Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il perfetto vicino e padre di famiglia che è riuscito a nascondere il suo passato per 50 anni

Questa immagine, premiata da Bob Van Vert, mostra Tom Randelli, il cui vero nome è Ted Conrad (Foto: Bob Van Vert/Associated Press)

Non riusciva più a parlare. Cancro ai polmoni Lo stava divorando dentro e lui sapeva che la sua fine era vicina. Tuttavia, prima di partire definitivamente, aveva bisogno di partecipare il segreto che conservò per più di 50 anni. Non voleva lasciare il mondo con questo fardello, così sul letto di morte chiamò sua moglie e sua figlia e disse loro la verità.

Thomas Randle Era un vicino perfetto. Viveva con la sua famiglia in una piccola casa in periferia Boston. Pio, colto e gentile, era un classico cittadino amato e rispettato da tutti coloro che lo conoscevano. Si guadagnava da vivere vendendo auto in diverse concessionarie e nel tempo libero si divertiva a giocare Golf al country club. Ecco perché nessuno si stupisce di questo maggio 2021Il suo funerale è stato pieno di persone che hanno pianto la sua perdita e lo hanno ricordato con discorsi commoventi.

Una settimana prima del funerale, il migliore amico di Tom era con lui a casa sua. sua moglie, Kathy Ha chiesto loro di venire perché il cancro era avanzato e suo marito aveva poco tempo da vivere. Quel pomeriggio il gruppo si riunì per l’ultima volta. Hanno raccontato storie divertenti e hanno reso omaggio a Brandel, che era già molto debole e depresso per la sua malattia. Lo descrivevano come uno degli uomini più gentili e onesti che avessero mai conosciuto, e piangevano e ridevano quando dicevano che era un giocatore di golf che non aveva mai infranto le regole. Non lo immaginavano Un uomo che ama la vita familiare La persona che pensavano di conoscere bene non era Thomas Randelli.

READ  Eroe: un cane ha salvato il suo proprietario da un serpente velenoso

In realtà era il suo vero nome Ted Conrad. Ecco come appare negli archivi della polizia. Per più di mezzo secolo fu latitante. Ha eluso la giustizia dopo aver commesso uno dei più grandi furti Dalla data di Cleveland. A soli 20 anni, è entrato in una banca per ottenere $ 215.000 di bottino, l’equivalente oggi di $ 1.600.000. Poi è scomparso senza lasciare traccia.

Tutto iniziò nel 1969, quando Conrad iniziò a lavorare come tesoriere presso Banca Comunitaria Nazionale. Ben presto si rese conto che le misure di sicurezza nella cassaforte erano molto deboli e sapeva che sarebbe stato molto facile rubare i soldi e scappare. Così ha detto a uno dei suoi amici, Russell Metcalfe, secondo la catena Fox News.

Nelle foto, la patente di guida, il mandato di perquisizione e arresto originale e altri documenti relativi alla rapina del 1969 (Foto: AP/Ken Blaz)
Nelle foto, la patente di guida, il mandato di perquisizione e arresto originale e altri documenti relativi alla rapina del 1969 (Foto: AP/Ken Blaz)

Un giorno dopo il suo ventesimo compleanno, il cassiere eseguì il suo piano. Nonostante la sua giovane età e l’inesperienza come ladro, non lasciò perdere nulla. Quando la banca ha appreso del furto, era già troppo tardi. Il ladro ha attraversato diversi stati senza essere catturato.

Dopo aver inferto il duro colpo, Konrad scrisse una lettera alla sua ragazza. Ha spiegato nel manoscritto che sarebbe tornato a Cleveland quando avrebbe fissato la scadenza per la presentazione della causa. Tuttavia, le autorità sono riuscite a incriminarlo e non è mai stato in grado di tornare a casa sua. Decise quindi di continuare il suo viaggio e dopo sei mesi dal furto si stabilì a Boston, A dieci ore di macchina dalla sua città natale. Lì creò una nuova identità: si sarebbe chiamato Thomas Rundle.

READ  Quello che hanno trovato all'interno di una grotta di 40.000 anni è sorprendente - Notizie

Per evitare errori ridicoli che potrebbero portare a dove si trovasse, ha interrotto tutti i contatti con la sua famiglia. Si è fatto crescere la barba e non ha mai parlato della sua vita precedente. Negli anni ’70 ottenne un lavoro in un country club fuori Boston e alla fine fu promosso a manager. Più tardi, nel 1982, sposò sua moglie Cathy, dalla quale ebbe una figlia che adorava. In quegli anni ha cambiato lavoro ed è diventato rivenditore d’auto. Nessuno lo ha mai trovato o riconosciuto, nonostante un agente di polizia di Cleveland lo cercasse da più di quattro decenni.

John Elliot Il vice maresciallo degli Stati Uniti, ha viaggiato per il paese nel tentativo di rintracciare il giovane Conrad. Ma il fuggitivo era astuto e non commetteva errori. Riuscì a stare all’ombra mentre si godeva una bella vita familiare. per serie Volpe Elliott non ha mai lasciato le indagini, anche dopo il suo ritiro, e ha continuato a riesaminare il caso nel tentativo di trovare risposte. Tuttavia, è morto nel 2020 senza sapere dove si nascondesse il giovane rapinatore.

Nel 2021, all’età di 71 anni e morto di cancro, Konrad decise che era ora di confessare. Ha detto a sua moglie e sua figlia cos’era la tua vera identità, Spiegò loro che a vent’anni aveva rapinato una banca a Cleveland. Il figlio dell’agente Elliot, Pete, che è diventato anche lui sindaco ed ha ereditato il caso gestito da suo padre, ha detto alla televisione americana che la famiglia Randelli ha confermato l’informazione.

Sceriffo Marshall Peter J. Elliott, con documenti di indagine (Foto: AP/Ken Blaze)
Sceriffo Marshall Peter J. Elliott, con documenti di indagine (Foto: AP/Ken Blaze)

Quando Thomas Rundle morì, gli investigatori raccolsero dati sui necrologi e scoprirono la verità. La notizia si è diffusa e, sebbene sia stata una sorpresa per molti amici del defunto, non ha cambiato la loro percezione di lui.

READ  Biden ha esortato Putin a ridurre le tensioni con l'Ucraina e ha avvertito che gli Stati Uniti avrebbero "risposto con decisione" a qualsiasi invasione.

“Era solo un’anima gentile, sai, molto gentile e di buon cuore.”Jerry Healy, ex collaboratore di Randle, ha detto a Fox.

“L’unico modo per capirlo è pensare che era solo un bambino a quell’età ed è stata una specie di sfida”, ha aggiunto Matt Kaplan, che gestiva due agenzie per cui lavora Randell, se ce lo avesse detto molto tempo fa.

Per Jerry Healy e poche altre persone nella cerchia ristretta della rapina, molto aveva senso quando è stata rivelata la vera identità di Tom.

“Sai, in tutti gli anni che ho conosciuto Tommy, non l’ho mai sentito nominare sorella, madre, fratello o padre”, ha detto il venditore di auto.

Un altro amico, Brad Anthony, ha aggiunto: “Non puoi ottenere nulla da esso”.

Cosa sia successo al denaro è ancora sconosciuto. Il Marshal Service continua a indagare.

Continuare a leggere: