Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo ritarda i pagamenti fino al 2024 e cerca di concludere un accordo a giugno

I colloqui tecnici con il Club di Parigi sono già iniziati e l’esecutivo punta a finalizzare l’intesa entro il 30 giugno, la data concordata quale quadro di riferimento con l’ente stesso. Un team tecnico del ministero dell’Economia (guidato dal sottosegretario alle finanze Ramiro Tosi) sta lavorando alla preparazione del quadro giuridico per raggiungere un nuovo accordo con quel gruppo di paesi creditori.

Una volta raggiunta l’intesa tecnica sulle condizioni di rimborso e sui tassi di interesse, che dovrebbero essere in linea con le caratteristiche degli altri obblighi bilaterali dell’Argentina, si aprirà un’altra fase. Lì, il governo negozierà personalmente con 14 paesi creditori che fanno parte del club. Con ciascuno di essi verranno firmati specifici accordi bilaterali. Se l’esito dei negoziati determina i pagamenti per la seconda parte del 2022, l’Extended Facility Program prevede che queste valute vengano detratte dall’obiettivo di accumulazione di riserve nette fissato con il Fondo monetario internazionale di $ 5,8 miliardi per quest’anno, hanno confermato dall’Esecutivo Direttore.

Lo scopo del nuovo decreto è piuttosto quello di togliere i dubbi ufficiali sulle possibilità di incorrere in default, perché questo martedì, 31 maggio, era la data in cui erano ancora registrate le scadenze con il Club di Parigi.

Secondo fonti ufficiali: La DNU prevede “il rinvio del rimborso dei debiti contratti in base ad accordi bilaterali sottoscritti, fino all’esistenza di un nuovo accordo quadro e all’adeguatezza degli accordi bilaterali sottoscritti a seguito dello stesso, ovvero al 30 settembre 2024, prima”.

Il debito con il club risale a diversi decenni. Nel 2014, l’allora ministro Axel Kiselov ha concluso un accordo per rifinanziare circa 10.000 milioni di dollari in cinque anni, prorogabili per altri due anni (sebbene sia stato addebitato un tasso di interesse aggiuntivo, che dopo la vacillazione di Campimos è arrivato al 9% annuo). Nel 2021, Guzmán ha negoziato un ponte temporale fino al 2022 per i restanti 2,4 miliardi di dollari in quel momento. Da allora, il governo ha cancellato 430 milioni di dollari.

READ  Le ONG tunisine riescono con l'Italia nella lotta di Davide contro Golia contro i rifiuti tossici

All’interno del Club di Parigi, i principali creditori dell’Argentina sono la Germania (37%), il Giappone (22%), i Paesi Bassi (quasi l’8%), la Spagna (6,7%), l’Italia (6,3%) e gli Stati Uniti (6,3%). .