Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Museo dell’Esercito indaga sull’evento degli Ultras italiani

L’Italia è la culla di grandi calciatori e squadre che un tempo rivendicavano gloria. Oltre a tante altre virtù, il paese transalpino si distingue anche per lo zelo e la passione con cui TIFFUSI segue i suoi club sui campi.

Al di fuori di loro, il carattere dei fan si concentra su questioni che non hanno nulla a che fare con il re dello sport o affatto, che, a seconda della loro ideologia, sostengono un’attività o un’altra.

È quanto è successo sabato scorso, 2 luglio, quando sette tifosi della Società Sportiva Lazio hanno camminato all’interno del Museo dell’Esercito e nel Patio de Armas dell’Alcázar, hanno scattato una foto con un cartello con la scritta in italiano: “Omaggio al generale Moscardo.

Come ha appreso questo mezzo, da testimoni oculari, il gruppo non era composto solo da sette ultras della squadra romana, ma era accompagnato da un ottavo individuo che “si è identificato come un soldato spagnolo” e che era responsabile dello scatto della foto.

Questa persona avrebbe accompagnato i membri dell’Ultras Lazio, che erano associati al movimento fascista, fino a quando la foto non è stata scattata e invitata a lasciare il museo, a quel punto li avrebbe separati “lasciando l’edificio dopo circa 20 minuti”. .

Secondo queste stesse fonti, l’interesse del tifo sta nel visitare gli uffici del generale Moscardo, come il suo ufficio e il suo seminterrato, che il museo conferma come “esclude completamente l’accessibilità”, poiché l’ufficio è stato chiuso del generale dopo l’incendio che ha colpito l’Alcazar lo scorso giugno, e il seminterrato chiuso sotto sette chiavi.

Affermano dalla base di ritenere che “non sono state scattate più foto di quante ne siano già state pubblicate”, perché sostengono che si tratti di “un atto di pubblicità e di beffa”, e ritengono che “se c’è stata, è stata postata sui social network”, anche se non sarebbe escluso che se viene trasmesso venga pubblicato in qualche data commemorativa. L’ammirazione dei fascisti italiani per il personaggio di Moscardo risiede nell’immagine trasmessa da Franco di come resistette all’assedio dell’Alcázar durante la guerra civile, creando un mito della sua figura di particolare importanza in Italia per Mussolini e la Germania nazista.

READ  La dubbia lettera di Mauro Icardi ad Angel de Brito, tra voci di crisi con Wanda Nara: 'Inviatemi un reclamo'

Dopo aver attraversato le varie sale del museo, i membri del gruppo italiano e il loro compagno spagnolo sono arrivati ​​nel luogo della foto, dove la guardia giurata ha detto loro che era vietato esporre qualsiasi messaggio politico e ha informato il suo capo, che “ ha informato la polizia”, dopodiché è apparso anche nel cortile.

All’arrivo degli ufficiali, questi furono “immediatamente invitati a lasciare i locali del museo, al quale non resistettero”, portando all’immediata partenza dei sette italiani, impedendo loro il secondo quadro che volevano davanti a quella che è conosciuta come la facciata di Covarrubias e di nuovo avvisando la polizia che la loro presenza non era necessaria”.

Alla luce di questi fatti, la direzione del Museo dell’Esercito, ha affermato La Tribona, ha aperto un’indagine “per chiarire cosa è successo”, pur sostenendo di non sapere che l’Elemento VIII era militare e che era il caso. dall’indagine.

I membri della sicurezza del museo sembrano turbati dal fatto che la mancata interferenza del cartello con lo scanner d’ingresso possa essere considerata una colpa loro perché “quello che dovrebbe essere evitato è l’introduzione di oggetti taglienti o taglienti, aerosol e armi da fuoco, non da un pezzo di stoffa” , pur affermando esplicitamente sul sito Il sito del museo afferma che “è vietato visitare il museo per oggetti di dimensioni superiori a 40 x 40 cm”, e che sarà obbligatorio depositarli in deposito.