Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Mediterraneo e l’Artico, le regioni più colpite dai cambiamenti climatici

Il Mediterraneo, insieme all’Artico, sarà la regione più colpita del mondo Cambiamento climaticomotivo per cui le regioni autonome spagnole bagnate da questo mare riconoscono che dovranno convivere con i suoi effetti in peggioramento e hanno partecipato alla COP27 per cercare strategie di adattamento al riscaldamento globale.

Andalo

Il presidente del consiglio, Juanma Moreno, ha avvertito EFE durante la sua visita al vertice delle Nazioni Unite sul clima a Sharm El-Sheikh.

Il leader andaluso, che partecipa anche come vicepresidente del Comitato delle regioni (CdR) in rappresentanza degli enti locali e regionali nell’UE, ammette che è giunto il momento di ipotizzare uno “scenario di adattamento al cambiamento climatico”, non troppo “attenuato”, anche se rimprovera il governo Al centro del fatto che la maggior parte delle strategie, dice, ha origine “a livello regionale”.

“Mi dispiace dire che il governo della nazione non ha ancora elaborato un piano speciale per queste regioni mediterranee per le quali abbiamo bisogno di un’agenda specifica per adattare il nostro sistema produttivo, le nostre condizioni sociali e lavorative ai cambiamenti climatici”, denuncia Moreno.

Le Nazioni Unite avvertono che il Mediterraneo si sta riscaldando del 20% più velocemente della media planetaria, e prevedono, in un rapporto, un calo del 30% delle precipitazioni nell’Europa meridionale se il riscaldamento globale supererà la barriera dei due gradi rispetto a prima della rivoluzione industriale . livelli.

In questa COP27, infatti, la regione del Mediterraneo ha per la prima volta un proprio padiglione, che apre nuove occasioni di confronto e scambio di pratiche tra i vari territori le cui coste si affacciano su questo mare.

READ  Cos'è la crisi del debito e come la si supera? Chiavi per comprendere la risposta della BCE

Catalogna

“È chiaro che i nostri problemi, sicuramente quelli di Italia, Turchia ed Egitto, ad esempio, sono molto più simili tra loro che a quelli che potremmo avere con un paese del nord Europa”, ha detto a EFE il ministro catalano per l’Azione per il clima. Anna Bernadette.

Secondo il leader catalano è importante rendere visibile la “duplicità del Mediterraneo”, mentre per le Baleari un aspetto importante è fissare obiettivi climatici “a seconda del tipo di area di appartenenza”.

Una palude in Spagna non ha quasi riserve d’acqua. Immagine: AdobeStock

Baleari

“Una regione insulare non è la stessa cosa di una regione peninsulare, e penso che per questi problemi possiamo creare quadri ed entità comuni, come l’Unione Europea o il Comitato delle Regioni, che possono istituire meccanismi di controllo”, suggerisce l’EFE. Direttore Generale dell’Energia e del Cambiamento Climatico per le Isole Baleari, Pip Malagrava.

L’isolazionismo definisce la strategia climatica delle Isole Baleari, nel Mediterraneo dove l’Onu prevede un innalzamento del livello del mare di 0,43-2,5 metri entro la fine del secolo, a seconda dei diversi scenari, sempre dovuto allo scioglimento dei poli.

“Il rischio di inondazioni permanenti a causa dell’innalzamento del livello del mare colpirà soprattutto il settore del turismo”

Questa è una minaccia che Pep Malagrava sta seguendo con la lente d’ingrandimento del governo dell’isola, con l’obiettivo di preparare la costa e fermare l’erosione e la perdita di sabbia che si trova oggi su alcune spiagge di Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera.

“Il rischio di inondazioni permanenti dovute all’innalzamento del livello del mare colpirà soprattutto il settore del turismo. Ci saranno hotel che saranno sempre allagati e ondate di caldo estremo significheranno che meno persone verranno a trovarci”, avverte.

READ  Istobal recupera le vendite pre-pandemia nel 2021 con una crescita del 13,4%.

E aggiunge: “Dobbiamo lavorare per adattare e mitigare questi eventi in modo che non vadano oltre, oltre che per avere un’economia più diversificata, industrializzata e più dedita alla produzione e all’agricoltura”, osserva Malagrava.

In ogni caso, la sensazione della Spagna mediterranea in questa conferenza COP27 è che le politiche siano già “in ritardo” e che il blocco che, fino ad ora, mantengono i paesi che lasciano Sharm el-Sheikh con un accordo di alto livello, rallenti le aspirazioni di clima condizioni. Una delle regioni più colpite dalle alte temperature.

Notizie correlate:
Più collaborazione tra pubblico e privato per decarbonizzare le città
Il cambiamento climatico sta accelerando la trasformazione del settore
– L’hotel sarà un osservatorio scientifico per monitorare i cambiamenti climatici
Caldo estremo: ecco come influenzerà le destinazioni turistiche