prolifico scrittore paleocristiano di nome Origene di Alessandria (184-253). Poiché ci sono tre doni menzionati nel Nuovo Testamento, credeva che dovessero esserci tre portatori. La strana forma rendeva difficile il lavoro agli artisti medievali, sempre inclini alla simmetria, ma fu lui che alla fine fu costretto.

Tra l’altro perché era allegorico per il significato cosmico che l’Epifania aveva nella Bibbia. Allora si conoscevano tre continenti, e quindi tre razze umane.

READ  C'è stato un aumento del numero di medici e il settore dovrebbe rispondere
'The World in a Clover Leaf', una mappa di Heinrich Ponting che dà ancora la priorità ai continenti di Europa, Asia e Africa nel 1581

‘The World in a Clover Leaf’, mappa di Heinrich Ponting che ancora nel 1581 dà priorità ai continenti di Europa, Asia e Africa, con Gerusalemme al centro

dominio pubblico

Come spiegato recentemente scomparso Benedetto XVI nel suo libro L’infanzia di Gesù (2012), è stata la tradizione a decidere che fossero i re dei tre continenti. Era un modo per sottolineare che questo bambino era venuto per salvare tutta l’umanità, non solo il popolo di Israele. Inoltre, un illustre studioso straniero venne ad adorare il figlio di una famiglia apparentemente insignificante che avrebbe dovuto servire da campanello d’allarme per gli ebrei: questo era il vero Messia.

D’altra parte, il fatto che fossero considerati re, è un’invenzione alla quale non si fa riferimento nella Bibbia. Il primo a menzionare la sua personalità regale fu Tertulliano (c. 160 – 220), uno dei padri della chiesa. Lo ha fatto a causa delle connotazioni negative della pratica della stregoneria in quel momento. Non ha comportato un cambiamento immediato. Ci vollero diversi secoli perché la corona sostituisse definitivamente il berretto frigio nell’iconografia.


Leggi anche

Saverio Villaltella Ortiz

Estrarre la lotteria nazionale in un quartiere repubblicano durante la guerra civile.

Balthazar, da parte sua, non diventò nero fino all’arrivo del Rinascimento. Alla luce del nuovo umanesimo, e delle conquiste spagnole e portoghesi in Africa, crollarono i vecchi sospetti nei confronti dei figli di Cam che, a causa della maliziosa interpretazione della Genesi, erano considerati un popolo dannato. Se i maghi rappresentano i tre continenti, uno deve essere africano.

Infine, secoli di tradizione hanno plasmato l’Epifania così come la conosciamo. Il titolo di questo articolo è Adorazione dei Magi (1504) di Dürer, che mostra Balthazar come un giovane uomo di colore.

READ  La Jornada - In una cerimonia virtuale, l'Italia è tornata in Messico 23 reperti rubati illegalmente


Ancora più spettacolare è il dipinto di Rubens, che è una delle tele più grandi conservate al Museo del Prado ed è considerato uno dei capolavori di questo pittore. In quel pantano di figure e colori tipico barocco, in cui Gesù è la figura di spicco, riconosciamo al centro Baldassarre.