Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il debito pubblico scende nel 2021 al 118,4% del PIL e migliora l’obiettivo del governo

Il debito pubblico è cresciuto del 6,1% nel 2021, di 81.450 milioni di euro, attestandosi al 118,4% del PIL, con un valore di 1.420 miliardi di euro, secondo i dati della Banca di Spagna. L’economia è inferiore all’obiettivo del governo di oltre 1 punto (119,5%) ed è scesa di 1,5 punti fino alla fine del 2020, rispetto a sempre il PIL.

L’aumento del totale è dovuto alle maggiori spese e ai minori redditi causati dalla crisi del coronavirus. Per sottosettore, il saldo del debito dell’Amministrazione Centrale dello Stato è salito a 1.240 miliardi di euro, dopo aver aggiunto 78.712 milioni rispetto a dicembre 2020 (+6,7%).


Leggi anche

agenzie

Dal canto suo, il debito previdenziale è ammontato a 97.185 milioni, con una crescita di 11830 milioni da dicembre 2020. E nelle comunità autonome è cresciuto di 8.594 milioni (+ 2,8%), a 312.586 milioni, mentre è rimasto stabile nelle imprese domestiche , a 22.068 milioni.

“Quell’anno saremo ancora in un quarto dei 27 paesi più indebitati dell’UE, insieme a Grecia, Italia, Portogallo, Francia, Belgio e oltre 50 punti di PIL al di sopra dell’attuale livello di riferimento (60%)”, ha affermato Santiago Lago di Funcas.

Numeri

La comunità valenciana è ancora la più indebitata rispetto al PIL

Nei dettagli sull’autonomia, quelli che devono di più sono la Catalogna (82.369 milioni di euro), la Comunità Valenciana (53820 milioni), l’Andalusia (37.291 milioni) e la Comunità di Madrid (34409 milioni). Secondo il suo PIL, la comunità valenciana più indebitata è comunque, al 47,8%, seguita da Castilla-La Mancha con il 36,5%, dalla Catalogna con il 36% e dalla regione di Murcia con il 34,1%.

READ  ShowRoom for the Caribbean ha lasciato aspettative commerciali di oltre $ 5 milioni di USD