Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fiore della mia grazia, lancia una freccia verso un futuro più impegnato – Polideportivo

David Ramiro Tokyo, 4 settembre (EFE). All’età di 18 anni, la vita di Zahra Namati è cambiata completamente. È stata investita da un’auto, colpita al midollo spinale e lasciata su una sedia a rotelle. Una vita cambiata da un incidente che l’ha costretta a ricominciare e a trovare il suo posto in una comunità mal preparata per persone con disabilità.

Zahra Nemati (Kerman, Iran, 1985) era cintura nera di taekwondo prima dell’incidente, ma con una sedia a rotelle era impossibile continuare con lo sport di contatto. Dopo essersi ripreso dal trauma iniziale dello stare su una sedia, alla fine ha trovato una nuova illusione nel tiro con l’arco, una disciplina che ha iniziato a praticare nel 2007.

“Il tiro mi ha reso forte e mi ha insegnato il significato della forza. Stavo per perdere la vita ma ho avuto l’opportunità di continuare a vivere”, ammette.

Il parallelo che ha trovato tra le riprese e la vita è ciò che la motiva e la fa andare avanti ogni giorno cercando di fare un passo avanti. “Quando scagli la freccia e miri all’oro, non puoi più pensarci. La freccia è già nel passato ed è per questo che non possiamo più pensarci.”

“La freccia dovrebbe essere come il futuro, un obiettivo che non sappiamo cosa accadrà. Devi pensare a goderti e goderti la vita. Questa è la mia filosofia, che seguo nel mio allenamento e allenamento. In questo modo, puoi avere successo.”

I suoi progressi e il suo sviluppo da adulta l’hanno portata a giocare la Coppa del Mondo a Torino (Italia) nel 2011. Questo è stato il primo passo prima che giocasse i suoi primi Giochi Paralimpici a Londra. È uscito dalla città britannica con due medaglie (oro e bronzo), da Rio de Janeiro con altre due (oro e argento) e da Tokyo con altre due.

READ  Il 'battesimo' che i giovani del fiume ricevettero nel periodo precampionato

Il suo oro nel singolare femminile ai Giochi di Londra 2012 l’ha resa la prima iraniana a vincere una medaglia d’oro ai Giochi Paralimpici.

Quattro anni dopo, a riconoscimento di un percorso esemplare segnato dall’impegno, è stata scelta come portabandiera per una sfilata portante la bandiera dell’Iran.

“Quei giochi sono stati molto speciali per me perché è stata definita una nicchia molto speciale per le donne. Ciò significa che le donne e le ragazze, nonostante molte sfide e difficoltà, possono dare il meglio di sé ed essere riconoscibili”, ammette.

A Tokyo, Zahra Nematy ha iniziato la sua partecipazione con una vittoria per 6-5 sulla russa Svetlana Barantseva agli ottavi di finale. Poi ha battuto la brasiliana Fabiola Dergovic (7-1) nei quarti di finale e la greca Dorothea Bumenedo (6-2) in semifinale. In finale ha battuto anche l’italiana Vincenza Petrelli (6-5) nonostante le sue difficoltà. Era in testa 5-1 ma Petrelli è tornato, e nel tiebreak ha sparato per primo ottenendo un 9, risultato che ha costretto Naamati a prendere la medaglia d’oro.

“Sono molto contento della mia terza medaglia d’oro consecutiva alle Paralimpiadi. È stato molto difficile perché il mio avversario italiano ha fatto una buona partita fino all’ultimo, ma sono molto contento perché mordo il mio forte avversario”, ha dichiarato .

Per mia benedizione, la competizione nei giochi abbatte gli stereotipi associati alle persone con disabilità e invia al mondo un messaggio di inclusione, rispetto e integrazione.

“Lo sport, e nel mio caso il tiro con l’arco, ha subito molti cambiamenti, ma io amo cambiare il mondo intorno a me. Ecco perché credo che praticare il tiro con l’arco ai massimi livelli possa essere un punto di svolta per le persone di tutto il mondo che guardano alle persone con disabilità”.

READ  Blanco fa appello al consenso per 'fare un modello per lo sport' ad APDV Breakfasts

Negli ultimi anni, Zahra è stata ambasciatrice delle Nazioni Unite come rappresentante delle donne attraverso lo sport e gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’UNESCO. Inoltre, il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) le ha conferito l’onorificenza della Giornata internazionale della donna di quest’anno nella categoria “Next Generation” per il suo lavoro “promozione della consapevolezza sull’inclusione delle donne e delle persone con disabilità”.

Dice: “Sono molto felice di rappresentare le donne iraniane. È un onore per me vincere un premio, ma comporta una grande responsabilità. Il premio IPC ispirerà queste donne con disabilità in Iran e nel mondo”.

Nel suo discorso in quel momento, fu schietto nel fare la sua richiesta. “Per favore, voglio essere considerato un iraniano e non un arciere ai Giochi Paralimpici. Sono qui come attivista per i diritti umani in Iran”.

scopo e obiettivo. Il presente guarda al futuro e al tiro con l’arco come metafora di una vita piena di ostacoli che spera di superare da una sedia a rotelle che gira per il mondo. A Tokyo ha fatto parte di una delegazione in espansione di 63 atleti che stanno lentamente cambiando i sentimenti del movimento paralimpico nel loro paese, inviando un messaggio globale di impegno.