Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il danno ambientale causato dal benessere dei paesi ricchi viene esternalizzato al Sud del mondo | futuro pianeta

350 navi attraverso l’Atlantico piene di vecchi televisori, computer, telefoni cellulari e microonde. Questo è ciò che il mondo dovrebbe nascere nei rifiuti elettronici nel 2019. La maggior parte di questi dispositivi ha terminato la propria vita utile nei paesi ricchi, e poi molti di questi avanzi hanno attraversato i mari su navi dirette ai paesi in via di sviluppo con normative più permissive riguardo a questo tipo di rifiuti. Lì, in enormi discariche, questi rifiuti incidono sulla salute delle persone, molte delle quali sono bambini, che lavorano e vivono nelle vicinanze. Questa tendenza esportazione di rifiuti informatici – È molto difficile da quantificare a causa della natura informale della pratica – è un esempio strettamente correlato di come la maggior parte dei paesi sviluppati elabora le conseguenze negative dei propri modelli di consumo.

Questa è una delle principali conclusioni dell’ultimo studio pubblicato dall’UNICEF pagella innocente 17 – Luoghi e Spazi: Ambienti e Benessere dei Bambini. Il documento, pubblicato martedì, indaga il benessere dei bambini e l’ambiente in cui vivono in 39 paesi dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico e dell’Unione Europea. A priori, si è concentrato sul confronto della qualità della vita dei minori in questi paesi e sulla creazione di un rating internazionale, ma la cosa più sorprendente è che, mentre alcuni dei paesi più ricchi del mondo offrono condizioni di vita molto buone per i loro cittadini più giovani, questo significa anche che generano un impatto ambientale negativo, estremamente oltre i loro limiti; Ciò potrebbe danneggiare la salute e il futuro di milioni di bambini nel sud del mondo.

Questo fatto è diventato chiaro grazie alla visualizzazione utilizzata nello studio. La performance di ogni Paese in termini di benessere fornito ai propri figli è stata calcolata da un totale di tre domini costituiti da variabili diverse per ciascuno. D’altra parte, un mondo di bambino che si concentra sul suo consumo di aria, acqua e cibo, nonché sulla sua esposizione a rumore, freddo, calore o sostanze nocive. In secondo luogo, il mondo intorno al bambino, che guarda agli aspetti fisici dell’ambiente in cui vive, dall’alloggio ai rischi ambientali a cui è esposto. Infine, il mondo intero, che rimanda al contesto più ampio in cui si conserva quanto sopra; Pertanto, l’influenza delle condizioni in un paese può essere inclusa anche esternamente.

READ  Morant annuncia un investimento di oltre 500 milioni di euro da PERTE per la ricerca sulla medicina personalizzata

Anni fa c’era un discorso impatto ineguale sull’ambiente In tutti i paesi, il risultato non è esattamente una sorpresa. Ciò che fa è cristallizzare inequivocabilmente la relazione tra benessere, consumo e impatto ambientale che si verifica nell’attuale funzionamento del mondo, spiega Anna Gromada, una delle ricercatrici dell’UNICEF che ha condotto lo studio. “Tutto ciò che produce lusso presuppone un qualche tipo di consumo. Costruire una casa con una buona illuminazione, pareti pulite, riscaldamento e privacy significa consumo; e tutto ciò contribuisce al benessere. Tuttavia, questo tipo di condizioni tendono a esistere nei paesi ricchi , nel senso che vengono consumati a livelli insostenibili a livello insostenibile a lungo termine.

Una donna raccoglie rifiuti di plastica dal fiume Buriganga a Dhaka, in Bangladesh, il 16 settembre 2020. Muhammed Buner Hussain (Reuters)

Per fare un esempio concreto: mentre Finlandia, Islanda e Norvegia offrono le migliori condizioni di vita ai loro figli, con alloggi molto buoni, accesso sicuro ai servizi di base e un’eccellente qualità dell’acqua e dell’aria, sono tra i paesi con più beni ed energia consumando, emettendo la maggior parte del carbonio – se tenuto conto del loro consumo – quelli che generano più rifiuti elettronici pro capite. D’altra parte, la Colombia o il Messico hanno le peggiori prestazioni in termini di qualità dell’aria, nonostante siano i meno inquinati in termini di consumo dei suoi residenti.

Questa differenza appare più evidente se si guarda solo al caso dei rifiuti elettronici, motivo per cui Gromada ha deciso di concentrarsi proprio su questo fenomeno. D’altra parte, è il tipo di spazzatura che cresce più velocemente, ma non è come qualsiasi altro tipo di rifiuto, è un rifiuto tossico contenente sostanze pericolose come mercurio o piombo. Ma lo affrontiamo anche in modo particolarmente problematico, perché secondo i dati disponibili una parte significativa viene trasferita nell’emisfero australe “, afferma il ricercatore.

La produzione di questo tipo di lettiera è aumentata del 20% negli ultimi cinque anni e dovrebbe raddoppiare nei prossimi 16, secondo i dati di Osservatorio globale sui rifiuti elettronici 2020. Sebbene la gestione di questi rifiuti debba essere effettuata seguendo sistemi di controllo molto dettagliati e ci siano diversi accordi internazionali che ne vietano l’esportazione non regolamentata, oltre l’82% dei rifiuti generati nel 2019 è stata una destinazione incerta. Molti di loro potrebbero essere finiti in discariche illegali nei paesi in via di sviluppo, dove milioni di persone si guadagnano da vivere creando oggetti di qualsiasi valore all’interno delle carcasse dei dispositivi elettronici.

Tra quei lavoratori informali che frugano nella spazzatura alla ricerca di un componente elettronico fatto di un metallo prezioso – di solito si accede sciogliendo l’involucro di plastica e rilasciando fumo tossico – ci sono 18 milioni di bambinisecondo Un importante rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). In queste condizioni, sono maggiormente colpiti da queste pratiche, perché i loro organi e il loro sistema immunitario non sono completamente sviluppati. Ma l’inquinamento elettronico raggiunge anche la terra, l’acqua e l’aria nelle aree circostanti, quindi il numero di persone che possono risentirne è ancora più alto.

Nel frattempo, nei paesi sviluppati le persone cambiano il cellulare Ogni due anni in media. “È particolarmente doloroso che questa situazione sia causata dall’obsolescenza pianificata. Non c’è una ragione scientifica, è progettata per esserlo. Dalla produzione che fa partire un mobile lento dopo due anni e dal marketing che ci fa sempre desiderare cose nuove. Questo è chiaramente un interesse Sarete attaccati se riduciamo i nostri consumi, che penso sia la strategia migliore”.

La produzione di questo tipo di rifiuti è aumentata del 20% negli ultimi cinque anni e si prevede che raddoppierà nei prossimi 16

Se si sposta l’attenzione sulle emissioni, si osserva la stessa tendenza all’esternalizzazione. In questo caso, la metrica per dimostrarlo è l’impronta di carbonio – che include le emissioni dei consumi interni, quelle degli investimenti pubblici e privati, nonché quelle in beni e servizi – rispetto alle emissioni regionali, che tengono conto solo delle emissioni di carbonio emesse all’interno di un paese. Secondo il capitolo sulle emissioni di carbonio in Rapporto sulla disuguaglianza mondiale 2022l’Europa ha un’impronta di carbonio superiore del 22% rispetto alle sue emissioni regionali, mentre quella dell’Africa subsahariana è inferiore del 23% rispetto alla quantità di carbonio che emette direttamente sul suo territorio.

In Messico, mille minori perdono in media 3,7 anni di vita sana a causa dell’inquinamento

Nella vita delle persone, e in particolare dei bambini, ciò significa che coloro che vivono nei paesi in via di sviluppo sono generalmente più colpiti dall’inquinamento dell’aria sebbene contribuiscano, in termini di consumi, molto meno. In Messico, mille bambini perdono in media 3,7 anni di vita sana a causa dell’inquinamento. Al contrario, in Finlandia, difficilmente perdiamo 0,2 anni ogni mille bambini, nonostante il fatto che se ogni persona consumasse al proprio ritmo, sarebbero necessari quasi quattro pianeti.

In fondo, tutta questa relazione è un’ulteriore prova a sostegno di un’ipotesi già nota. La sua missione è persuadere governi, aziende e individui a cambiare i loro modelli di comportamento. La cosa che Gromada ha osservato, e si spera nel sud del mondo, sono misure come l’innalzamento degli standard nella produzione di benzina in alcuni paesi africani di propria iniziativa. “Che le cose stiano come stanno non è inevitabile, è una questione di priorità e volontà politica. Ma il progresso nella vita non avviene, devi lottare per questo”, commenta l’autore del rapporto, incoraggiando i paesi in via di sviluppo a chiedere che i costi dei modelli di consumo siano distribuiti proporzionalmente.

Puoi seguire PLAneta FUTURO a TwitterE Facebook E Instagrame iscriviti qui alla newsletter.