Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il governo annuncia un accordo con il Club di Parigi per posticipare il pagamento di 2.500 milioni di dollari al 2024

Il governo ha annunciato oggi un accordo formale con il Club di Parigi, secondo il quale il rimborso del debito sarà posticipato al 30 settembre 2024, mentre si procede sulla base di un’intesa che prevede un nuovo meccanismo per il pagamento delle obbligazioni.

Con il Decreto di Necessità e Urgenza (DNU) 286/2022 pubblicato oggi in Gazzetta Ufficiale, il governo ha disposto il rinvio dei debiti contratti nell’ambito di accordi bilaterali con i Paesi riuniti nel Club di Parigi.

Tale rinvio sarà in vigore fino a quando non vi sarà un nuovo Accordo Quadro, a seguito di trattative tra lo Stato, le autorità del Club e i suoi sedici Stati membri” o, in mancanza, “fino al 30 settembre 2024”, la data massima concesso ai sensi dell’Extended Facility Agreement firmato con Fondo Monetario Internazionale (FMI).

In ogni caso, l’obiettivo del governo è raggiungere una rinegoziazione con le autorità del Club di Parigi e i paesi creditori su un nuovo piano di pagamento “entro il 30 giugno 2022”, termine fissato nell’ultima visita del ministro dell’Economia, Martin Guzman, per Parigi.

Il nuovo accordo, che includerà un nuovo tasso di interesse e termini e condizioni di quotazione di 430 milioni di dollari già pagati in due rate a febbraio 2022 e luglio 2021, sostituirà l’intesa firmata a maggio 2014.

Parimenti, il decreto autorizza il Ministero dell’Economia ad effettuare pagamenti parziali del debito verso i paesi creditori del Club di Parigi, per un importo pari a quello effettuato in virtù di altri obblighi bilaterali con paesi terzi ea rispettare la proporzionalità di pagamento. …tra i creditori riuniti nel club.

“L’obiettivo dell’Argentina è rinegoziare l’accordo e creare condizioni migliori per il Paese il prima possibile. L’aspettativa e ciò su cui stiamo lavorando è di concludere la rinegoziazione con le autorità entro il 30 giugno”. Fonti ufficiali dettagliate ieri sera da incolpare.

READ  La disoccupazione nei paesi dell'OCSE è scesa al 5,5% e ha registrato sette mesi consecutivi di calo

In questo senso, il decreto odierno indica nel suo resoconto che il ramo esecutivo stava conducendo trattative con i creditori riuniti Club di Parigi Ricercarne la compatibilità con la sostenibilità del debito pubblico argentino, la ripresa dell’economia produttiva e il miglioramento degli indicatori sociali di base.

L’Argentina ha dovuto affrontare il 31 maggio 2021 un pagamento di quasi 2.450 milioni di dollari secondo i termini dell’accordo firmato nel 2014, che prevedeva un periodo di grazia di 60 giorni.

Tuttavia, il 22 giugno 2021, il ministro Guzmán ha annunciato di aver raggiunto un’intesa con il club per acquisirlo Un ponte temporale che permette all’Argentina di non cadere nel rimborso E continua a negoziare.

Tale intesa è stata raggiunta attraverso il Decreto 412/2021, secondo il quale il governo ha precisato il rinvio dell’Accordo Quadro e degli accordi bilaterali firmati con gli Stati membri del Club di Parigi al 31 maggio 2022.

Prospettiva Giovanni: "La Cina e l'Arabia Saudita possono essere attori importanti nello sviluppo dell'Argentina"

Da allora sono stati effettuati due pagamenti, il 28 luglio 2021 e il 28 febbraio 2022 per un importo totale di 430 milioni di dollari, che erano coerenti con i pagamenti effettuati ad altri creditori bilaterali, mentre sono stati compiuti progressi. Fondo monetario internazionale.

In accordo con l’allegato al decreto 412/2021, l’Argentina deve rinegoziare i pagamenti di quasi 2,5 miliardi di dollari USA che deve a 24 agenzie e banche di 16 paesi: Germania, Spagna, Francia, Stati Uniti, Belgio, Danimarca, Austria, Canada , Israele e Italia, Giappone, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Paesi Bassi.