Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Il contratto del gas con l’Algeria è a lungo termine e non c’è dubbio”.

Alla guida di Naturgy, la prima compagnia di gas spagnola e la terza compagnia elettrica del paese, dal 2018, Francisco Renes ha sostenuto le turbine a gas come parte della soluzione nel mezzo di una transizione energetica. Rassicura sul ruolo dell’Algeria come importante fornitore di gas alla Spagna: “Il contratto è fino al 2032 e le due parti sono pronte a rinnovarlo”.

Più coordinamento

“Si fa sempre più chiara la necessità di una politica energetica comune nell’Unione Europea”

Il settore energetico è impantanato in una tempesta perfetta?

Sarebbe come dire che non può andare peggio e non lo sappiamo perché 100 giorni fa, prima dell’invasione russa dell’Ucraina, non avevamo idea di dove saremmo stati adesso. Devi aggiungere realismo. L’energia è al centro di molte discussioni perché c’è stata una rapida escalation dei costi e dei prezzi su tutti i fronti: gas, petrolio, elettricità e diritti sull’anidride carbonica. L’invasione russa dell’Ucraina ci ha fatto aprire gli occhi sull’importanza di diversificare le forniture. Possiamo pensare che l’Europa abbia una posizione diversificata nel campo dell’energia ed è vero: ha centrali nucleari a ciclo combinato, ha scelto l’energia idroelettrica, l’energia solare… Sta introducendo l’idrogeno, promuovendo il biogas, l’interconnessione… Ma se andiamo paese per paese… Ognuno ha scelto un modello diverso. La necessità di una politica energetica comune nell’Unione europea sta diventando sempre più evidente.

Come vede l’energia in Europa tra quattro o cinque anni?

Continuerà a spostarsi verso una maggiore sostenibilità. E il settore energetico, in quanto responsabile di una parte importante delle emissioni, deve fare qualcosa, lo sta facendo e dovrà continuare a farlo. In secondo luogo, il settore sarà alquanto più omogeneo. È necessario più coordinamento. E terzo, ci sarà una maggiore diversità di fonti di approvvigionamento in Europa. Il 60% del gas consumato dalla Germania o il 40% del gas consumato dall’Italia proviene dalla Russia, ma i due Paesi stanno già lavorando per cambiarlo. Inoltre, dopo aver vissuto quello che stiamo attraversando, saremo più consapevoli della necessità di garantire l’approvvigionamento. Questo ci renderà più realistici, più consapevoli del ruolo di particolari tecnologie di generazione che oggi non sono ben viste. Intendo le turbine a gas. Oggi vediamo il gas come un problema e tra qualche anno vedremo che può essere parte della soluzione. Il biogas, tutti i gas di origine rinnovabile e, a lungo termine, l’idrogeno, avranno una roadmap molto più ambiziosa. L’Unione Europea ha già individuato nel biogas una leva di opportunità. Catalogna e Spagna hanno molto potenziale in questo settore.

Le turbine a gas, che idealmente possono essere utilizzate con gas da fonti rinnovabili e quindi non emettono anidride carbonica, hanno il vantaggio che quando altre tecnologie di generazione di energia rinnovabile falliscono, sono disponibili in meno di 60 minuti per fornirle alla piena potenza nominale. Non esiste un’altra tecnologia simile.

nei prossimi anni

“Il mondo è destinato a continuare ad aumentare i prezzi del gas”

E in termini di interconnessione, come sarebbe l’Europa?

READ  Modifica del vaccino

Maggiore è l’interdipendenza, non solo nel gas, ma in generale, più il progetto di area comune europea sarà unificato. Quello che succede è che l’interconnessione richiede coordinamento e investimenti significativi. Molte comunicazioni si sono bloccate perché le aree che devono attraversare non sono d’accordo o pongono molte condizioni. Quindi credere che l’interconnessione risolverà una parte importante del problema a breve termine non è realistico. Poi ci sono le questioni tecniche e la capacità di affrontare questi grandi affari. Questa settimana ero con il presidente della Nigeria in visita in Spagna e gli ho chiesto dei loro due grandi progetti per convogliare il gas nigeriano in Europa. Uno in superficie attraverserebbe 13 paesi dell’Africa subsahariana in Marocco e da lì si collegherebbe alla Spagna. Sono più di 2.000 km, e attraversano paesi con gravi problemi politici, terrorismo… L’altro è un gasdotto via mare, con una lunghezza di 5.800 km. Mi parlava di investimenti da 30.000 milioni di euro…. Sono progetti a lungo termine, con un minimo di 20 anni.

A breve termine, noi in Spagna abbiamo dei vantaggi. Uno è il significativo potenziale di rigassificazione gas-gas e l’altro è un collegamento privilegiato con l’Algeria. L’importante è assicurarsi contratti di fornitura a lungo termine.

Moscato

“Tecnicamente possono volerci tre anni, ma ottenere i permessi locali è complicato”

Ovviamente, comunque, una soluzione di sviluppo dell’infrastruttura richiede tempo per essere attiva e funzionante…

Ci vogliono alcuni anni. Connessione Midcat, ad esempio, che collegherebbe la Spagna alla Francia. Tecnicamente può essere costruito in tre anni, ma supera i 50 comuni della provincia di Girona. Ottenere i permessi è complicato. Poi dalla parte francese.

A causa dei prezzi elevati, alcuni suggeriscono di rallentare la transizione energetica. cosa ne pensi?

Per la nostra generazione e per gli altri, l’impegno per la trasformazione energetica deve essere completo. Nessun evento circostanziale dovrebbe farci perdere di vista l’obiettivo a lungo termine. Tuttavia, è richiesto pragmatismo. Per me è molto pratico non maledire il ruolo del gas, per esempio. Pensare alla sua completa sostituzione non è realistico.

E vorrei ricordarvi che nel 2018 Naturgy è stata la prima azienda elettrica in Spagna a decidere di chiudere tutta la sua produzione di carbone, ed è l’azienda che genera più CO2. Gli azionisti hanno approvato un ammortamento anticipato di oltre 4.000 milioni. Questa è una testimonianza di un serio impegno per la trasformazione energetica. La seconda l’abbiamo spiegata un anno fa con un piano di investimenti di 14.800 milioni di dollari in due aree: generazione di energia elettrica rinnovabile e reti di distribuzione dell’aria condizionata.

legame

“Il collegamento con la Nigeria è un progetto a lungo termine, con un minimo di 20 anni”

Ci sono stati una serie di elementi geopolitici che hanno interferito nei negoziati di Naturgy con l’Algeria per la revisione del contratto. D’altra parte, c’è un riavvicinamento politico tra i governi spagnolo e marocchino che non è andato bene in Algeria. D’altra parte, anche l’Italia è alla ricerca di condizioni migliori e di ampliare le proprie forniture. Come li colpisce?

READ  Un gruppo di imprenditori argentini è stato riconosciuto in Italia

Sonatrach è un’azienda molto ben gestita, ma lo stato algerino contribuisce, quindi il processo decisionale ha alla fine una componente politica. L’Algeria ha pubblicamente affermato che il riavvicinamento con il Marocco è stato interpretato come una decisione ostile che avrebbe un maggiore impatto globale.

Tuttavia, la nostra relazione va avanti da 30 anni ed è sempre stata cordiale. Il contratto che abbiamo stipulato con Sonatrach è composto da due parti, una delle quali è il contratto di prezzo e l’altra è il contratto di quantità. Questo è a lungo termine e quindi non lo è e non ci è stato detto che sarà sospettato o rivisto in qualsiasi momento. Ciò significa che la decisione presa dal governo algerino in merito alla sua interpretazione del problema Marocco non dovrebbe pregiudicare o pregiudicare affatto l’attuale contratto di fornitura, fino al 2032 e con la volontà delle parti che possa essere rinnovato.

trasmissione di energia

Per la nostra generazione e per quelle a venire, l’impegno deve essere completo.

Fino al 2032 le due parti si sono impegnate?

Impegnati così come con un contratto Prendere o pagare e garanzie. In altre parole, devi portare con te la benzina o devi comunque pagarla. I contratti a prezzo sono regolati da un accordo tra le due parti ogni tre anni.

Ciò avviene a causa delle fluttuazioni a cui sono soggetti i prezzi, anche prima dell’attuale crisi. Abbiamo iniziato a lavorare per rinegoziare il contratto per il periodo da gennaio 2022 a dicembre 2024 nel novembre 2021. Questo non ha nulla a che fare con l’invasione dell’Ucraina o del Marocco. Il lavoro è già stato fatto, ma concordare uno scenario di prezzo come quello attuale non è facile, perché le referenze cambiano di giorno in giorno.

Ma l’Algeria ha avvertito che il prezzo aumenterà.

Sì, il CEO di Sonatrach ha detto che aumenterà. Ma alla luce di come si sviluppano gli indicatori, è chiaro. Nessuno dubita che il gas sia più costoso oggi di tre anni fa.

E la concorrenza dell’Italia ha effetto?

L’Italia ha il vantaggio che il gasdotto che la collega all’Algeria non ha utilizzato il 100% della sua capacità. Questo ha dato loro la possibilità di contrarre dimensioni aggiuntive. Nel nostro caso, il tubo di collegamento, Medgas, va al limite. Quello che abbiamo fatto è avviare un nuovo impianto di compressori che ci permetterà di aumentarne la capacità.

Ma anche l’Algeria ha restrizioni all’offerta. Il primo ostacolo è la tua capacità di esplorare e prospettare. E negli ultimi anni, non solo l’Algeria, ma il mondo del gas, ha investito così poco perché i messaggi che gli abbiamo inviato dall’Unione europea erano che avremmo finito il gas molto rapidamente.

Stai definendo uno scenario in cui il provider ora ha il sopravvento.

Il potere contrattuale di chi ha una risorsa scarsa, in questo caso il gas, è maggiore che in altri tempi. Ora vogliamo evitare di dover negoziare con qualcuno che ha le maggiori riserve di gas del mondo (Russia).

READ  Il discorso di Alberto Fernandez ai governatori degli Stati indurisce la posizione degli Stati Uniti e tolta la possibilità di un accordo con il Fondo monetario internazionale

Sono destinati a subire un enorme aumento dei prezzi, giusto?

Direi che il mondo è condannato a un aumento dei prezzi del gas nei prossimi anni. Stiamo lavorando per ridurre il più possibile l’aumento, per trasmetterlo ai nostri clienti.

In questo contesto, il governo sta progettando un meccanismo che determini il prezzo del gas per ridurre la bolletta dell’elettricità…

Una cornice di prezzo elevato non va bene per nessuno. Né il consumatore né le aziende, perché si parla molto del fatto che tutto ciò avrà un impatto sproporzionato sui profitti delle aziende e danneggerà la loro reputazione. Inoltre, non va bene per i governi e le autorità di regolamentazione.

Come verrà pagata la differenza tra il prezzo reale e il prezzo fissato dal governo?

La bolletta include molti fattori in più rispetto al costo dell’energia. Il prezzo dell’energia scenderà, ma dovrebbe esserci una tariffa per tutti poiché il vero costo del gas viene compensato. Ma l’intero conto netto scenderà, stimiamo che circa il 15%.

Cosa ne pensate di questo sistema?

L’intervento sul mercato ha molti effetti collaterali e, sebbene sia giustificato dal prezzo esorbitante, è difficile prevederne tutte le conseguenze.

L’opinione pubblica ha l’impressione che le compagnie energetiche stiano facendo fortuna…

Non è così, e ci sono i nostri risultati. Se ci fossero tutti questi vantaggi inviati dal cielo di cui si parla, sarebbe stato infinitamente meglio. Perché siamo in una situazione molto complessa, con prezzi di fornitura incerti, come spiega Sonatrach, con costi di CO2 in aumento. Nel caso di Naturgy abbiamo implementato due processi di impegno sociale. Uno è una tariffa elettrica triennale a tariffa fissa a 65 euro per megawatt a settembre e, più recentemente, una tariffa triennale del gas a 55 euro per megawatt per l’industria. Dimostriamo il nostro impegno e la nostra sensibilità sociale.

Il progetto della natura divisa di Gemini è stato interrotto?

No, Gemini ha una chiara logica strategica, iniziata con la regolamentazione molti anni fa, che costringe a separare trasmissione e distribuzione e isolare le attività di distribuzione dal resto. Questo è con la guida europea. In secondo luogo, il profilo di rischio di queste due attività non ha nulla a che fare con esse, né ha nulla a che fare con la leva finanziaria, la propensione o il tipo di investitore a cui potrebbe piacere l’una o l’altra attività. Lavorare separatamente ha perfettamente senso. Ora, abbiamo annunciato l’inizio del progetto, non abbiamo dato una data precisa e dopo dieci giorni la Russia ha invaso l’Ucraina. Ho sempre detto che la realizzazione del progetto sarà subordinata ai mercati, alla situazione e alle agenzie di rating, ma noi continuiamo a lavorarci e non ci siamo fermati.