Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Gruppo dei Sette G7 concorda un tasso globale di almeno il 15% per le multinazionali

Donald Trump se n’è andato e con esso (in una certa misura) l’unilateralismo. Biden è arrivato con (in una certa misura) il multilateralismo e la ricerca di una sistemazione nelle controversie finanziarie e commerciali con gli amici europei. Ci sono voluti un cambio di amministrazione a Washington e una pandemia che ha devastato tutte le economie del mondo affinché le potenze del G7 raggiungessero un accordo su un’imposta societaria minima globale dopo oltre un decennio di negoziati falliti finora.

Ma come ha detto una persona di Ernest Hemingway, a poco a poco vai in bancarotta e poi all’improvviso. Lo stesso si può dire del compromesso raggiunto ieri a Londra dai ministri delle finanze del Gruppo dei Sette (Stati Uniti, Canada, Francia, Italia, Germania, Regno Unito e Giappone), in vista della riunione dei leader in programma da venerdì a lunedì della prossima settimana in Cornovaglia. Le emergenze economiche (la necessità di pagare il conto della pandemia) hanno reso ciò che fino a poco tempo fa sembrava impossibile, facile e possibile.

Il successo dell’accordo dipende dalla sua ratifica da parte del G-20, dell’OCSE e del Congresso degli Stati Uniti

I Big Seven hanno annunciato l’impegno a stabilire un’imposta societaria minima globale del 15% (inferiore a quanto alcuni vorrebbero) e a pagare commissioni alle multinazionali del settore tecnologico e digitale (Amazon, Google, Facebook…) non solo dove hanno sede (spesso sono paradisi fiscali) ma anche nei paesi in cui operano e generano profitti. Le entrate aggiuntive – l’amministrazione Biden stima che $ 500 miliardi solo per gli Stati Uniti nel prossimo decennio – andranno in gran parte a pagare investimenti e programmi infrastrutturali per uscire dalla crisi.

READ  L'economia conferma che AMLO può abrogare l'ordinanza automobilistica per le auto "cioccolato"


Leggi anche

agenzie

Il ministro delle finanze britannico Rishi Sunak ha definito l’accordo “storico”. Ma prima che l’aggettivo diventi praticabile, dovrà superare una serie di ostacoli, a partire dall’approvazione della Camera dei Rappresentanti e del Senato Usa, dove i repubblicani esitano e potrebbero bloccarsi, e proseguendo con il suo avallo ai vertici delle Nazioni Unite. Stati: G-20 a Venezia a luglio, OCSE a ottobre. Perché in fin dei conti, i paesi che hanno firmato l’accordo ieri hanno già un’imposta sulle società superiore al 15%. Perché il piano sia efficace, è essenziale che altri firmino, tra cui Cina, Brasile e Russia.


Leggi anche

Il capo del governo, Pedro Sanchez, interviene nella presentazione del Piano d'azione per l'internazionalizzazione dell'economia spagnola 2021-2022, presso la sede dell'Istituto per il commercio estero (ICEX), il 26 maggio 2021, a Madrid (Spagna) .  Il piano ha ottenuto più di 4.500 milioni di euro e pone l'America Latina, in particolare l'Argentina, come regione prioritaria per la destinazione di progetti e investimenti.  26 maggio 2021;  internazionale;  Argentina;  America Latina Europa Stampa / c.  Elena.  Raduno 26/05/2021

Inizialmente, l’amministrazione Biden ha insistito su un tasso di partnership globale del 21%, più vicino al 28% che gli Stati Uniti vogliono implementare (7% in più rispetto al tasso attuale), al fine di scoraggiare le aziende del Paese dall’affermarsi. Altrove, con un minor carico fiscale. Anche la Francia è stata a favore di un tasso superiore al 15%, ma altri membri del club hanno sostenuto con successo che non è un obiettivo realistico se il maggior numero possibile di governi salterà sul carro, dato che in Irlanda, ad esempio, l’imposta sulle società è del 12,5%.

“L’obiettivo è prevenire una corsa tra le nazioni per vedere chi offre le tasse più basse e ottenere un accordo equo per le classi medie e lavoratrici negli Stati Uniti e nel mondo in generale”, ha affermato il segretario al Tesoro degli Stati Uniti. Janet Yellen. “Questa è un’ottima notizia per la giustizia e la solidarietà nell’era digitale e una pessima notizia per i paradisi fiscali, dove le aziende non saranno in grado di eludere i loro obblighi, creare filiali e registrare i loro profitti dove la pressione è minore”, ha affermato. Il ministro delle finanze tedesco Olaf Schulz è in equilibrio. Paolo Gentiloni, commissario Ue agli Affari economici, ha promesso che “Bruxelles farà tutto il necessario affinché l’accordo vada a buon fine”.

READ  Gli Stati Uniti e la Spagna sono le principali fonti di rimesse in arrivo nei paesi dell'Africa centrale | Economia | notizia