Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il prezzo dell’elettricità aggiunge un nuovo record in Spagna e diventa il più caro d’Europa

Questi dati schiacciano quella che era di gran lunga la seconda tariffa giornaliera più costosa mai registrata nel 2021.
EP

Il prezzo basso è completo Non è disciplinato. Per il secondo giorno consecutivo, dopo che martedì il prezzo ha raggiunto i 90,95 euro per megawattora, il prezzo sul mercato all’ingrosso (detto “pool”) ha segnato ancora una volta un record, attestandosi a 94,63 €, e ha toccato i 94,99 euro l’8 gennaio con Filomena e Quarto prezzo più alto della sua storia, secondo i dati dell’operatore del mercato iberico (OMIE). È anche il più costoso nei principali paesi europei, subito prima Regno Unito, Al prezzo di 94,48 euro. Segue l’Italia a 90,60 euro. Belgio 87,84 euro, Paesi Bassi 87,62 euro, Francia 86,85 euro, Germania 85 euro e Paesi nordici 44,45 euro.

Questo prezzo interessa solo i consumatori che si trovano in mercato organizzato, al Voluntary Small Consumer Price (PVPC), che è tradizionalmente più economico del mercato libero, secondo la National Market and Competition Commission (CNMC). Il prezzo dell’energia è circa il 30% della bolletta totale, il resto sono costi regolati (50%) e tasse (20%).

Questo aumento dell’elettricità non ha nulla a che fare con l’arrivo di nuovi prezzi, che sono stati lanciati il ​​1 giugno, sebbene questa nuova struttura Un prezzo “piscina” più alto porta a più luce in ore più costose Da oggi (“picco”), che corrisponde al periodo dalle 10:00 alle 14:00 e dalle 18:00 alle 22:00 dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi. Il motivo di questi numeri costoso In Spagna è lo stesso delle ultime settimane e mesi, che è molto alto prezzo del gas naturale Nei mercati internazionali così come i diritti sulle emissioni di anidride carbonica, a cui ora dobbiamo aggiungere نضيف forte richiesta Elettricità Spinto dalle alte temperature.

READ  IRIN TINAGLE: IRIN TINAGLE: "Se vogliamo un'unione unificata e solidale, dobbiamo evitare la concorrenza fiscale sleale tra le nazioni" | Economia

I diritti di emissione di gas e anidride carbonica incidono direttamente Corsi combinati che brucia gas naturale, ma anche Acqua, Le due tecnologie che solitamente determinano il prezzo in questo momento, secondo l’esperto di energia, Francesco Valverde. Bene, prenota centrali idroelettriche verso il basso, quindi, il utilità-prezzo di getti d’acqua allo stesso livello dei corsi compositi. Una situazione che non ha segnali di miglioramento nei prossimi mesi, se non in casi eccezionali perché Il prezzo dell’anidride carbonica ha solo un volo verso l’alto, Mirando specificamente ad aumentare il prezzo per tenere fuori le tecnologie inquinanti.

“L’unica cosa che può abbassare i prezzi è Vento E questo non è il momento”, ammette Valverde. Quindi l’unica “speranza” è che Il gas sui mercati internazionali diventa più conveniente, Ma è stato rilasciato mesi fa. Per questo motivo, il governo vuole ridurre i profitti che le aziende elettriche ottengono dalle centrali nucleari ed elettriche a causa dell’aumento del Diritti di emissione di CO2 Di circa 1.000 milioni di euro (che ridurrà la bolletta elettrica per i consumatori domestici del 4,8%, secondo il dirigente), oltre a trasferire parte dei costi della bolletta alle società energetiche (questo significa una riduzione del 12% dall’incasso alla fine della sua attuazione graduale che durerà cinque anni).

Ma entrambe le procedure richiedono a Le procedure parlamentari saranno lente Non dovrebbe essere rilasciato prima Gli ultimi mesi dell’anno. Pertanto, l’altra opzione per abbassare la bolletta è farlo attraverso le tasse, cioè attraverso una delle due imposte riscosse sulla bolletta elettrica – l’imposta sul valore aggiunto del 21% o l’imposta speciale sull’energia elettrica al 5, undici per cento -. Oppure farlo sospendendo o abrogando l’Electricity Generation Tax che tassa al 7% la produzione di energia che le aziende elettriche trasferiscono ai consumatori, misura già varata dal ministro per la Trasformazione ambientale, Teresa Ribera, tra gli altri rivolta ai consumatori più vulnerabili, quando i prezzi “rosa” nell’estate del 2018 a 71,27 euro in media a settembre, Il prezzo giornaliero record di quell’anno è stato di 75,93 euro il 19 settembre. I numeri sono molto più bassi dei numeri attuali.

READ  Protezionismo nel turismo - El Periódico de Aragón

in questo senso, Organizzazioni e sindacati dei consumatori come L’UGT è arrivata al passo dell’aumento dell’energia elettrica e chiede all’esecutivo di “ridurre urgentemente il prezzo dell’energia elettrica per le famiglie e l’industria e stabilire una volta per tutte un sistema di tariffazione per porre fine all’insostenibile aumento dell’energia elettrica e degli altri beni di prima necessità”. Inoltre, chiede di porre fine alla povertà energetica e di accettare permanentemente il divieto di interrompere le forniture di elettricità, acqua e gas nella sfera domestica, adottato durante la pandemia.