Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il prezzo dell’elettricità rifiuta, come minimo, l’anno più costoso della sua storia

Il prezzo all’ingrosso dell’elettricità in Spagna, che funge da riferimento per i clienti con una tariffa regolamentata o PVPC, è Dice addio ai minimi annuali nel 2022l’esercizio più convulso della sua storia, che ha portato a una politica energetica concordata tra i partner europei.

il 1,82 € / megawattora (MWh) Essere pagati a Capodanno è solo un’eccezione per un anno con cui si è chiuso “The Gathering”. prezzo medio 210,2 €/MWh, Questo è l’88% più costoso rispetto ai circa 112 €/MWh nel 2021 a causa di vari fattori, tra cui la guerra in Ucraina e l’aumento delle temperature.



Il 2022 ha intensificato il trend rialzista registrato nei mercati all’ingrosso rispetto all’anno precedente, quando l’aumento dei prezzi del gas nei mercati internazionali in cui erano quotati e l’aumento del costo dei diritti di emissione di anidride carbonica li hanno spinti verso livelli insolitamente elevati.

Per questo ho contribuito Invasione dell’Ucraina che fin dai suoi primi appelli, il 24 febbraio, ha incontrato una risposta quasi unanime da parte dell’Unione Europea – e dell’Occidente – sotto forma di sanzioni contro la Russia, fonte del 40% del gas consumato nella regione.

Ciò ha provocato una rapida risposta del Cremlino, che ha minacciato Bruxelles a marzo Gas naturale inviato attraverso il gasdotto Nord Stream 1che ha aumentato la volatilità di questa merce.

In questo contesto, l’”assemblea” in Spagna, l’8 marzo, ha battuto il record di 383,67 euro/megawattora del 23 dicembre 2021, e ha raggiunto il massimo ancora oggi valido di 544,98 euro/megawattora, moltiplicandolo di più di nove l’importo. Solo un anno fa.

Meccanismo iberico

Quel mese, i MWh hanno superato i 300 euro in otto sessioni; Inoltre, il 7 ha raggiunto i 442,54 euro, e il 9 marzo i 472,97 euro.

READ  L'Unione Europea condanna la "guerra di Putin" e intende inondare l'economia russa

Nel bel mezzo del dibattito sulla sovranità energetica, la Spagna – che da tempo chiedeva a Bruxelles di riformare il mercato elettrico – e il Portogallo, sono riusciti a ottenere da ventisette paesi la concessione di caso di Isola Energetica.

il Il basso livello di interdipendenza con il resto dell’Unione Europea e l’alto tasso di fonti energetiche rinnovabilia cui si aggiunge una dipendenza significativamente inferiore dal gas russo rispetto a paesi come la Germania, ha aperto loro la porta per negoziare un meccanismo temporaneo che limiterebbe il passaggio del gas alla bolletta elettrica.

Dopo mesi di colloqui, nella seduta del 14 giugno è entrata in negoziazione la “eccezione iberica”, che determina il prezzo di questa materia prima per la generazione elettrica, con un prezzo medio di 225,22 euro/MWh per il giorno successivo.

L’importo finale è ora determinato sia dall’asta che dal nuovo emendamento che i beneficiari pagheranno per compensare gli impianti che utilizzano il gas per produrre energia elettrica.

Anche se il meccanismo riluttante si avvia Il PP è stato classificato come “truffa iberica” Affermando di finanziare gas più economico per la Francia, l’allentamento è diventato più pronunciato a luglio.

Tenuto conto dell’asta e dell’adeguamento, in sette giorni sono stati superati i 300 €/MWh, ma senza cap sarebbero stati superati in venti.

corsi combinati

I corsi combinati sono diventati campioni ad agosto, il mese con l’elettricità più costosa della storia, 308 EUR/MWh in media, Secondo i dati preparati da EFE.

Ed è che le ondate di caldo che hanno attraversato la penisola iberica, e la mancanza di vento, nebbia e siccità, hanno influito negativamente sulla produzione di energia rinnovabile, che è la tecnologia meno costosa, in estate.

READ  La Spagna sta perdendo stranieri iscritti alla Previdenza Sociale, nonostante abbia bisogno di milioni di lavoratori

La soglia dei 400 euro è stata così superata in cinque giorni, con MWh a 450,85 euro il 24 agosto; a 400,9 euro, il 27; A 426 euro, il 29; Al prezzo di 475 euro, il 30, e a 486,21 euro, il 31.

Tuttavia, se non fosse stata inclusa la “eccezione iberica”, il prezzo medio in quelle stesse date sarebbe stato compreso tra 533,46 e 492,19 euro.

Dopo il mese di settembre, che lo ha segnato sospetto sabotaggio dovuto a perdite nel Nord Stream, Ad ottobre i prezzi sono stati moderati, scendendo sotto gli 80 €/MWh per la prima volta in un anno.

Il più economico è stato novembre, il mese più economico dell’anno, con una media di 124,43 euro/MWh di energia elettrica, in calo rispetto a dicembre, quando i MWh sono tornati ai livelli di inizio 2021 grazie a un canone giornaliero minimo annuo di 1,82 euro.

Il prezzo medio dell’ultimo mese, circa 136 €/MWh, è stato inferiore di quasi il 43% rispetto all’anno precedente, dato lo sviluppo in quest’ultima fase delle rinnovabili, con eolico e fotovoltaico sulla buona strada per superare i propri limiti.

La situazione in Europa

Il prezzo cumulativo medio dell’energia elettrica in Spagna era di circa 210,2 EUR/MWh 25 euro in meno rispetto a quanto sarebbe stato senza il tappo del serbatoio.

Se si considerano solo i mesi con la “eccezione iberica” ​​- che durerà fino al 31 maggio 2023 – l’importo sarà di circa 209 euro/MWh, con il conguaglio, contro i 254,76 euro di quelli che saliranno senza il meccanismo.

Secondo il governo, questa misura ha consentito agli spagnoli di risparmiare oltre 4.000 milioni di euro nei primi sei mesi.

READ  La Fed inizia a diminuire e in meno di un anno aumenterà i tassi

Questi prezzi sono inferiori a quelli di altri Paesi limitrofi, in particolare l’Italia, che il 29 agosto ha pagato 740,1 euro per megawattora, risentendo della forte dipendenza della sua economia dal gas.

Il giorno dopo, i prezzi per la Francia, che ha fermato quasi la metà del suo parco nucleare per vari motivi, sono saliti a 743,84 euro/MWh, mentre la Germania ha sfiorato i 700 euro il 26 agosto.

Dall’inizio dell’eccezione iberica, i MWh sono stati pagati in media in Italia a 355 euro; In Francia, a 320 euro, e in Germania, 282,4 euro.

Nonostante il voto contrario dell’Ungheria e l’astensione di Olanda e Austria, l’Unione Europea ha concordato, nello specifico, di limitare il prezzo delle importazioni di gas a 180 euro/megawattora nei contratti future all’ingrosso dal prossimo 15 febbraio.