Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il regime cinese ha provato a vietare una mostra d’arte in Italia

Badiucao si prepara a mettere in mostra il suo lavoro a Brescia. (AFP)

Il lavoro di un artista nato a Shanghai causa pochi problemi all’interno del dominio cinese. Fumettista e attivista in un museo a Brescia (Italia) ? Bisogna presentare Mostra indesiderata di Xi Jinping.

immagini Leader cinese e Winnie the Pooh Un paradosso paradossale ormai ampiamente censurato sui social dei paesi asiatici- a Rappresentanza della polizia antisommossa che insegue i manifestanti.

Le opere di Padiugao saranno presentate al pubblico questo sabato L’opposizione degli ambasciatori cinesi. Lettera al Sindaco di Prussia, Ambasciata di Roma, Opere d’Arte “Complete menzogne ​​anti-cinesi” e “distorcere i fatti, diffondere disinformazione, fuorviare la comprensione del popolo italiano e ferire i sentimenti del popolo cinese”Secondo il quotidiano locale Giornale Presia.

Per un artista scontento che vive in Australia dal 2009, polemiche Non sorprendentemente.

“Di questi tempi è quasi impossibile ferire (evitare) il governo cinese”.Ha detto in dichiarazioni a CNN. “Niente può essere sensibile e problematico”, ha detto.

Da quando l’ambasciata si è lamentata il mese scorso, i funzionari del museo e i politici locali hanno progettato la mostra. Simbolo della libertà di parola.

AFP
AFP

“Devo dire che ho dovuto leggere la lettera due volte perché sono rimasta sorpresa”, ha detto Laura Castelletti, vicesindaco di Brescia. Ha scritto la lettera a Ha promesso che “l’ingerenza nel fine artistico e culturale della città” e la richiesta di cancellazione della mostra “hanno attirato molta attenzione”., Secondo la CNN.

Tuttavia, i funzionari della città, che hanno una popolazione di 200.000 abitanti, non hanno pagato: “Nessuno, né l’ufficio del sindaco prussiano né i cittadini, intende cancellare la mostra”.Lo ha detto Castelletti all’Afp.

READ  È in visita negli Emirati Arabi Uniti a maggio

Presia, nota per i suoi resti archeologici, ha una lunga tradizione di intrattenere manifestanti, pittori e scrittori in nome della “libertà artistica”, ha spiegato.

Uno dei recenti destinatari è un artista curdo Gettone Zehra, “Perseguitato dal regime turco” e vi ha esposto le sue opere nel 2019.

Con gli occhi sorridenti e la barba lunga e appuntita dietro spessi dolcevita, Padioukao riconobbe chi era. “La Prussia ha avuto il coraggio di dire ‘no’ alla Cina nella difesa dei diritti fondamentali”..

AFP
AFP

Titolo “Cina (non vicina)” (“La Cina (IS) non è vicina”)La mostra, che segna il titolo di un popolare film italiano degli anni Sessanta, resterà aperta fino al 13 febbraio. Condanna la repressione politica e la censura del gigante asiatico utilizzate per l’epidemia del virus corona, due questioni problematiche per il regime di Pechino..

Minacce di morte

“Uso la mia arte per mostrare le bugie del governo cinese, ma Rendo omaggio al coraggio e all’ingegnosità dei cinesi che sono stati sottoposti a un ambiente duro con un governo dittatoriale.In un’intervista all’AFP, Padigo ha promesso.

Nel 2018, l’idea di ospitare una mostra a Hong Kong è fallita a causa delle pressioni dell’artista e del suo ambiente: “La polizia di sicurezza nazionale è venuta a intimidire la mia famiglia a Shanghai” Ha aggiunto: “Hanno minacciato di inviare agenti all’esame”.

Tra le opere satiriche in mostra in Prussia ci sono quelle che hanno provocato la rabbia di Pechino. Volti misti del leader cinese Xi Jinping e Gary Lam, L’amministratore delegato di Hong Kong, vuole spiegare con lui come è stata distorta l’autonomia dell’ex colonia britannica.

READ  L'Italia sconvolta dalla morte del calciatore 17enne

Il Partito Comunista Cinese (PCC) “non tollera il potere della creazione, pensa che tutti gli artisti indipendenti siano suoi nemici, ed è per questo che mi odia così tanto”., Mantiene Padiyukovo, che promette di essere il bersaglio “Minacce di morte quotidiane sui social media”.

(Fonte)
(Fonte)

C’è di più in un’altra opera molto controversa Sessanta orologi rossi, dipinti con il sangue dell’artista, E secondo che lo rappresenta Orologi regalati ai soldati cinesi per aver partecipato alla violenta repressione delle proteste studentesche in Piazza Tiananmen il 3-4 giugno 1989.

banca di Cina

Anche la mostra rende omaggio “uomo carro armato”, Il bizzarro personaggio vestito di bianco di fronte ai carri armati, armato di due semplici sacchi della spazzatura che cerca di fermare la loro avanzata, un film che è passato alla storia come simbolo della repressione del Paese, che ha scatenato la condanna internazionale del governo. Cinese.

Per il dissidente, soprannominato la “Banca cinese”, non c’è dubbio che anche Pechino. “Responsabile del disastro colpito dall’umanità” Secondo lui, per aver nascosto importanti informazioni sull’origine del virus.

Mostra “Non intende offendere il popolo cinese, la cultura o la civiltà”., ha detto ad AFP Francesca Pasoli, presidente della Fondazione Museo Prussiano.

Visualizzando queste opere, “Sosteniamo la libertà di espressione”, In breve.

(Con informazioni da AFP)

Continua a leggere: