Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il grande concorrente non sarà la Polonia

Francia S BrasileFinora le due migliori squadre della Coppa del Mondo, e Portogallo, Con l’affascinante Christian Ronaldo e la sua gerarchia di giocatori d’élite, hanno già raggiunto gli ottavi, ciascuno con il proprio stile. Il gesto e il corpo dei giocatori e dello staff tecnico della squadra prima e durante le partite riflettono la tensione competitiva del grande evento. Giocano con disinvoltura ma anche con intensità e grinta nei denti, senza dare né ricevere alcun vantaggio. Sempre lontanissimo dalle sofferenze asfissianti che la nazionale argentina affronta ai Mondiali.

Se in Qatar si gioca la massima competizione calcistica mondiale per francesi, brasiliani e portoghesi, Per gli argentini sembra che la posta in gioco sia alta. Qualcosa come la casa, la bandiera o l’esistenza di una nazione. Non dovrebbe essere così, ma sta diventando così. E questo non va bene, anzi. Il gesto teso e spaventato dei giocatori durante l’esecuzione degli inni, le lacrime dell’allenatore Lionel Scaloni e lo sfogo emotivo del suo assistente Pablo Aimar dopo i due gol contro il Messico, un senso di sollievo e sollievo più che gioia e soddisfazione che la squadra ha provato dopo la vittoria di sabato rivelano la sottile euforia emotiva vissuta dalla Nazionale.

È già stato detto nello stesso luogo ma vale la pena ricordare: L’inaspettata sconfitta contro l’Arabia Saudita ha sbilanciato l’Argentina. Nessuno era preparato ad assorbire un colpo del genere e un 1-2 ha avuto lo stesso effetto della bomba morale che è esplosa una volta terminata quella sfortunata partita. Sabato contro il Messico sono stati raccolti i frammenti. Ma la sensazione che ha prevalso fino al gol di Messi è stata Una squadra intrisa di nervi e paura di perdere e sopraffatta dal peso delle responsabilità e delle pretese. Nella seconda partita si poteva evitare una sconfitta che significava un’eliminazione già indigeribile. Ma la tensione resta. E con lei e nonostante la sua presenza, dobbiamo giocare contro la Polonia.

READ  Messaggio del Papa a padre James Martin su omosessualità e peccato

Più dei polacchi, più della forza di goleador come Robert Lewandowski e di una squadra senza luci brillanti ma con tanto lavoro, Il più grande rivale dell’Argentina sarà l’Argentina stessa, La sua debolezza emotiva e la paura paralizzante di un’altra sconfitta avrebbero posto fine all’avventura mondiale in Qatar. Se la Polonia viene sconfitta e passa agli ottavi, il Mondiale si avvia dopo un brutto inizio, quella sconfitta rimarrà un brutto ricordo e le energie si concentreranno sull’uno contro uno che inizierà sabato.

D’altra parte, se accade il peggio, cosa che nessuno vuole, la Nazionale proverà ingiustamente (o sarà fatta provare) una sensazione di qualcosa di peggio della sconfitta. Come se il Mondiale fosse la vita stessa e non quello che realmente è: la competizione sportiva più importante di tutte, niente di più, niente di meno.