Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il dottor Perez Gil conferma che “l’infarto del miocardio sopravvive in oltre il 60% dei casi

Le moderne tecnologie sono state in grado di aumentare l’aspettativa di vita dei pazienti con questa malattia.

Francisco Perez Gil, MD, direttore della divisione di cardiologia presso il San Lucas Episcopal Medical Center di Porto Rico. Foto: Archivi del Journal of Medicine and Public Health. Piazza Fabiola.

Quando parliamo di muscolo cardiaco, abbiamo a che fare con a muscolo cardiaco nel sistema cardiovascolare, quindi quando il miocardio ha un infarto, è perché c’è una diminuzione Ossigeno ricevuto dal muscolo, provocando un danno inizialmente reversibile.

per lui Dott. Francisco Perez GilE il Direttore di Cardiologia presso il San Lucas Episcopal Medical CenterQuesto problema a lungo termine provoca la morte del muscolo cardiaco.

Prima di tutto, è importante distinguere tra infarto miocardico Scrivi 1 e scrivi 2. infarto miocardico Il tipo 1 è causato da un evento coronarico acuto, mentre il tipo 2 è un’entità eterogenea in cui qualsiasi condizione diversa da un evento coronarico acuto contribuisce a uno squilibrio tra offerta e fabbisogno Ossigeno.

“Il fenomeno dell’infarto miocardico è un fenomeno che stiamo assistendo sempre di più e questo è dovuto al fatto che la nostra popolazione sta invecchiando rapidamente; tuttavia, grazie alle nuove tecnologie in medicina e ai farmaci che hanno la capacità di limitare il progresso”, ha commentato lo specialista.

Secondo il Dr. Francisco, gli attacchi cardiaci di tipo 1 si verificano principalmente nei giovani, a causa di un grave blocco, che generalmente hanno un piccolo strato di aterosclerosi (colesterolo nelle arterie o il nostro colesterolo nelle arterie).

D’altra parte, l’infarto di tipo 2 si verifica più frequentemente negli anziani, considerando che il tipo 2 è presente prima di più; Tuttavia, gli anziani possono avere un infarto di tipo 1 e viceversa.

READ  Tre donne messicane furono le prime a studiare legge, medicina e architettura

“Tutti noi abbiamo un certo livello di aterosclerosi, che è la placca nelle nostre arterie. Quando quella placca si rompe, a causa di infiammazione o stress o esercizio o attività fisica vigorosa, o semplicemente si rompe bruscamente, vedremo che c’è una cascata infiammatoria in cui si forma un blocco grave, quello che osserviamo.Lì, tenendo presente che quando il sangue scorre immediatamente, questo blocco porterà a sintomi immediati come dolore toracico, pesantezza, mancanza di respiro e in un caso più grave porterà ad aritmie e improvvise morte cardiaca”.

Ciò significa che molti pazienti soffrono infarto miocardico Il tipo 1 morirà improvvisamente, più spesso di quelli con infarto di tipo 2.

sintomi

-Fonte.

– Sudorazione.

Depressione o dolore che spesso possono migrare o raggiungere il collo, il braccio sinistro e la spalla. (Il dolore spesso non è sul lato sinistro dove la gente pensa che sia, e il cuore è nel mezzo.)

Mancanza di respiro o respiro sibilante.

– Palpitante.

-Vertigini.

In genere, i pazienti con tipo 1 si rendono conto che sta accadendo qualcosa di veramente brutto perché hanno già una malattia predeterminata e i sintomi di angina, dolore e mancanza di respiro sono più lievi, ma durano più a lungo.

Le persone con infarto miocardico possono fare esercizio?

Storicamente, ai pazienti con infarto veniva consigliato di riposare per periodi prolungati e talvolta limitati di riposo a letto, e oggi uno degli interventi più importanti e benefici in questa popolazione è la cosiddetta riabilitazione cardiaca con programmi di esercizio aerobico.

Quando si parla di esercizio aerobico ci si riferisce alla camminata, alla corsa e ai movimenti che richiedono poco, affinché questi pazienti possano migliorare non solo la riabilitazione cardiaca, ma anche la forma fisica, e questo ha dimostrato di aumentare la capacità del cuore, aumentare la sopravvivenza di questi pazienti, che richiede meno ricoveri e meno morti.

READ  Gli Stati Uniti sono in allerta per una strana esercitazione militare della Russia nell'Oceano Pacifico vicino alle Hawaii

Per quanto riguarda la prevalenza della malattia coronarica a Porto Rico, secondo il Dipartimento della Salute in termini di tipo I in particolare, che è di circa il 4%, ora in termini di malattia coronarica, l’isola è del 7 o 8%. Facendo un confronto con gli Stati Uniti, dove c’è il 5%, le percentuali sull’isola sono più alte.

Potete guardare l’intervista completa qui: