Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Portogallo spera di ripristinare i numeri del 2019 entro due anni

Rivitalizzare il turismo e ripristinare i visitatori è l’obiettivo più grande su cui le destinazioni turistiche stanno lavorando con l’avvicinarsi dell’estate. In questa linea c’è anche il Portogallo, che ha recentemente lanciato un file Un piano per rilanciare il settore diversificazione delle attività. Il Ministro di Stato per il Turismo, Rita Marquez, parlare con locandiere entro Caratteristiche, una rassegna a cui questo Paese partecipa da 30 anni e che ha voluto essere anche quest’anno, in un’edizione così speciale, come segno del suo impegno nel turismo e negli affari.

In che modo l’epidemia ha colpito il settore turistico in Portogallo?

È stato un anno molto difficile per tutti i paesi, sia di invio che di ricezione del turismo. Abbiamo avuto una carcerazione molto severa di sei mesi, con un piccolo buco nel mezzo. I proprietari di hotel non hanno chiuso, solo alcuni di loro lo hanno fatto per decisione di uomini d’affari, ma non per imposizione del governo. Abbiamo capito che era necessario ospitare operatori sanitari e altri professionisti.

La nostra priorità lo scorso anno era mantenere la sicurezza e poi mantenere il business. Abbiamo messo in atto una vasta gamma di misure per garantire la loro sopravvivenza di oltre 2.600 milioni di euro in aiuti finanziari. La maggior parte di loro è riuscita a superare questa situazione ed è pronta a lavorare e ad accogliere i turisti che vogliono venirci a trovare. Il Portogallo è aperto dal 1 maggio. Ora gli indicatori sanitari sono molto buoni ed è tempo di rivitalizzare il turismo.

Come ti prepari a ricevere i turisti?

Non abbiamo mai smesso di comunicare Siamo stati il ​​primo mercato a lanciare una campagna internazionale all’insegna dello slogan “È ora di smettere.” Era un messaggio difficile, ma era una realtà. L’anno scorso, nel bel mezzo di una pandemia, abbiamo vinto il Best Tour Brand in Europe. Ora abbiamo presentato un piano specifico per il turismo. È molto ambizioso e intendiamo seguire le procedure che abbiamo definito quattro anni fa e crediamo che ci siano le condizioni per raggiungere gli obiettivi.

READ  La Commissione europea riceve un piano di ripresa dalla Polonia

Quali sono gli assi principali del piano?

Ne ha quattro. Il primo riguarda le aziende, per assicurarsi che abbiano il capitale per riprendere la loro attività. Il secondo è garantire un livello di sicurezza più elevato per tutti coloro che desiderano visitare il Paese. Terzo, creare affari attraverso campagne per promuovere la nostra immagine internazionale. Il quarto è costruire il futuro.

Abbiamo una serie importante di misure relative alla sostenibilità e alla digitalizzazione perché vogliamo più turismo, ma vogliamo anche proteggere il pianeta

Rita Marquez, al Padiglione Portogallo, all’ultima edizione di Vitor, svoltasi lo scorso maggio.

Quali sono le vostre aspettative per l’estate?

L’anno scorso abbiamo avuto un’estate positiva, nonostante la pandemia, e prevediamo che quest’anno sarà migliore del 20-30%, anche se non torneremo ai numeri del 2019 fino al 2023. Nel 2019 il Portogallo ha registrato 27 milioni di turisti, quasi 17 milioni di loro sono stranieri.

Quest’anno prevediamo 12 milioni di passeggeri, tra nazionali e stranieri, rispetto agli otto milioni dell’anno scorso

Quali sono i principali mercati esteri?

Spagna, Regno Unito, Francia, Italia, Germania e Brasile.

Il Portogallo è la destinazione più trendy del mondo. Hai mai temuto che l’epidemia danneggi la tua immagine turistica?

Francamente, il contrario. Il marchio turistico portoghese è uscito forte da questa pandemia. Abbiamo avuto tempo per pensare a cosa vogliamo per il futuro, per pensare a un turismo più sostenibile e più rispettoso del pianeta, e penso che ora abbiamo condizioni migliori per raggiungere questo obiettivo.

Hai pensato anche al modello turistico?

Abbiamo una strategia molto chiara per il turismo, progettata quattro anni fa, che sta emergendo con successo di più con questa pandemia ed è ben compresa da datori di lavoro, lavoratori e agenti del settore. Posso evidenziare due aspetti molto positivi in ​​questo momento. Da un lato, molte aziende hanno fatto investimenti significativi per rinnovare i propri asset, e dall’altro, con le scuole di turismo in Portogallo, abbiamo sviluppato un programma di formazione online gratuito seguito da più di 80.000 persone, la formazione con più impegno è stata legata a digitalizzazione e sostenibilità. È un buon segno di come le aziende si stanno preparando per il futuro. Inoltre, stiamo sviluppando un piano per accelerare la sostenibilità nei prossimi tre anni.

READ  Inditex sta già vendendo più di prima della pandemia | Economia

Quali misure concrete promuoveranno?

Il piano ha quattro assi, uno dei quali è investire nell’offerta affinché gli imprenditori si adattino a tutto ciò che riguarda il digitale e il verde e dal punto di vista dei consumi, dell’energia e dell’acqua… Un altro riguarda la formazione e la qualificazione dei persone. Il terzo si concentra sulla visione e su come promuoviamo il Portogallo come destinazione sostenibile. Il quarto riguarda il monitoraggio. Abbiamo già quattro osservatori di sostenibilità sul territorio, sette regioni e tre ne mancano, e questo ci aiuterà a vedere cosa dobbiamo migliorare.

Cosa ne pensi del certificato verde digitale che verrà implementato nell’Unione Europea per facilitare gli spostamenti?

Durante questo primo semestre, il Portogallo presiede il Consiglio dell’Unione Europea e abbiamo lavorato duramente per ottenere il Certificato Verde Digitale. È una misura positiva che, se messa a frutto dagli Stati membri, è importante evitare le quarantene e assicurarsi che tutti possiamo viaggiare in sicurezza. Inoltre, abbiamo il nostro sistema che viene ora implementato come beta test a Madeira.

Oltre quattro anni fa hanno lanciato il Progetto Revive per restaurare edifici storici e metterli in mani private, attraverso un sistema di concessione, a fini turistici. Come si sviluppa?

molto buona. Abbiamo appena inaugurato un monastero molto vicino a Lisbona, in un’area protetta. Dei 44 edifici che compongono il programma, ne costituiscono 24 di quelli già realizzati o in concorso, alcuni dei quali già aperti, altri in costruzione. Finora, gli investitori, principalmente portoghesi, hanno investito 150 milioni di euro in questi edifici iconici. Inoltre, per lo Stato, rappresenta un reddito di 2,4 milioni all’anno per un patrimonio abbandonato. Abbiamo anche una linea di finanziamento in ottime condizioni, abbiamo 150 milioni di euro.

READ  Il Barcellona si allena nella capitale, di Mikel Molina