Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il quarto presidente della medicina interna dell’UBA cerca di umanizzare il trattamento dei pazienti – GENTE Online

Roberto Ermoli È il quarto professore della cattedra di medicina interna presso l’UBA presso l’Hospital de Clínicas. Ma non è solo un’altra sedia. Mescola musica, cultura, cucina e altre attività nel tentativo di umanizzare il rapporto medico-paziente. “Dimostra che la cultura umanistica riceve più attenzione umana”.

Il dottore è orgoglioso di far parte di ciò che sta accadendo in Hospital de Clínicas per 22 anni. Nel suo ufficio all’undicesimo piano dell’ospedale dove lo ricorda “123 anni fa, Louis Aguti sviluppò la prima trasfusione di sangue per il mondo intero nel 1914” Ermoli una volta credeva che il metodo di praticare la medicina tradizionale non fosse sufficiente per incontrare i pazienti faccia a faccia.

Come direttore dell’insegnamento e della ricerca, ha condotto gli esami per i residenti. Un giorno decisero di aggiungere alle scienze tecniche un’indagine di cultura generale. Il risultato è stato descritto dal medico come “allarmante”. Che diploma do, ne sono responsabile, pensò.

colui il quale Il “peso” che ha cominciato a sentire è stato il primo passo verso la quarta sedia, che era stata imposta quasi 22 anni fa. La medicina dall’umanità alla scienza e all’arte. Indubbiamente, questa visione innovativa del modo in cui viene esercitata la professione la rende una delle cattedre più ambite dalla popolazione.

Ermoli parla Due “visioni” quando si tratta di praticare la medicina. Il primo è Biomedicinaper. Quando vai dal dottore, ad esempio, per il mal di testa, ti fanno le domande e i test necessari Quasi senza guardarlo in faccia. Poi si ritira.

Alle attività della Quarta Cattedra parteciparono artisti di levatura vicenico.

Il L’altra visione, che ha promosso questa iniziativa, è quella psicosociale: Che in un certo senso significa una visione globale del paziente.

Visione psicosociale del paziente – spiega Ermoli- Tutto ciò che ci accade e di fronte a un semplice mal di testa per il paziente copre questioni che vanno dalla pressione del lavoro, come si forma la sua famiglia, dove vive, qual è il suo reddito, quali attività svolge“.

È comune sentire un paziente in cura da uno specialista che non lo ha nemmeno guardato in faccia e lo ha mandato via entro cinque minuti. Ma, Quando ci accorgiamo che durante il consulto si è instaurata una relazione empatica, il paziente esce con una sensazione dicendo “mi sento meglio ora”‘, riflette Iermoli.

Insomma, per Ermoli, Si tratta solo di “tornare alle regole”. “Quello che stiamo cercando è un focus umano. Porta come vorremmo essere trattati”.

Il ritmo della sedia accompagna la sorprendente vita degli abitanti. Ma in un certo senso serve da balsamo tra gran parte delle conoscenze tecniche e scientifiche che gli studenti acquisiscono durante la loro lunga carriera medica. lo descrive come “Un business in corso, ma è ricco.”

Il L’organigramma della cattedra comprende unità “speciali”. Tra questi ci sono arte e cultura, polifenoli, terapia clinica, moderazione emotiva, sport, tra gli altri.

Dal 1918 con la riforma universitaria vige la libertà accademica. Offriamo il programma con tutti i suoi contenuti, ma cambiamo le strategie. Perché devo sempre fare lo stesso e perché non andare oltre? Perché non dare ai tirocinanti la possibilità di una formazione completa e diventare vettori di questi cambiamenti? “. Così dice Ermoli, scherzando, col passare del tempo Da questa composizione vengono creati piccoli rami.

Inoltre, Alle mostre culturali partecipano antropologi, artisti visivi, filosofi, giornalisti, artisti e un lungo elenco di professioni. Che danno questo valore aggiunto alla medicina, creando un ambiente diverso per gli studenti.

“Non è moda”, Ermoli ripete per tutta la conversazione. E da terapie alternative, come riflessologia, musicoterapia, yoga, disegno terapeutico e pittura, hanno osservato Come migliorano la risposta al trattamento e la qualità della vita per i pazienti, le loro famiglie e i medici che li curano.

Cura del paziente pandemico e attività terapeutiche

“È importante non perdere un minuto di allenamento”. Durante la pandemia, il quarto presidente è rimasto attivo e ha cercato un modo per reinventarsi in modo virtuale. Con Lezioni Zoom e Ateneo Virtuale. Inoltre, è stato realizzato Troppa attenzione al supporto emotivoE il “La tappa che ci è mancata per i pazienti che vivono molto nell’ansia a causa della situazione in cui si trovano; molti da soli perché provengono da un’altra contea, e gli anziani che non ricevono visite”

Gli incontri includono laboratori di riciclaggio, musicoterapia, consapevolezza, riflessologia, disegno terapeutico, lettura e persino imparare a imparare a degustare il vino. “Se si parla di un trattamento umano, il paziente deve riceverlo quotidianamente”.

Inoltre, con vari professionisti, organizzano Attività per i pazienti che spaziano dalla musica alla cucina “tutto personale”.

Non si tratta solo di riprodurre musica di sottofondo. Ma include avere artisti nelle stanze. Cantanti riconosciuti Vicentico facevano parte di questa iniziativa. Come musicisti dei conservatori pubblici, si sono fatti avanti per suonare il flauto per i pazienti e le loro famiglie.

Nonostante la sospensione delle attività culturali il 20 marzo 2020 con l’emergere della pandemia di coronavirus e la previsione della quarantena obbligatoria, sono stati in grado di tenere incontri virtuali. Come i laboratori di respirazione per gestire lo stress e l’ansia, molto comuni di questi tempi.

Nella nostra sedia, gli chef più importanti di Buenos Aires, come Narda Lepes, venivano a cucinare cibo per i malati, e lo servivano su tovaglie disegnate da Jessica Trosman per esempio». in genere, I pazienti che una volta arrivavano ad Ermoli e tornavano وعاد Per scaldarli per trasmettere agli altri ciò che il medico ha fatto loro. Una sorta di “catena di carità”.

per chiudere la nota, Ermoli ammette che tre cose che lo hanno contraddistinto nella sua vita lo hanno spinto a intraprendere la propria strada: Primo, il pensiero socratico che chiama Prima di chiedere, cerca di trovare la risposta migliore.; In secondo luogo, la legge dell’avarizia e comeLe cose sono più semplici di quanto a volte appaianoInfine, Confucio:Me ne hanno parlato e io l’ho capito, l’ho fatto e l’ho imparato».

“L’essenza non dovrebbe essere solo medicinale. Ma l’aspetto che avevano gli antichi greci, che tenevano conto dell’ambiente, della salute e dell’importanza della musica. sicuro, Basta tornare alle origini.

Maggiori informazioni su gente.com.ar

Discussioni

Commenti

READ  Scienziati italiani simulano il suolo marziano nei test del nuovo rover digitale Ulhar