Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il giornalista americano Grant Wahl è morto mentre copriva l’Argentina

È stato riferito che ha perso conoscenza sul campo ed è stato portato in ospedale. Un giorno fa ha raccontato di soffrire di bronchite. All’inizio della Coppa del Mondo, è diventato virale dopo essere stato sospeso dalle autorità del Qatar per aver indossato una maglietta gay.

Famoso scrittore sportivo americano Grant Wall49 anniE il È morto mentre copriva la partita tra Argentina e nazionale olandesedei quarti di finale Qatar Coppa del Mondo 2022. Stava per subire un infarto, ma suo fratello Ha affermato che si è trattato di un omicidio.

Come ho già detto Posta di New YorkGrant è crollato al Lucille Stadium ed è stato portato in un vicino ospedale, ma non hanno confermato se è morto durante il trasporto o al centro medico.

I suoi compagni americani seduti vicino a lui hanno detto che Wal È crollato sul suo posto in tribuna stampa Straordinari e hanno chiamato subito i soccorsi.

Suo fratello ha condiviso un video sul suo Instagram in cui si trattava di un omicidio: “Mi chiamo Eric Wahl. Vivo a Seattle, Washington. Sono il fratello di Grant Wahl. Mio fratello era sano. Mi ha detto di aver ricevuto minacce di morte. Non credo che mio fratello sia appena morto, Penso che sia stato ucciso. Chiedo solo aiuto”.

Ha continuato: “Sono gay. Sono il motivo per cui ha indossato la maglia arcobaleno ai Mondiali”. La maglia gay a cui si riferisce è la stessa che Grant ha indossato per entrare in campo nella sfida tra Stati Uniti e Galles, nella fase a gironi, che gli è costato il ritardo delle autorità del Qatar.

READ  Di Maria non si riprende in tempo e lascia la squadra: suo sostituto contro l'Australia

Grant ha twittato il 21 novembre: “La guardia di sicurezza si rifiuta di farmi entrare nello US Stadium – Galles. Devi cambiarti la maglietta. Non permesso”.

E la profondità della sua esperienza: “Cosa è successo quando la sicurezza della Coppa del Mondo in Qatar mi ha trattenuto per 25 minuti per aver indossato una maglietta che sostiene i diritti LGBT, Ha preso il mio telefono con la forza e con rabbia mi ha chiesto di togliermi la maglietta per entrare nello stadio.


Il fratello di Grant informa Wall che è stato ucciso.

Proprio un giorno prima della sua morte, ha raccontato sul suo podcast che negli ultimi giorni aveva avuto a che fare con la bronchite e che non si sentiva bene: “Penso che il mio corpo mi abbia detto, anche dopo aver lasciato gli Stati Uniti, ‘Amico, no, stai dormendo a sufficienza. Ribellione contro di me.

“Così ho avuto un caso di bronchite questa settimana. Sono stato due volte alla clinica medica nel media center, incluso oggi. Oggi mi sento meglio. Giovedì ho cancellato tutto quello che avevo e ho fatto un pisolino. E sono un un po’ meglio. Penso che tu possa probabilmente dire con la mia voce che non sono al 100 percento.”

Il giornalista americano Grant Wahl è morto mentre copriva Argentina-Olanda: suo fratello crede sia stato assassinato.  foto dell'AFP.
Il giornalista americano Grant Wahl è morto mentre copriva Argentina-Olanda: suo fratello crede sia stato assassinato. foto dell’AFP.

Nel suo ultimo articolo, infligge un duro colpo alle autorità del Qatar: “A loro non importa. Gli organizzatori dei Mondiali in Qatar non nascondono nemmeno la loro indifferenza per le morti dei lavoratori migranti, compresa l’ultima. “

READ  Quito offre un'estate ricca di cultura, sport e gastronomia per attirare turisti

Il suo ultimo post su Twitter risale alle 18:05 (ora dell’Argentina) di venerdì, quando ha scritto: “Fantastico gol su punizione disegnato dall’Olanda”.

Sua moglie, Celine Gunder, ha dichiarato: “Sono così grata per il sostegno della famiglia calcistica di mio marito Grant Wahl e dei tanti amici che ci hanno contattato stasera. Sono completamente scioccato“.

Il suo arresto di una maglietta LGBT

giornalista americano Grant Wall Lo ha denunciato sul suo account Twitter L’hanno tenuto per 25 minuti All’ingresso dell’Ahmed Bin Ali Stadium, prima della partita USA-Galles, per via dell’arcobaleno sulla sua maglia, V.I. Sostieni la comunità LGBTIn Qatar l’omosessualità è un crimine.

Secondo Wahl, un agente di sicurezza gli ha detto: “Devi cambiarti la maglietta. Non è permesso”. Il professionista di 47 anni ha respinto quanto stava accadendo e ha twittato immediatamente, prima che le guardie gli prendessero il telefono.

“Una guardia di sicurezza mi ha detto che la mia maglietta era ‘politica’ e non mi era permesso indossarla. Un’altra si rifiutava costantemente di restituirmi il telefono. Un’altra guardia mi urlava contro mentre ero in piedi sopra di me, ed ero seduta su una sedia, ho dovuto prenderlo per la camicia.

Guarda anche