Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fallimento della moda globale nell’economia circolare (clienti e prodotti): un impegno per la responsabilità sociale d’impresa

2 anni fa, International Consulting Kearney piedi indicatore di moda circolare (CFX – Circular Fashion Index) per misurare gli sforzi dei marchi di moda per estendere il ciclo di vita dei propri capi. I risultati sono stati preoccupanti. voti medi Solo 1,6 su 10 Tra tutti i marchi esaminati, solo pochi hanno mostrato sforzi credibili per ridurre il proprio impatto ambientale.

L’industria e l’attività dei consumatori sono aumentate dal 2020, aumentando la consapevolezza del ruolo che la moda – o meno – gioca nella creazione di un ambiente più sostenibile. Le ricerche su Google per la moda sostenibile sono aumentate del 350%*. Le piattaforme usate stanno registrando una crescita a doppia cifra. E l’anno scorso, H&M ha pubblicato più di 100 volte sui suoi social network su vari argomenti, come la riduzione dell’acqua e dell’anidride carbonica, la circolazione e la biodegradabilità**.

Kearney, per il nuovo CFX 2022Ampliato l’ambito degli studi precedenti. Valutato 150 marchi globali in rappresentanza di 20 paesi e sei categorie: Sport e tempo libero, Lingerie e biancheria intima, Lusso, Lusso/Lusso conveniente, Mass Market e Fast Fashion.

L’economia circolare nella moda: un traguardo ancora molto lontano

La performance di circolarità dell’azienda è valutata in base a sette dimensioni che influiscono sulla longevità dei capi. Queste dimensioni includono due prospettive: il mercato primario (che influenza le vendite di nuovi prodotti ai consumatori) e il mercato secondario (come il mercato delle pulci o del riciclaggio). Alla Kearney, i punteggi sono stati ponderati per ciascuna dimensione, con la massima importanza data alle vendite usate, ai servizi di noleggio e al riutilizzo degli indumenti restituiti come materie prime o per donazioni. Questi punteggi sono stati poi combinati per ottenere un punteggio complessivo compreso tra 1 e 10, con 1 che rappresenta il punteggio più basso e 10 che rappresenta il punteggio più alto.

Purtroppo, il settore della moda continua a segnare complessivamente scarsi risultati. Il punteggio CFX medio di quest’anno tra tutti i marchi di moda è giusto 2,97 su 10. Solo il 7% utilizza materiali classificati in modo affidabile; Il 54% utilizza materiali riciclati in articoli o caratteristiche specifiche del prodotto, ma il 39% non utilizza affatto materiali riciclati. Sebbene la comunicazione, la promozione dello spin e gli sforzi di riutilizzo siano la procedura più semplice e rapida da implementare, il 44% dei marchi non lo fa affatto e il 40% si accontenta di fornire le istruzioni minime di sponsorizzazione richieste dalla legge.

READ  Economie. Il Partito popolare vuole che il Congresso costringa Aina ad adeguare gli affitti in modo che il traffico aereo possa essere ripristinato

I risultati sono peggiori per le misure di economia circolare che richiedono un maggiore impegno. Solo il 5% (la maggior parte dei marchi di lusso) offre servizi di riparazione completi, il 5% vende l’usato e solo il 2% offre servizi di noleggio o noleggio. L’8% dei marchi offre ampie possibilità di consegna in modo che almeno i vestiti possano essere utilizzati come materie prime o donati.

Patagonia, Levi’s e The North Face sono stati i migliori risultati di CFX, con punteggi rispettivamente di 8,50, 8,20 e 8,05. Queste tre aziende, leader indiscusse nell’allungare la vita del proprio abbigliamento, vedono la circolarità come una necessità strategica piuttosto che come un sacrificio di margine sull’altare del marketing “verde” o ecologico. Le tre società hanno migliorato i loro punteggi a partire dal 2020.

Il marchio italiano OVS è passato al quinto posto nel 2022. OVS ha aumentato la sua percentuale di tessuti riciclati dal 65% della sua gamma 2020 realizzata con materiali a basso impatto a un ambizioso 90% entro il 2025, istruzioni per la cura migliorate e riparazioni migliorate disponibili in alcuni negozi Con prevede di attivare di più, gli indumenti usati sono stati donati a enti di beneficenza e i punti di consegna sono stati ampliati per i clienti.

Gucci è salito al sesto posto quest’anno. Il marchio ha intensificato i suoi sforzi con i gruppi Equilibrio Gucci S Fuori copertura di rete. L’azienda ha anche migliorato la promozione e la comunicazione sulla longevità e il ciclo del prodotto e prevede di aumentare la durata del prodotto sul proprio sito Web. Equilibrio Gucci. Il marchio ha mostrato il miglioramento maggiore in termini di “utilizzo come materia prima” grazie al programma Ripristina il tessuto Gucci-ECONYL® usato. Anche gli scarti di pelle della collezione vengono recuperati e riciclati nell’ambito del programma Gucci-Up.

Louis Vuitton è migliorato anche nel rapporto di quest’anno grazie all’aumento della percentuale di tessuti riciclati utilizzati nei suoi marchi, inclusa la piattaforma Cedre di LVMH per il riciclaggio di materiali vecchi e invenduti, e il gruppo stai attentoscarpe sportive Riciclato da Virgil Abloh LV e motto LV riciclaggio Si riferisce all’uso di poliestere riciclato. Il più grande miglioramento è stato nell’area delle istruzioni per la cura, con istruzioni per la cura molto complete per tutte le categorie di prodotti e diversi materiali e istruzioni per la cura disponibili sul sito Web per tutti i prodotti.

READ  Stellantis aumenta la redditività nel primo semestre | Economia

I marchi francesi e di lusso sono all’avanguardia nella moda

La maggior parte dei 150 marchi analizzati (75%) proviene da Germania, Francia, Italia e Stati Uniti.

Sebbene la Francia non abbia marchi tra i primi dieci, ha il punteggio CFX più alto – seguita dall’Italia – dominando rispettivamente i primi 20 e 30 con 10 marchi. In Italia ci sono due marchi (OVS e Gucci) nella top ten, il resto dei marchi italiani è equamente diviso in quarti.

Gli Stati Uniti sono al terzo posto grazie a Patagonia, Levi’s e The North Face, i tre marchi CFX più performanti.

La società tedesca Esprit si è classificata al quarto posto, Adidas nel primo trimestre e Hugo Boss al secondo. Tuttavia, il paese ospita anche alcuni marchi con prestazioni inferiori a quelle di Francia, Italia o Stati Uniti.

Dei restanti 16 paesi (con 37 marchi in questo campo), la Svezia ha ottenuto il punteggio migliore, con un punteggio di 4,92, seguita dal Canada (3,43) e dal Regno Unito (3,33).

I voti variano notevolmente in base alla categoria di moda. marchi di lusso e eccellente Hanno i punteggi più alti grazie alle istruzioni complete per la cura e ai servizi di riparazione che i clienti più esigenti si aspettano in base al prezzo eccellente. Fast Fashion e Lingerie/Lingerie hanno ottenuto il punteggio più basso a causa della natura del suo modello di business. Fornire servizi di seconda mano o noleggio è più difficile in questi settori.

Marche spagnole, al di sotto della media mondiale

Il rapporto ha anche analizzato 5 marchi spagnoli di settori mercato all’ingrosso S moda veloce. Nonostante l’enorme sforzo e l’attenzione che aziende come Inditex o Mango mettono sulla sostenibilità, nessuno dei marchi di queste aziende è tra i primi 50. In genere, Il marchio in Spagna è 2.65inferiore alla media globale di 2,97.

Cioè, come mostrato Eloy Rodríguez, partner al dettaglio di Kearney: “L’economia circolare del mondo della moda richiede un approccio strategico globale (dai fornitori alla consegna in negozio o al domicilio del cliente), non solo certificazioni di sostenibilità globali, come fa la maggior parte delle aziende.

Tanta strada da fare: alcuni consigli per iniziare

Come mostra CFX 2022, l’industria della moda può fare molto di più. Produrre molto meno capi di abbigliamento e allo stesso tempo estenderne la vita utile consentendo ai consumatori di indossarli più a lungo è il modo più efficace per ridurre l’impatto ambientale del settore.

READ  Olaf Schultz rafforza i legami con l'Italia nel suo primo viaggio ufficiale come advisor | Europa | DW

Ma prima che ciò accada, i marchi di moda devono riconoscere, comprendere e possedere il proprio impatto ambientale da un’estremità all’altra della catena del valore, compresi i partner di produzione, distribuzione e vendita al dettaglio. Solo allora saranno in grado di dare priorità alle iniziative di maggiore impatto.

Anche la comunicazione è fondamentale. I marchi di moda devono mostrare come i consumatori possono fare acquisti e vestirsi in modo più sostenibile. Soprattutto, dovrebbero smettere di fare pressioni sui consumatori affinché acquistino le ultime tendenze per essere sempre “alla moda”: Anche i vestiti vintage possono!

I progettisti devono considerare la generalizzazione nel loro processo. L’abbigliamento dovrebbe essere più resistente e il design senza tempo in modo che i consumatori possano indossarli più a lungo. La produzione che include monofilamenti e altri materiali innovativi facili da riciclare farà un’altra grande differenza. I marchi devono anche investire in servizi di riparazione, oltre a prendere sul serio i servizi di noleggio e usato.

Le autorità di regolamentazione e le autorità di regolamentazione possono assistere l’industria nella sua transizione verso pratiche più sostenibili stabilendo e applicando standard e linee guida globali, ad esempio sulla tracciabilità della catena del valore o sulla durata minima degli indumenti. Le autorità di regolamentazione possono anche aiutare a creare le infrastrutture necessarie, come i programmi di ripristino; Sostenere gli investimenti in ricerca e sviluppo in settori che vanno dallo sviluppo di nuove fibre alla tecnologia di riciclo; incoraggiare comportamenti sostenibili attraverso incentivi fiscali per i marchi di moda sostenibili; e vietare pratiche insostenibili come bruciare l’inventario invenduto.

“Le sfide alla sostenibilità dell’industria della moda sono importanti, ma possono essere superate – solo se – ogni anello della filiera globale del settore, dai fornitori di materie prime al consumatore, concorda sul fatto che vale la pena e genera valore da migliorare le condizioni del nostro pianeta”, conclude Eloy Rodríguez, partner di Kearney nel commercio al dettaglio.