Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il debito pubblico spagnolo è equivalente al 117,7% del PIL nel primo trimestre del 2022

Il debito pubblico spagnolo è leggermente diminuito nel primo trimestre del 2022 fino al 117,7% del PIL, nonostante il deterioramento dei conti previdenziali, ha annunciato martedì la Banca di Spagna in un comunicato.

Il debito totale di tutte le pubbliche amministrazioni spagnole, misurato secondo i criteri di Maastricht, era di 1.454 miliardi di euro (1.522 miliardi di dollari) alla fine di marzo, secondo la banca centrale.

In termini assoluti, questo numero è superiore all’ultimo trimestre del 2021 (1428 miliardi di euro)sebbene in termini di PIL sia ora diminuito di 0,7 punti (dal 118,4% al 117,7%).

Questa dinamica si spiega con il miglioramento dei conti di diversi enti pubblici e fondi, come la Società di Gestione Patrimoniale da Ristrutturazione Bancaria (SARP), nata nel 2012 per recuperare e rivendere gli asset immobiliari “tossici” delle banche.

Debito accumulato da varie agenzie Diminuito del 16,4% in un annosecondo la Banca di Spagna.

Il debito statale, dal canto suo, è aumentato del 5,3%, mentre il debito previdenziale è aumentato del 16,2% per le misure messe in atto per contrastare le ripercussioni della pandemia di COVID-19 e dell’Ucraina del dopoguerra.

Il debito pubblico spagnolo, uno dei più alti d’Europa, è aumentato di circa il 10% nel 2020 a causa della crisi sanitaria, che ha generato un’esplosione della spesa pubblica.

Da allora è nettamente regredito, spinto soprattutto dall’aumento del gettito fiscale stimolato dall’inflazione, che ha consentito di compensare una crescita più debole del previsto lo scorso anno (5% contro il 7% previsto dal governo).

Secondo il Patto di stabilità, il debito pubblico degli Stati membri dovrebbe teoricamente rimanere inferiore o uguale al 60% del PIL, anche se possono essere apportati aggiustamenti occasionali. E il deficit pubblico da parte sua non dovrebbe superare il 3% del PIL.

READ  I deputati riconoscono all'ambasciatore italiano uscente per il suo contributo alle relazioni bilaterali

La Spagna è impegnata da mesi, insieme a Francia e Italia, per rivedere queste regole, con l’obiettivo del quadro di bilancio europeo che tenga maggiormente conto delle difficoltà specifiche di ciascun Paese.