Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il legame tra arte e sport – El Financiero

Dopo un anno di ritardo, il 23 luglio 2021 Tokyo, Giappone, un’altra versione di giochi Olimpici, la cui installazione è stata oggetto di controversie a causa di una pandemia COVID-19. Dibattiti che ne hanno addirittura suggerito la totale abolizione e che mettono in dubbio l’opportunità di tenere la fiera sportiva, dove si svolgono gare senza pubblico, aperti alla ricerca dell’eccellenza sportiva.

In questo complesso contesto, la connessione e l’armonia che esiste tra sport e arteChe è entrato in un conflitto derivato dai molteplici problemi dell’organizzazione.

Lo sport, nelle sue diverse discipline, ha più volte promosso l’idea di nazione, in particolare in manifestazioni internazionali di queste dimensioni. All’inizio XX secolo, secondo Daphne Cruz PorciniRicercatore presso l’Istituto di Ricerca Estetica Uno, “come pratica sociale e moderna (…) ebbe un uso ideologico e politico, provocando l’emergere di una nuova cultura fisica che iniziò ad attirare l’attenzione di vari media e strategie di comunicazione visiva all’epoca”.

In questo momento, l’arte inizia ad essere associata ai temi matematici delle sue rappresentazioni, mentre lo sport inizia a condividere gli spazi con l’arte. coubertine pietraSoprannominato “Il padre dei Giochi Olimpici” Modern”, durante l’edizione di Stoccolma del 1912, riuscì ad aggiungere le arti come competizione olimpica e furono incluse in cinque categorie: architettura, musica, pittura, scultura e letteratura. Le opere in mostra devono essere ispirate allo sport, e nella sua prima anno sono stati presentati 33 artisti, la maggior parte dei quali provenienti da paesi europei.

Le arti hanno continuato ad essere una disciplina olimpica per molte edizioni, anche se c’erano alcune domande a causa della sua scarsa partecipazione; Alle Olimpiadi di Londra del 1948, il Comitato Olimpico Internazionale decise di interrompere le competizioni artistiche e le sostituì con una mostra conosciuta come Olimpiadi della Cultura che si tiene ancora oggi. Sebbene ci sia poca approvazione delle opere e degli artisti partecipanti, alcuni dei vincitori accessibili mostrano la sportività inerente all’arte.

READ  Campazzo e un'altra notte magica ai Denver Nuggets: vittoria e punteggio

La storia dell’arte riflette che lo sport è stato presente fin dall’antichità, nelle rappresentazioni artistiche, come nel caso dell’anfora panatenaica del pittore. CleophadisE il Corsa di gambe, del 500 a.C., attualmente conservata al Louvre, a Parigi, un tipo di vasellame contenente olio che fu presentato come premio in Giochi panatenaici, costituito da cicli annuali di feste religiose, artistiche e sportive dedicate ad Atene. Allo stesso modo, la scultura conosciuta come La tavoletta discobolo di Myron, Attribuito al Mirón de Eleuteras, realizzato probabilmente intorno al 450 a.C., è uno dei tesori d’arte dell’antichità classica che conosciamo nelle versioni romane, e il meglio del quale è attualmente realizzato si trova nel Museo Nazionale Romano in Italia, che dovrebbe rappresentare il momento di massima concentrazione mentale e fisica dell’atleta.

Tra il 476 e il 1492, il periodo noto come MedioevoLe attività sportive hanno visto un calo significativo. Il consolidamento del cristianesimo negli ultimi secoli dell’Impero Romano ha determinato un importante cambiamento nella pratica dello sport, poiché l’imperatore Teodosio il “Grande” ha posto fine alle attività fisiche ereditate dalla Grecia: i Giochi Olimpici. Così, gli sport sportivi scomparvero quasi del tutto e l’allenamento fisico tornò alla guerra, dando priorità agli sport da combattimento come la scherma e i tornei, e soprattutto la caccia, come testimonia l’arazzo. Parte di “Tarquino” Si trova nel Museo della Cattedrale di Zamora, in Spagna.

per il secolo diciassette e diciotto Ci sono sport come il golf che venivano praticati dai contadini in campo aperto, così lontani dai giorni nostri che l’artista di flamenco Adriaen van de Velde li ha catturati nelle sue opere. Golfisti sul ghiaccio vicino ad Haarlem a partire dal 1668, che si trova nella National Gallery, Londra. Inoltre, nel 1795 abbiamo trovato un dipinto ad olio di Henry Rayburn, Ministro dello sci, una delle opere più famose dell’autore, attualmente alla National Gallery of Scotland, che raffigura un uomo che pattina sul ghiaccio, è considerata un simbolo della nazione.

Il Novecento ha visto la nascita delle avanguardie artistiche, tra le loro tante proposte estetiche politiche affermavano che l’arte dovesse parlare della vita stessa, tralasciando i temi più astratti dell’esistenza.

Esempi di quanto sopra si trovano nel 1913 con Umberto Boccioni, uno dei più importanti futuristi italiani, che dipinse ciclista dinamico, opera appartenente alla collezione Mattioli, conservata in un magazzino situato nel Palazzo Venier de los Leones, a Venezia, dove rispecchia il movimento, la velocità e il movimento artistico dello sport, nel 1922, Angel Zarraga iniziò dal Cubismo e dall’integrazione di aspetti classici, dipinti giocatori di calcio, prima tabella sul calcio femminile dedicato a sportivo Da Parigi, le vincitrici del torneo di quell’anno in cui si impadronì della quotidianità del periodo tra le due guerre, poiché il sesso femminile dominava la maggior parte delle pratiche sportive.

Anni dopo, il poliedrico artista Hans Erne incarna ufficialmente il legame tra arte e sport olimpico, dal 1983 commissiona al Château de Vide di Losanna una serie di opere dedicate agli sport olimpici. In totale, ha realizzato 31 pannelli che illustravano gli sport olimpici, rappresentando gli atleti campioni dell’evento circondati da immagini di antiche divinità, che fornivano tinte di riverenza e mostravano le radici classiche dei Giochi Olimpici.

Nonostante l’armonia che esiste tra arte e sport, lo svolgimento di competizioni sportive ha generato delusioni di massa e le manifestazioni artistiche non fanno eccezione. La famosa artista giapponese Miwako Sakauchi ha espresso la sua insoddisfazione per lo svolgimento dei Giochi Olimpici nel suo paese a causa delle conseguenze negative che questo ha sulla popolazione giapponese, tra cui la distruzione di spazi verdi dovuta alla costruzione di stadi, l’evacuazione dei residenti e soprattutto , la pericolosità della classe operaia nello scenario epidemico che l’ha afflitta non solo il Giappone, ma il mondo intero. Insieme ad artisti come Kai Koyama e Sachihiro Ochi, hanno esposto i loro lavori nella mostra”Annuncio finale dei Giochi Olimpici“A Chiba, vicino a Tokyo, nel giugno di quest’anno.

Nel corso della storia, l’arte è stata compagna delle varie attività atletiche dell’umanità, dalla rappresentazione atletica degli atleti nelle sculture al loro far parte dell’industria commerciale che accompagna le Olimpiadi quadriennali. Per l’edizione di Tokyo 2020, arte e artisti si sono schierati dalla parte di Cry for Justice, mettendo in discussione l’importanza delle competizioni sportive in mezzo a crisi economiche, politiche, ambientali e sanitarie.