Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo ha concordato con il Club di Parigi di posticipare la data di scadenza di 2.000 milioni di dollari fissata per il 31 marzo

Il presidente del Club di Parigi Emmanuel Moulin e il ministro dell’Economia Martin Guzman durante il loro incontro nella capitale francese.

Il Ministero dell’Economia Concordare con il Club di Parigi un nuovo “ponte temporale” per evitare la scadenza del 31 marzo, che è la scadenza per rinegoziare i quasi 2.000 milioni di dollari che l’Argentina deve a quell’organizzazione. Pertanto, l’Argentina e il consorzio dei paesi creditori hanno annunciato che avrebbero avviato le discussioni per ristrutturare il saldo sospeso non appena il consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale avesse approvato il nuovo programma finanziario.

Come punti focali, sarà la nuova intesa tra l’Argentina e quei paesi creditori Finestra temporale di due anni e mezzo, che è la stessa Extended Facility for the Fund (EFF) che il governo ha concordato con l’FMI. Questo “ponte” non significa che lo Stato non debba spendere soldi per il Club di Parigi, ma piuttosto questo Lo farai “proporzionatamente” rispetto a ciò che fai agli altri creditori bilaterali.

Questa è stata una richiesta di alcuni membri del club, che hanno chiesto che questo forum non abbia una colpa in relazione a un altro finanziatore argentino come la Cina, che non fa parte di questo consorzio. da qui, Se il paese rimborsa un credito alla Cina, deve farlo anche per un importo proporzionale ai paesi del Club di Parigi.

Questo “ponte” non significherebbe che il Paese non deve erogare il Club di Parigi, ma piuttosto che lo farà in modo “proporzionato” rispetto a quello che sta facendo ad altri creditori bilaterali, come la Cina.

Dopo quella finestra di due anni e mezzo, ci sarà un’altra gara da giocare in parallelo: la discussione sostanziale su condizioni e tassi di interesse fino a quando l’Argentina non ripagherà i quasi 2.000 milioni di dollari in sospeso con il Club di Parigi. Lì, come spiegato da fonti ufficiali di Infobael'”azione” di entrambe le partiConcludere i colloqui sulla rinegoziazione completa di quel debito entro il 30 giugno.

READ  Perdita di criptovaluta: qual è il nuovo rifugio per i saggi russi per portare le loro fortune fuori dal paese ed evitare sanzioni

“L’Argentina il 22 giugno 2021 si è impegnata con il Club di Parigi a raggiungere un accordo con il Fondo monetario internazionale entro il 31 marzo 2022. Così, il Paese Raggiunto un ponte temporale, evitato di inciampare e ricevuto uno sgravio finanziario di 2 miliardi di dollari Con questo gruppo di creditori, pur continuando a negoziare con il Fondo”.

Il Club di Parigi, guidato dal Tesoro francese, ha approvato l'esito dei negoziati tra l'Argentina e il Fondo Monetario Internazionale
Il Club di Parigi, guidato dal Tesoro francese, ha approvato l’esito dei negoziati tra l’Argentina e il Fondo Monetario Internazionale

Secondo Palacio de Hacienda, con questa nuova interpretazione, “Il paese guadagna tempo ed evita di esporre nuovamente l’Argentina al default. Dopo la conclusione dell’accordo con il Fondo Monetario Internazionale, la conclusione della rinegoziazione della “Dichiarazione Congiunta 2014” con il Club di ParigiIn questo modo, cercheranno di modificare i termini di pagamento che il governo Cristina Kirchnerquando Axel Kisilo Fu ministro dell’Economia.

Inoltre, hanno ritenuto che l’accordo che hanno negoziato Martin Guzman E il capo di quel forum Emanuele Mullen“Rappresenta il supporto per il programma Extended Facility entro due anni e mezzo dalla sua efficacia”. In questo senso, il funzionario francese ha espresso il suo “sostegno al programma realizzato”.

Andando avanti, entrambe le parti hanno concordato Per iniziare presto la ristrutturazione di $ 2.000 milioni Deve ancora essere pagato. Proseguono dall’Economia: “L’Argentina ha già ristrutturato il suo debito con i creditori privati, e ora sta chiudendo il rifinanziamento con il FMI, e il prossimo passo sarà chiudere il processo di rinegoziazione del debito con il Club di Parigi”.

Dopo quella finestra di due anni e mezzo, la discussione sostanziale sui termini e sui tassi di interesse per l’Argentina inizierà a restituire quasi $ 2.000 milioni non pagati. Le due parti cercano di porre fine ai colloqui prima del 30 giugno.

In ogni caso, il governo dovrà continuare a effettuare pagamenti parziali mentre proseguono le trattative. “L’Argentina dovrà solo effettuare pagamenti parziali ai membri del Paris Club in proporzione agli importi che paga agli altri creditori bilaterali.In accordo con i termini dell’intesa del 22 giugno 2021, hanno concluso.

READ  Eurozona cresce del 2,2% durante l'estate | Economia

Paris Club: chi sono i creditori e cosa cerca l’Argentina

Nel 2014, il governo di Christina Kirchner ha firmato il Firma un accordo per restituire 9.690 milioni di dollari in cinque annia maggio 2019. Il capitale totale in circolazione ammontava a circa $ 5.000 milioni, mentre il resto (circa $ 4.700 milioni) è stato generato da interessi su queste passività e sanzioni accumulate negli anni.

Mi aspettavo l’esatta impronta firmata con il Paris Club, invece, Una finestra per altri due anni per rimborsare quei saldi in sospesoanche se con un costo aggiuntivo significativo. L’interesse al quale tale importo è stato aggiornato è diventato del 9% annuoil doppio rispetto al 2019.

Guzmán si è assicurato un ponte temporale con il Paris Club e cerca di completare una ristrutturazione completa entro il 30 giugno
Guzmán si è assicurato un ponte temporale con il Paris Club e cerca di completare una ristrutturazione completa entro il 30 giugno

Martin Guzman Ha annunciato ufficialmente nel febbraio 2020 che avrebbe cercato di rinegoziare il debito con il Club di Parigi. Il Palazzo del Tesoro ha presentato una proposta per modificare i termini di quell’accordo del 2014 e prevedeva di voler discutere un fascicolo Proroga delle scadenze e “riduzione significativa” del tasso di interesse.

Attualmente, il Club di Parigi è composto da Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Corea del Sud, Paesi Bassi, Norvegia, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Stati Unitiche rappresenta quasi il 60% del PIL mondiale.

Più della metà del debito dell’Argentina con il Club di Parigi è concentrato in due paesi: Germania (37%) e Giappone (22%). segui dietro Paesi Bassi (circa 8%), Spagna (6,68%), Italia (6,29%) e Stati Uniti (6,28%).

Più della metà del debito dell’Argentina verso il Club di Parigi è concentrato in due paesi: Germania (37%) e Giappone (22%). Seguono i Paesi Bassi (circa l’8%), la Spagna (6,68%), l’Italia (6,29%) e gli Stati Uniti (6,28%).

Nel programma finanziario con il Fondo monetario internazionale, il governo ha confermato che “lavoreremo al fine di raggiungere un accordo con i creditori del Club di Parigi su un calendario di rimborso delle obbligazioni coerente con la nostra capacità di rimborso e la sostenibilità dei debiti”.

READ  Beln Frau di Bilbao, il nuovo direttore della comunicazione globale di Ikea

Una serie di previsioni incluse dall’economia nella nota tecnica con il Fondo Monetario Internazionale indicavano che il ramo esecutivo Stabilisci un budget iniziale per pagare 760 milioni di dollari a questo organismo Ammonta a quattro rate da 190 milioni di dollari ciascuna: la prima a fine mese, la seconda a fine giugno, la terza negli ultimi giorni di settembre e la quarta a fine anno.

Continuare a leggere:

Alberto Fernandez ha parlato con Kristalina Georgieva, che ha confermato che il nuovo programma con il Fondo monetario internazionale sarà approvato venerdì.
La banca centrale aumenterà il tasso di interesse martedì dopo l’accelerazione dell’inflazione a febbraio
Il governo conferma il suo accordo per ridurre i prezzi dei generi alimentari, ma non ha menzionato i dettagli dei prodotti e ha criticato le aziende