Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Putin: le forze russe liberano il Donbass ‘passo dopo passo’

Ucraina e Russia si accusano a vicenda di aver compiuto attentati nei pressi della centrale nucleare di Zaporizhia

Ucraina e Russia si sono nuovamente accusate a vicenda di aver attaccato aree vicino alla centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande d’Europa, situata nella regione sud-occidentale dell’Ucraina, ripetutamente bombardata la scorsa settimana.

Le forze russe hanno occupato il reattore nucleare dallo scorso marzo.

L’Ucraina accusa la Russia di utilizzare l’impianto per immagazzinare armi e attaccare da lì, ed è fiduciosa che non ci sarà risposta.

In questo contesto, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato ieri la Russia di “ricatto nucleare”, sottolineando che Mosca sta usando il reattore nucleare per “terrorizzare le persone in modo molto cinico”, nel suo messaggio televisivo quotidiano.

“Stanno organizzando continue provocazioni bombardando il territorio del reattore nucleare e stanno cercando di portare ulteriori forze in questa direzione per ricattare il nostro Stato e l’intero mondo libero”, ha aggiunto.

Ha sottolineato che le forze russe si stavano “nascondendo” nella fabbrica che ha bombardato le città di Nikopol e Marjanets controllate dall’Ucraina.

Nel frattempo, l’agenzia nucleare ucraina Energoatom ha avvertito i residenti della città di Energodar, dove si trova la stazione, di non scendere in piazza il più possibile a causa dei bombardamenti russi.

“Secondo i residenti, c’è un nuovo bombardamento in direzione del reattore nucleare. Il tempo tra il lancio della bomba e l’arrivo della bomba è di 3-5 secondi”, ha detto sabato l’operatore nucleare su Telegram in un messaggio da un funzionario. Quartier generale a Energodar, sotto il controllo ucraino.

Ma le autorità filo-russe nelle regioni occupate di Zaporizhia, dove da mesi erano stati lanciati avvisi di un possibile incidente nucleare per commemorare Chernobyl, hanno accusato le forze ucraine degli attacchi.

READ  E la Procura della Repubblica ha chiesto un'indagine con il pilota e l'intero equipaggio dell'aereo per scoprire il loro possibile legame con il "terrorismo internazionale".

“Energodar e la centrale nucleare di Zaporizhia sono ancora una volta attaccati dai militanti di Zelensky”, ha affermato Vladimir Rogov, l’autorità insediata dalla Russia in una regione occupata.

Ha detto che i missili sono atterrati “nelle aree sulle rive del fiume Dnipro e presso la fabbrica”, senza che siano state riportate vittime o danni.

Ha invitato l’esercito ucraino a non visitare le rive del fiume Dnipro, che divide le aree controllate da Russia e Ucraina, per paura che i soldati russi sparino dall’altra parte.

Le reciproche accuse tra Ucraina e Russia per il bombardamento della centrale nucleare di questo mese hanno sollevato i timori di una catastrofe nucleare.

Giovedì scorso, il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha tenuto una riunione di emergenza e ha avvertito di una “grave” crisi in corso a Zaporizhia.

L’Ucraina, con il sostegno occidentale, ha chiesto una zona smilitarizzata intorno all’impianto e ha chiesto il ritiro delle forze russe.

Parallelamente, la Russia ha annunciato la completa presa della città di Pesky, nella provincia di Donetsk, una delle due regioni che compongono la regione del Donbass, nell’Ucraina orientale, dove si concentrano gli attacchi.

“Come risultato delle azioni offensive delle forze alleate, il territorio fastidioso della (presunta) Repubblica popolare di Donetsk è stato liberato”, ha detto ieri all’agenzia di stampa ucraina Interfax e all’Europa Press il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov.

Da parte sua, l’Ucraina non ha confermato l’invasione, ma lo stato maggiore dell’esercito ha affermato che la Russia continua la sua offensiva contro le città di Donetsk, dove si trova Pesky.

“I russi mirano a sfondare le linee di difesa ucraine vicino a Avdiivka, Pesky, Marinka, Oleksandropil e Krasnohorivka”, hanno affermato i media locali.

READ  L'Unione Europea è vicina a sostenere l'espulsione della Russia dal sistema SWIFT