Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il debito pubblico supera per la prima volta 1,41 trilioni di euro euros

Un nuovo record per il debito pubblico. Il debito fiscale accumulato da tutte le amministrazioni in Spagna a maggio è salito a 1,41 trilioni, con un aumento dell’11% rispetto all’anno precedente, secondo i dati pubblicati ieri dalla Banca di Spagna, una cifra mai raggiunta prima.

In questo modo, secondo l’autorità finanziaria Airef, è stato superato il 125% del PIL, un livello che non si vedeva in Spagna da 140 anni, e poco prima dell’epidemia, paesi come le economie avanzate hanno raggiunto il Giappone, la Grecia o l’Italia.

Fedea propone di eliminare gradualmente ERTE e restrizioni di classe

Se confrontati con la fine del 2020, i dati rappresentano un aumento del rapporto debito/PIL di 5,3 punti. Ma il governo stima che entro la fine di quest’anno il rapporto debito/PIL dovrebbe scendere al 119,5%.

Airef avverte che l’alto livello del debito pone la sostenibilità di bilancio a “significativa debolezza”, e aggiunge che questi numeri elevati significano che quando la crisi sarà superata, i piani di consolidamento dovranno essere progettati per tornare a “più cauti”.

Tuttavia, questo organismo ritiene che il “tetto” del debito pubblico sia stato raggiunto nel breve periodo grazie alla ripresa dell’attività economica e alla graduale scomparsa delle misure di emergenza legate all’epidemia. Il problema è il tempismo: per portare il rapporto debito/PIL ai livelli pre-COVID, questo processo potrebbe richiedere un decennio e notare che di fronte all’aumento dei tassi di interesse, finché il debito non diventerà insostenibile, sarà necessario compensare con aggiustamenti fiscali.

La Foundation for Applied Economics Studies (Fedea) ha evidenziato ieri in un comunicato stampa che “la spesa pubblica continua a crescere a tassi superiori al 5%, il che renderà difficile ridurre il deficit e contribuirà al continuo aumento del debito pubblico equilibrio.”

READ  Draghi afferma che il G7 condivide posizioni con Cina e regimi autoritari

In questo senso, Fedea ritiene opportuno “pensare” alla graduale eliminazione dell’ERTE e alla rimozione delle restrizioni alla segregazione, nonché alla revoca delle misure di protezione in termini di beni di prima necessità e alloggi man mano che emerge il reddito. Minimo dinamico.

Da marzo 2020, i governi mondiali hanno impegnato 16 trilioni di dollari per fornire sostegno finanziario e le banche centrali hanno ampliato i propri bilanci di un totale di 7,5 trilioni di dollari. I deficit sono i più grandi dalla seconda guerra mondiale e solo l’anno scorso le banche centrali hanno fornito più liquidità rispetto agli ultimi 10 anni.

“Questo era necessario: se le autorità non avessero agito, la recessione nel 2020, la peggiore in tempo di pace dalla Grande Depressione, sarebbe stata tre volte più grave”, ha affermato ieri il Fmi in uno studio.