Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | I combattimenti continuano e Mosca annuncia la resa di oltre 1.000 ucraini a Mariupol

Le Nazioni Unite considerano improbabile un cessate il fuoco

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha dichiarato mercoledì che un “cessate il fuoco generale” per scopi umanitari “al momento non sembra fattibile” in Ucraina, obiettivo recentemente annunciato da Mosca.

“Questo è ciò che abbiamo invocato, per motivi umanitari, ma ciò non sembra possibile”, ha affermato, spiegando che le Nazioni Unite aspettano ancora risposte dal Cremlino alle sue proposte concrete per evacuare i civili e garantire l’invio degli aiuti umanitari . Aiuti alle zone di guerra.

Dialogo tra Biden e Zelensky

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha chiamato mercoledì il suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky. La Casa Bianca ha dichiarato di essere stata informata durante la conversazione della sua decisione di darle “sostegno continuo” di fronte all’invasione russa.

Da parte sua, il presidente ucraino ha dichiarato su Twitter che i due “hanno discusso di un nuovo piano di aiuti militari e possibilmente economici”.

Nuove sanzioni britanniche contro la Russia

Il Regno Unito ha annunciato di aver ampliato il suo elenco di sanzioni per l’invasione russa dell’Ucraina includendo 178 separatisti filo-russi e più milionari vicini al presidente russo Vladimir Putin.

“Il governo britannico, in coordinamento con l’Unione europea, imporrà sanzioni a 178 persone che sostengono le regioni separatiste illegali dell’Ucraina”, ha affermato il Foreign Office in una nota.

Tra i sanzionati c’erano Alexander Ananchenko e Sergey Kozlov, che sono stati descritti da Londra come il “leader” delle repubbliche separatiste filo-russe di Donetsk e Luhansk, si legge nella nota.

Il testo specifica che le nuove sanzioni colpiscono in totale 206 persone, inclusi i separatisti, ma anche “sei oligarchi, parenti, dipendenti e altre 22 persone”.

Il CEO di Boris Johnson ha anche annunciato la sua intenzione di presentare giovedì al Parlamento un testo che “vieta l’importazione di prodotti siderurgici, nonché l’esportazione di tecnologie quantitative, materiali avanzati e articoli di lusso”.

Quattro presidenti si sono recati a Kiev

I capi di quattro paesi europei, Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia, si sono recati nella città ucraina di Kiev per offrire sostegno politico a quel paese invaso dalla Russia. La sua delegazione è composta da Alar Karis dall’Estonia. Eagles Levit dalla Lettonia; Gitanas Nosoda, dalla Lituania, e Andrzej Duda dalla Polonia.

I leader si sono diretti a Kiev per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e discutere dell’assistenza che il loro paese fornirà all’esercito e alla popolazione civile ucraini.

Mosca considera inaccettabile che Biden accusi la Russia di aver commesso un genocidio in Ucraina

Mosca ha risposto alle dichiarazioni di Joe Biden, che ha accusato le forze armate russe di aver commesso un “genocidio” in Ucraina. “Siamo completamente in disaccordo e consideriamo inaccettabile qualsiasi tentativo di distorcere la situazione in questo modo”, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

READ  Google Pay: salva, paga, gestisci

Questa non è la prima volta che Biden ha definito un genocidio l’invasione russa dell’Ucraina e ha incolpato Vladimir Putin per questo.

Biden ha chiarito questa volta che i tribunali avrebbero l’ultima parola nel determinare se le azioni della Russia nell’ex repubblica sovietica, che includono accuse di atrocità contro i civili, costituiscano un genocidio.

La Germania entrerà in recessione se le forniture di gas russe verranno interrotte

I principali istituti di previsione economica del paese hanno dichiarato mercoledì che la Germania entrerà in recessione nel 2023 se le forniture di gas russe verranno immediatamente interrotte a causa della guerra in Ucraina.

Nel 2023 il PIL della più grande economia europea diminuirà del 2,2% e la perdita cumulativa di PIL nel 2022 e nel 2023 sarà di circa 238 miliardi di dollari), ovvero il 6,5% della ricchezza annua.

“In caso di interruzione delle forniture di gas, l’economia tedesca è minacciata da una grave recessione”, ha affermato in una nota il vicepresidente di IFW Stefan Koths.

In particolare, il PIL diminuirà del 5% nel secondo trimestre del 2023, prima che l’economia si riprenda alla fine dell’anno.

Un possibile embargo sul gas russo è oggetto di un intenso dibattito tra gli Stati membri dell’UE. La Germania è uno dei principali oppositori dell’immediato blocco delle importazioni perché ritiene che sia in gioco la pace economica e sociale del Paese.

Putin è alla ricerca di nuovi acquirenti di carburante russo

Vladimir Putin ha chiesto lo sviluppo di nuovi sbocchi per i combustibili fossili del suo Paese. Ciò è stato richiesto in un momento in cui i paesi europei stanno valutando l’estensione delle loro sanzioni contro gli idrocarburi russi per invadere l’Ucraina.

“Ci sono aperte opportunità, opzioni e percorsi alternativi. Per quanto riguarda petrolio, gas e carbone russi, saremo in grado di aumentarne il consumo nel mercato interno (…) e aumentare la fornitura di risorse energetiche ad altre regioni del paese Il mondo ha davvero bisogno di loro “, ha detto in un discorso sul russo artico.

“A causa delle azioni dei paesi ostili, le catene di trasporto e logistica sono state interrotte… Questo ci crea difficoltà, ma abbiamo le risorse e le opportunità per trovare rapidamente soluzioni alternative”, ha affermato.

Putin non ha specificato a quali paesi si riferisse, ma la Cina, il cui fabbisogno di idrocarburi continua a crescere, confina con la Russia.

READ  "Perché il CEO di Starbucks ha vinto una taglia di 20 milioni di dollari nel bel mezzo della pandemia?" | L'avvocato del sindacato, Cathy Creighton, ha chiesto

Queste dichiarazioni arrivano in un momento in cui l’Unione Europea sta valutando la possibilità di inasprire le sanzioni contro i settori energetici russi, in risposta all’intervento militare di Mosca in Ucraina.

L’Ucraina non conferma la resa dell’esercito di quel paese a Mariupol

Le autorità ucraine hanno dichiarato, mercoledì, di non avere informazioni sulla resa delle sue forze nella città assediata di Mariupol all’avanzata dell’esercito russo.

Mercoledì, il governo russo ha rilasciato – nella parte mattutina del conflitto – che 1.026 soldati ucraini della 36a Brigata Marine avevano deposto le armi e si erano arresi come prigionieri a Mariupol, la città portuale assediata per sei settimane.

Come dettagliato, tra i soldati ucraini che si sono arresi, ci sono stati 151 feriti, che sono stati portati all’ospedale regionale.

Il sindaco di Mariupol Vadim Boychenko stima che dall’inizio dell’invasione russa, più di 20.000 civili siano morti in città a causa dei combattimenti.

kyiv afferma di aver sventato un attacco informatico russo

L’Ucraina ha annunciato di aver sventato un attacco informatico russo a uno dei suoi più grandi impianti energetici. L’attacco è stato effettuato da Sandworm, un gruppo di hacker collegato ai servizi di intelligence russi, secondo il Computer Emergency Response Team (CERT) ucraino.

L’agenzia governativa ha affermato che l’attacco mirava a lasciare “milioni” di ucraini senza elettricità e doveva svolgersi in due fasi. Il primo attacco è avvenuto a febbraio e il secondo, sventato, era previsto per l’8 aprile.

Sebbene il malware del gruppo sia riuscito a infiltrarsi nel sistema di gestione della rete della struttura, non ha causato interruzioni di corrente, ha affermato in conferenza stampa Viktor Gora, un alto funzionario ucraino.

Jura ha aggiunto che l’attacco ha utilizzato un malware chiamato Industroyer2, una versione aggiornata del malware utilizzato nel dicembre 2015 contro le installazioni elettriche nel paese che hanno lasciato centinaia di migliaia di case ucraine senza elettricità.

Il Papa ha avvertito delle conseguenze della guerra e ha indicato la Russia

Papa Francesco ha alzato ancora una volta la sua posizione contro la guerra. Ha affermato che “l’aggressione armata in questi giorni, come tutte le guerre, è un affronto a Dio e un tradimento blasfemo del Signore della Pasqua, preferendo l’insulto di questo mondo falso al suo viso mite”.

Nella dichiarazione rilasciata mercoledì durante la tradizionale udienza generale dal Vaticano, il Papa ha aggiunto che “l’Ucraina è stata attaccata e invasa” nella sua prefazione al Libro Vaticano che raccoglie i suoi interventi sul conflitto e viene pubblicato oggi.

“E nel conflitto, purtroppo, sono stati colpiti molti civili innocenti, molte donne, molti bambini e molti anziani, costretti a vivere in rifugi scavati nel ventre della terra per sfuggire alle bombe, con famiglie separate da mariti e padri ”, ha aggiunto il Papa nel testo diffuso oggi che gli antenati stanno ancora combattendo come mogli, madri e nonne cercano rifugio dopo lunghi cammini di speranza e attraversano i confini alla ricerca di ospitalità in altri Paesi che li accolgono con grandezza di cuore”.

READ  Joe Biden dice che vuole condurre la vaccinazione in ...

Nel testo fornito dal Vaticano, il Papa ha affermato che “di fronte alle immagini di morte che ci giungono dall’Ucraina, è difficile sperare”.

“Ma ci sono segni di speranza. Ci sono milioni di persone che non vogliono la guerra, e non giustificano la guerra, ma chiedono la pace”.

L’Ucraina non apre corridoi umanitari a causa del rischio di possibili attacchi

Un funzionario del governo ha affermato che l’Ucraina non aprirà alcun corridoio umanitario mercoledì, accusando i russi di “violare le regole del diritto internazionale”, rendendo la situazione “pericolosa”.

“Purtroppo oggi non apriremo corridoi umanitari. Nella regione di Zaporizhia (sud), i passeggeri hanno chiuso gli autobus e nella regione di Lugansk (est) hanno violato il cessate il fuoco”, ha detto in un telegramma il vice primo ministro ucraino Irina Verychuk.

“Gli occupanti non solo rispettano le regole del diritto internazionale umanitario, ma non possono controllare adeguatamente i loro uomini sul campo. Tutto ciò crea un alto livello di pericolo sulle strade che oggi siamo costretti ad astenerci dall’aprire corridoi umanitari. “”, Lui continuò.

La Russia annuncia la resa di oltre 1.000 soldati ucraini a Mariupol

Mercoledì, il ministero della Difesa russo ha affermato che più di mille soldati ucraini si sono arresi alle forze russe nella città assediata di Mariupol per settimane.

“Nella città di Mariupol, nell’area dello stabilimento metallurgico di Ilyich… 1.026 soldati ucraini del 36° Corpo dei Marines hanno volontariamente deposto le armi e si sono arresi”, si legge in un comunicato del ministero.

Secondo questa fonte, 150 di loro sono rimasti feriti e portati in ospedale nella stessa città.

Nella notte tra martedì e mercoledì, un servizio della televisione pubblica russa trasmesso dal canale Russia 24 ha annunciato la resa di oltre 1.000 soldati in questa città. Le immagini mostravano uomini in abiti mimetici che trasportavano i feriti sulle barelle o venivano interrogati, in piedi in quella che sembrava essere una grotta.

Le autorità regionali dell’Ucraina sudorientale hanno stimato, martedì, il numero delle vittime a Mariupol, che è stata bombardata per più di 40 giorni, almeno 20mila persone.