Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il nazionalismo europeo, dice Giovanni Betti, ha influenzato la world music

Il musicologo e pianista italiano Giovanni Pitti ha affermato domenica che il nazionalismo europeo ha influenzato la musica in tutto il mondo e ha anche affermato che “compositori come Frédéric Chopin, Franz Liszt o Antonin Voriac” È diventato un modello di influenza globale.

Bietti, che ogni giorno tiene un concerto sui compositori che vi si esibiscono Festival internazionale di musica di CartagenaQuesti compositori rappresentano non solo lo stile di composizione “ma anche il modo in cui una cultura e un’identità culturale possono essere rappresentate attraverso la musica”, ha detto a Ivey.

“A metà dell’Ottocento gli austro-ungarici imposero grandi tradizioni con composizioni strumentali, Ma c’erano anche l’opera italiana e il balletto francese. Quindi ogni compositore ha dovuto avvicinarsi a queste tradizioni a modo suo e prendere qualcosa da ognuna e capire come distinguersi da esse”.

Ha aggiunto: “Ovviamente la stessa cosa è successa qui in Colombia, abbiamo avuto (compositori come) Adolfo Mejia e Antonio Maria Valencia che scrivevano basilos e pampukos ma hanno anche scritto quartetti d’archi, trii e sonate”.

L’importanza del nazionalismo

Gran parte della musica europea, specialmente della seconda parte del diciannovesimo secolo, non era del tutto nazionale. Ma è stato coinvolto nella “ascesa del nazionalismo”, Pertanto “compositori provenienti da vari paesi dell’Europa orientale sentivano ovviamente di dover esprimere le aspirazioni della gente”.

Ad esempio, i polacchi hanno preso il sopravvento Dai russi, i cechi erano sotto l’influenza dell’impero austro-ungarico E hanno iniziato a cercare l’ispirazione nazionale nelle danze e nelle melodie popolari, ma si sono resi conto che questo non era sufficiente per creare una musica veramente nazionale “, ha spiegato Petit.

È per questo motivo che ritiene che “la cosa più importante nella cosiddetta scuola nazionale è che la maggior parte di questi compositori ha deliberatamente introdotto un compromesso tra la musica locale e la musica più popolare della tradizione austro-ungarica”.

READ  Loretta Fernandez svela le vere ragioni della sua separazione da Nicolas Capri

tradizione tedesca Il modo in cui puoi ottenere un grande stile è stato, Quindi, se vuoi avere un grande stile ceco, devi scrivere una sinfonia e la sinfonia è una formula musicale tedesca”.

Per questo motivo, ritiene che “il nazionalismo abbia influenzato molto, ma i compositori hanno utilizzato le proprie influenze per emergere e garantire che il nazionalismo non diventasse la formula generale”.

Bietti ritiene che nelle opere di molti compositori si possa vedere che alla fine dell’Ottocento l’approccio era nazionalistico, ma ritiene che per Dvorak “questo approccio nazionalistico fosse spesso puro marketing”.

Si chiama il tema centrale della diciassettesima edizione di questo festival musicale “Earth Song: musica tra nazionale e cosmopolita nell’Ottocento”.

Il festival continua a esplorare il nazionalismo nelle opere di compositori come Bedrich Smetana (1824-1884), Leos Janacek (1854-1928), Josef Suk (1874-1935), Pancho Vladijeroff (1899-1978), George Enescu (1881- 1955), Bella Bartók (1881-1945), Ciprian Porumbescu (1853-1883), Erno Donany (1877-1960), Zoltan Kodaly (1882-1967), Gyula Pelikzai (1835-1893) e Johannes Brahms (1833-1897) .

Affronterà anche il nazionalismo nella musica colombiana e terminerà il 13 gennaio.