Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Il nostro benessere dipende da ecosistemi sani”

Javier Albiso – Bruxelles. – Ridurre le emissioni di anidride carbonica è essenziale per mitigare il riscaldamento globale ed evitare che il mondo diventi un luogo molto più inospitale per l’uomo, ma questo sforzo non sarà sufficiente se non si raddoppiano contemporaneamente gli sforzi per proteggere la natura, avverte il Commissario europeo per l’Ambiente, Virginigos Sinkevicios, in un’intervista con EFE.

“Anche se si raggiunge la neutralità delle emissioni, non sarà sufficiente perché nessuna tecnologia può sostituire la capacità degli oceani, dei suoli o delle foreste di assorbire l’anidride carbonica (…) La nostra fune di sicurezza, la nostra economia e il nostro benessere dipendono da ecosistemi sani, ha sottolineato il politico lituano, appena 32enne, nel suo ufficio presso la sede della Commissione Europea alla vigilia dell’inizio della Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sulla Diversità Biologica (COP15), che si svolgerà a Montreal tra 7 e 19 dicembre.

L’obiettivo di questo forum è identificare le pietre miliari nella protezione globale della natura e della biodiversità nel decennio in corso e le linee guida per il 2050, che è la prossima tappa della transizione verso sistemi economici più sostenibili.

Insiste: “L’obiettivo climatico è solo a metà strada. Se vogliamo combattere seriamente la crisi climatica e mantenere le temperature al di sotto di 1,5°C, gli obiettivi climatici possono portarci solo a metà strada”.

Le due facce della stessa medaglia

La data era stata inizialmente fissata a Kunming, in Cina, nell’ottobre 2020, ma è stata modificata a causa della pandemia di Covid-19 e delle restrizioni associate alla Cina e spostata in Canada. La COP15 intende stabilire un quadro globale per la protezione e il ripristino della natura fissando 22 obiettivi per il 2030. Ma inizia con diversi problemi.

READ  Mercato globale dei dispositivi di medicina sportiva 2021-2029 Industria per tipo, applicazione, quota, entrate e regione | 3M Ace Brand, Smith & Nephew, Biomet, BREG

Uno di questi è che i 20 obiettivi concordati nel 2011 ad Aichi (Giappone) per il 2020 non sono mai stati raggiunti. La seconda, e forse correlata alla prima, è che la lotta per la biodiversità ha un impatto minore sulla maggioranza della popolazione rispetto all’azione per il clima, pur essendo due facce della stessa medaglia.

Il riscaldamento globale è evidente, gli eventi meteorologici estremi si stanno moltiplicando e la lotta per evitare che le temperature aumentino di oltre 1,5°C rispetto ai valori preindustriali – che sono già aumentati di 1,1°C – si è intensificata in ambito cittadino, politico ed economico priorità.

“La biodiversità è più difficile da spiegare. Con 1,5°C, è facile relazionarsi”, dice Sinkevicius, chiedendosi se sarebbe utile avere un punto di riferimento facilmente riconoscibile su cui attirare l’attenzione.

“È assolutamente essenziale. Aiuta con il marketing e aiuta a farlo capire a una fascia più ampia della popolazione. Quindi l’obiettivo potrebbe essere ’30 -30′. Francamente, ’30 -30′ è un’ambizione: proteggere il 30% della terra e il 30% degli oceani entro il 2030”.

Come misurare il successo

Questo è l’obiettivo che l’Unione Europea si è posta e che è difeso anche da una coalizione di 100 Paesi guidata da Francia e Costa Rica. Sarà uno degli aspetti che verranno negoziati a Montreal, ma come si misura il successo della COP15?

“In primo luogo, avere un accordo ambizioso che non copra solo gli obiettivi ’30-30′, ma includa anche indicatori, come una sorta di meccanismo di revisione per guardare indietro e vedere fino a che punto siamo arrivati. Siamo anche stati in grado di mettere insieme risorse importanti quando si parla di priorità, è molto importante che abbia una linea di bilancio”, dice l’assessore.

Sinkevicius evita di mettere i numeri perché “si può sempre rispondere che qualunque sia il numero, sarà insufficiente, forse anche parzialmente vero”, e tende a propugnare lo sviluppo degli strumenti finanziari esistenti piuttosto che la creazione di nuovi, che richiederebbero anni di negoziazione.

E come sarà possibile sapere se la COP15, che arriva dopo il vertice sul clima COP27 tenutosi in Egitto con progressi molto moderati, finirà con un fallimento?

READ  Il ritrovamento del corpo di papa Benedetto nella Basilica entro poche ore | La sala sarà aperta diverse ore al giorno fino al 4 gennaio

“Il fallimento non sarebbe raggiungere un accordo, raggiungere un accordo che non è abbastanza ambizioso o un accordo che ha un obiettivo ambizioso ma senza meccanismi di applicazione fino a quando non torneremo indietro di otto anni per vedere perché non l’abbiamo raggiunto. Ciò significherebbe essere un fallimento.” EFEverde