Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il prossimo concerto di Manu nella Hall of Fame: i sentimenti e gli ospiti della star argentina

Sabato 10 settembre, l’argentino Mano Ginobili sarà inserito nella Basketball Hall of Fame

Sabato prossimo, 10 settembre, non sarà più per gli sport argentini. Non per la National Basketball Association e tanto meno per il miglior giocatore della sua storia. Emmanuel David Ginobili passerà sicuramente nell’eternità. È già nel cuore e nella mente di tutti, non solo di noi argentini, perché Manu è uno di quegli atleti che ha raggiunto entrambe le imprese: ammirare la mente e amarla con pura passione. Perché questo 45enne bahense ha unito il meglio dell’argentino: ha giocato con passione ma allo stesso tempo con ragione, con cuore caldo e mente fredda, ha vinto tutto e si è comportato da gentiluomo, “bianco” come al solito si dice, ma mai straripante: nessuna rissa con un compagno di squadra o avversario, nessun allenatore o arbitro, nessuna espulsione, per non parlare di uno scandalo. Non si conoscono polemiche durante una carriera durata 23 anni. L’atleta perfetto, la persona che incarna solo il meglio dell’Argentina, quello che tutti noi vogliamo essere atleti e cittadini, l’ambasciatore che ogni paese del mondo vuole…

Quindi, quello che accadrà a Springfield, nel Massachusetts, sarà la ciliegina sulla torta, la ciliegina sulla torta, come risultato di ciò che ha fatto Manu. A volte si parla così tanto di esempi che quando devi usare quel termine in un termine reale, dentro e fuori dal campo, la parola sembra piccola. In questo caso è giusto. ideale. Per questo L’ingresso di Bahiense nella Basketball Hall of Fame sarebbe una misura drastica di giustizia in quanto si tratta di un premio che va oltre l’NBA. Anche la nostra scelta. Questo è un premio per il contributo – incommensurabile – che MG ha dato al basket mondiale.

Naturalmente, i quattro anelli importanti della NBA (2003, 2005, 2007 e 2014), le medaglie olimpiche (bronzo nel 2008 e oro nel 2004, che hanno raggiunto uno dei più grandi traguardi della storia dello sport: la battuta, come personaggio, e il stellato squadra statunitense nelle semifinaliste NBA Pro), scelte All-Star (2005 e 2011), premio Sixth Man of the Year (2008), due volte scelte come terzo miglior quintetto della stagione e una volta è stato uno votare per essere l’MVP in finale (2005).

Ha anche fatto la storia come parte di un’organizzazione che ha scritto pagine gloriose per un decennio e mezzo Era un membro di uno dei Tre Grandi – insieme a Tim Duncan e Tony Parker – più vincitori – n. 1 nelle vittorie – e ricordato. Manu ha anche l’impressionante vantaggio di avere la migliore percentuale di vittorie (72,1%, grazie a un record di 762 vittorie e 295 sconfitte) della storia tra 141 giocatori che hanno giocato più di 1.000 partite nella fase regolare NBA. È anche il più grande rubatore (1.392) e tiratore da 3 punti (1.495) nella storia degli Spurs, e rimane quarto in punti e assist. Per tutto questo, oltre a giocare fino ai quarant’anni, gli è stata tirata la maglia numero 20. Ma, ovviamente, non si ferma qui. Con la nazionale ha vinto altri due titoli (pre Mondiali 2001 e preolimpici 2011), e il secondo classificato mondiale (2002). La sua impronta era anche profonda in Europa, avendolo nel 2001 classificato come il miglior giocatore in quel continente. Con il Kinder Bologna nel 2001 ottiene la Triple Crown aggiungendo Eurolega, Coppa Italia e Lega, con migliori giocatori consecutivi in ​​Lega, un altro in Coppa Italia e quarto in Eurolega.

    Emanuele  "manu" Ginobili con Greg Popovich, uno degli allenatori più importanti della sua carriera
Emmanuel “Manu” Ginobili con Gregg Popovich è uno degli allenatori più importanti della sua carriera

Non basta una travolgente biografia, allo stesso modo, per determinare il segno profondo che ha lasciato in questi due decenni: il modo in cui ha modificato il gioco in un certo stile (con lusso da star, come cinture e pipe e passaggi improbabili, e il azioni di un lavoratore, come buttarsi a terra per prendere un pallone), e come ha brevettato una delle mosse più iconiche di tutti i tempi (Eurostep), e come ha cambiato l’importanza del Sesto Uomo senza pensare a tutto ciò che ha potrebbe perdere lungo la strada (minuti, scatti, riconoscimenti e milioni di dollari). E possiamo continuare ad enumerare i meriti che lo renderebbero il primo giocatore di lingua spagnola e il terzo latinoamericano – dopo i brasiliani Oscar Schmidt e Oberatan Pereira, oltre a Hortensia tra le donne – ad essere immortalato all’HOF. insegnante per raggiungere questo obiettivo, Manu ha dovuto superare tre candidati, con voci diverse da panel di specialisti che hanno analizzato titoli, premi, eredità, impatto sociale e persino il suo comportamento. Tutto è stato preso in considerazione. E Manu li superò comodamente. Tanto che è stata un’elezione unanime: i 24 che hanno votato hanno convenuto che l’argentino non poteva mancare. E tutto al suo primo anno di eleggibilità, privilegio riservato agli eletti.

READ  ◉ Il fiume del giorno: cosa ha detto Julian Alvarez sull'elogio di Guardiola, sul prossimo contendente alla Coppa d'Argentina e sulle ultime notizie

Ma ora la festa sta arrivando, è tempo di salire sul palco, ricevere l’onore e fare il discorso davanti a milioni di spettatori. Il momento si sta diffondendo oggi sui social. Questo, nella storia, ha momenti così epici, che è impossibile raccontare, perché è il momento in cui l’atleta si guarda indietro e ringrazia tutti coloro che lo hanno aiutato a essere quello che è: genitori, fratelli, figli, amici, famiglia, allenatori, colleghi, concorrenti, Tutti. È tempo di non dimenticare nessuno, che lo ha insegnato, aiutato e sfidato… Insomma, le idee ispiratrici.

Oggi Manu è considerato quasi un evento aggiuntivo. Non è troppo eccitato e non vede particolarmente l’ora di questo momentocome si diceva Infobae. Bahinsey vede che il potere della sua carriera è finito, che è stato in campo, con i compagni, in ogni allenamento, in ogni vittoria, in ogni sconfitta, in ogni spogliatoio… Ma sarà diverso quando arriverò fino a quel giorno, quando arriverò a quel giorno. Il luogo, quando sale sul palco, e soprattutto, quando punta il microfono verso la bocca e deve iniziare a parlare… le gambe gli tremeranno sicuramente un po’ – sicuramente non è mai successo nella sua carriera da giocatore – e la sua voce si spezzerà. Perché quando guardi davanti a te ci saranno molti che ti hanno aiutato fianco a fianco in modi diversi. E non ci saranno altri, più amati da loro.

Con il Tottenham ha guadagnato quattro episodi NBA (2003, 2005, 2007 e 2014)
Con il Tottenham ha guadagnato quattro episodi NBA (2003, 2005, 2007 e 2014)

Perché Giorgio non ci sarà Conosciuto come Yuyo, suo padre e insegnante. Da loro ha ereditato la passione per il basket, la sua personalità e il suo modo di essere. Un appassionato di basket, la sua società (Bahiense del Norte), la sua famiglia e suo figlio che oggi ha un delicato problema di salute e non può viaggiare. E di certo non c’è nemmeno Raquel, sua madre e il suo sostegno incondizionato. Sempre, che ancora non è convinto di viaggiare e di stare al fianco di suo figlio. “Più visto in TV”Dice che all’età di 76 anni, la stessa cosa ha ripetuto più volte durante la carriera di Manu, quando gli hanno chiesto di andare a trovarlo negli Stati Uniti, in Europa o in qualsiasi parte del paese. Era molto tesa. Sebastian, il fratello di mezzo, non lo sarebbe. Leandro, il personaggio più anziano, aperto e completo, completamente diverso dal resto della famiglia, sarà l’unico rappresentante diretto della famiglia.

READ  Nazionale argentina: la storia di Bielsa sulla prima volta che ha visto giocare Messi: "Metti il ​​video a velocità normale".

Ma, ovviamente, Manu non sarà solo. La quota assegnatagli dall’organizzazione è stata completamente esaurita e ha persino dovuto escludere alcune voci importanti, come Gaetano Gebbia Quel tecnico che lo salutò quando Mano arrivò dall’Argentina, appena 20enne, e gli diede le prime lezioni a Reggio Calabria, prima in seconda divisione, e poi dopo la promozione, in Liga. Né altri suoi allenatori che lo hanno aiutato, soprattutto in nazionale, come Robin Magnano -DT per la leggendaria generazione d’oro che Manu ha guidato così bene sul campo- e Sergio Hernandez. Sì, invece, dirà il presente Giulio Lama, Nonostante oggi stia lavorando a pieno titolo con Abel Balbo nello staff tecnico del centro di Cordoba e cerchi di salvare la squadra di Santiago dalla retrocessione dal campionato professionistico. Viaggerà anche lui Oscar Egg Sanchez, DT che in qualche modo lo scoprì, quello che gli insegnò a colpire la palla tra le sedie di casa al Passaggio Vergara 14 dove vive ancora sua madre, che gli comprò dei “paraocchi” per migliorare il suo dribbling, che gli insegnò i primi trucchi e fece il suo debutto professionale, nel 1995, ad Andino de la Rioja, quella sera al centro sportivo di Mar del Plata.

Saranno presenti anche molti compagni della generazione d’oro. Ora confermati sono: Luis Scola Arriverà dall’Italia, dove oggi è il più grande titolare del club varesino, Fabrizio Oberto da San Antonio, dove trascorre metà dell’anno e va abitualmente con Manu, il suo amico ed ex compagno di squadra e il Tottenham Hotspur – campione nel 2007-, André Nocioni Dal generale Biko – da dove tiene conferenze e partecipa a trasmissioni ESPN – e Bambino Sanchez, da Bahía Blanca, dove ha una squadra di basket e un centro ad alte prestazioni – il Dow Center -. Ci sono più ospiti di questa squadra leggendaria, forse la migliore nella storia dello sport argentino, ma molti di loro devono ancora decidere se viaggeranno. Per esempio Paolo Prigioniche sarebbe stato assistente di Nestor Garcia all’Americup in Brasile e non poteva viaggiare.

READ  Griezmann torna ad allenarsi, ma il Barça vede del potenziale in Inghilterra, Francia e Italia - Prinsa Lieber

Coloro che non mancheranno sono i compagni di battaglia degli Spurs, soprattutto i più importanti, Da Tony Parker a Tim Duncan, che è stato scelto per presentare Manu alla cerimonia. Un anno fa, quando le Isole Vergini sono salite sul palco per ricevere l’onore, ha detto proprio che non vedeva l’ora di vederli, Manu e Parker, in quel punto. “Se lo meritano. È stato un onore condividere con voi la corte, grazie per tutto, per l’amicizia, il cameratismo, la fratellanza e ogni esperienza che abbiamo fatto insieme”. Ora sarebbe il contrario, proprio come voleva Tim. Un momento speciale e unico. Questo, anche se non crede, lo renderà emotivo. Come se ognuno di noi fosse cresciuto adorando un idolo…

Continuare a leggere:

Nonostante la “straordinaria prestazione” di Laprovittola e il lampo di Campazzo, l’Argentina è caduta in Canada
È stato nominato il miglior giocatore di basket di strada della storia e ha avuto il lusso di dire di no all’NBA: “Ha fatto più soldi vendendo droga”.