Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il PIL del G20 potrebbe diminuire del 4% nel 2050 se non si riducono le emissioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2021 – 01:03

Madrid, 28 ottobre (EFE). – Se la situazione attuale dovesse continuare, le perturbazioni climatiche potrebbero causare “un calo del PIL del 4% nel 2050 e dell’8% nel 2100” nel gruppo di nazioni del G20, che rappresenta l’80% delle emissioni globali di anidride carbonica, secondo un rapporto. il Centro euromediterraneo per il cambiamento climatico (CMCC).

Lo dimostra l’“Atlas of Climate Impacts for the Group of Twenty”, un rapporto del Center for Climate Change, il principale centro di ricerca italiano sui cambiamenti climatici, i cui specialisti collaborano con l’Intergovernmental Panel of Experts on Climate Change (IPCC) .

Secondo i loro dati, se le emissioni continueranno ad aumentare, “nessun aspetto della vita nei paesi del G20 rimarrà ai margini del cambiamento climatico”, poiché non solo l’economia sarà “gravemente” colpita, ma anche l’approvvigionamento alimentare, la disponibilità di acqua e salute umana in tutti i paesi membri del Gruppo dei Venti.

Nello specifico, Stati Uniti, Arabia Saudita, India, Giappone e Corea del Sud potrebbero vedere “un calo del PIL di oltre il 10%” a causa del peggioramento degli impatti climatici, mentre Canada, Indonesia e Sudafrica subirebbero “perdite superiori al 13%. %.”

Il rapporto aggiunge che tagliare le emissioni “ridurrebbe significativamente i danni” perché se l’aumento della temperatura fosse limitato a 2 gradi – nonostante l’accordo di Parigi miri a contenerlo a 1,5 gradi – il costo degli impatti climatici nel G20 scenderebbe ad appena lo 0,1%. del PIL nel 2050 e dell’1,3% nel 2100.

Tra le conclusioni di questo documento c’è l’avvertimento che “il PIL nell’UE nel suo insieme diminuirà di circa il 2% nel 2050 e del 5% nel 2100” ma se questi effetti rimangono “a livelli bassi”, il calo sarà da “2 % nel 2100 e meno dell’1,5% nel 2050”.

READ  Il Badalona Cryptocurrency Expo, accusato di frode, attira migliaia di giovani

Inoltre, le coste del Mediterraneo “potrebbero subire un’erosione fino a 10 metri all’anno”, che avrà un impatto negativo sul turismo nella regione.

Lo studio rileva inoltre che l’area bruciata dagli incendi “potrebbe aumentare di 1.659 chilometri quadrati all’anno da qui al 2050” – un’area più grande delle dimensioni di Londra – e lo scenario peggiore per tali incidenti esisterebbe “nei paesi del Sud e Est Europa, come Spagna, Italia, Grecia, Polonia e Balcani”.

Tra gli effetti dell’aumento termico incontrollato, il Centro di controllo dei cambiamenti climatici prevede che “le ondate di calore in Brasile dureranno 76 volte più a lungo tra il 2036 e il 2065 e la pesca in Francia potrebbe diminuire fino al 45% entro il 2050 e potrebbe superare il 90% degli americani ha la febbre dengue”.

Questo documento, compilato da più di 40 scienziati, rileva che “negli ultimi 20 anni, i decessi legati al calore sono aumentati di almeno il 15% in tutti i paesi del G20”, mentre gli incendi in tutti i paesi di questo gruppo hanno bruciato “un’area più ampia da una volta e mezza la dimensione del Canada.

I continui tagli alle emissioni ridurrebbero questo triste scenario, così, ad esempio, “la potenziale perdita di catture di pesce in India sarebbe dimezzata con basse emissioni” mentre “negli Stati Uniti, i tagli alle emissioni ridurrebbero di oltre la metà i danni economici causati dal mare i livelli aumentano” rispetto a uno scenario ad alte emissioni.

“Gli indicatori presentati in questo atlante mostrano che il cambiamento climatico colpisce tutti gli aspetti della vita: salute, approvvigionamento alimentare o modi di guadagnarsi da vivere”, ha sottolineato la dott.ssa Michelle Tegellar, della Stanford University, California (USA).

READ  Record storico di esportazioni a Malaga ma con un deficit commerciale

Per questo motivo, ha chiesto ai leader del G20 di identificare “le comunità che hanno più bisogno di investimenti di adattamento per combattere il caldo estremo, l’innalzamento del livello del mare, il fumo degli incendi e altre minacce del cambiamento climatico”.

mml / ppm / aam

© EFE 2021. È espressamente vietata la ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.