Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il complesso enzimatico può fermare l’invecchiamento cellulare

Gli scienziati hanno cercato di capire come la stessa lisi cellulare abbia conseguenze per la salute. (GT)

Quando si esprime preoccupazione per l’invecchiamento cellulare, è associato a problemi di età o giovinezza, tuttavia, da un punto di vista scientifico, l’attenzione degli specialisti è focalizzata su altre conseguenze parallele causate dal processo di invecchiamento nelle cellule, e quindi in generale stato di invecchiamento. Salute e benessere di ogni persona.

In particolare, l’accento è posto su Il valore che la giovinezza cellulare apporta ai processi di salute. In breve, si tratta di capire In che modo il decadimento delle loro cellule influisce sulle persone per avere o meno conseguenze sulla salute?. Di solito molte malattie derivano dal deterioramento o dal deterioramento delle funzioni delle cellule e come risultato di disturbi nel loro normale funzionamento.

I ricercatori dell’Università di Montreal e della McGill University in Canada hanno scoperto a Il nuovo complesso multienzimatico riprogramma il metabolismo e lo bypassa Senencia cellulareÈ il processo mediante il quale le cellule invecchiano fino a quando non smettono di dividersi e non muoiono. Queste scoperte aprono la strada a potenziali nuovi trattamenti contro il cancro, come pubblicato in Diario delle cellule molecolari. Oltre all’ossidazione, all’infiammazione e ai cambiamenti epigenetici, un altro fattore che riunisce un’intera gamma di cambiamenti è l’invecchiamento cellulare. Le cellule possono sopravvivere, morire o invecchiare. L’equilibrio in questi processi garantisce la stabilità dell’organismo.

Un gruppo di lavoro interdisciplinare ha seguito questa scoperta. Per questa missione, ha riunito rappresentanti di entità come il Canadian Institutes of Health Research, il Canadian Cancer Society Research Institute, la Terry Fox Foundation, il presidente della CIBC per la ricerca sul cancro al seno e Fondo di ricerca sulla salute del Quebece il Montreal Cancer Institute, l’Institute of Natural Sciences e l’Engineering Research Council of Canada.

I ricercatori dell'Università di Montreal hanno scoperto un nuovo composto multienzimatico che riprogramma il metabolismo e supera l'invecchiamento cellulare, un processo mediante il quale le cellule invecchiano fino a quando non smettono di dividersi ma non muoiono (Europa Press)
I ricercatori dell’Università di Montreal hanno scoperto un nuovo composto multienzimatico che riprogramma il metabolismo e supera l’invecchiamento cellulare, un processo mediante il quale le cellule invecchiano fino a quando non smettono di dividersi ma non muoiono (Europa Press)

Nel loro documento, hanno elevato il ruolo essenziale del ricablaggio metabolico e dell’omeostasi redox, la cosiddetta omeostasi chimica che si verifica nella reazione redox nel cancro. La senescenza cellulare, che coinvolge le cellule che invecchiano in modo che smettano di dividersi ma non muoiano, è una barriera all’accumulo di mutazioni genetiche all’interno delle cellule che influenzano i geni (tumorogenesi), un esempio viene evitato nelle cellule tumorali da meccanismi sconosciuti.

READ  Dal selfie più commentato al più triste: Ndakasi, il famoso gorilla del Congo morto tra le braccia del suo custode.

Gli specialisti hanno cercato di fornire Un complesso multienzimatico che riprogramma il metabolismo Dal NAD (un composto che funge da cofattore che svolge un ruolo essenziale in molte reazioni enzimatiche del metabolismo energetico, come la glicolisi, la fosforilazione ossidativa, l’ossidazione degli acidi grassi) al NADP (un composto chimico presente nelle cellule dei tessuti e nei muscoli degli organismi viventi che è fondamentale per i processi di alcoli grassi e carboidrati e proteine).

Gli scienziati hanno dimostrato attraverso la loro ricerca che un composto enzimatico chiamato HTC (complesso di trasporto dell’idruro) può prevenire l’invecchiamento cellulare. HTC protegge le cellule dall’ipossia, una mancanza di ossigeno che di solito porta alla morteL’autore principale Gerardo Verbier, professore di biochimica presso l’UdeM e scienziato senior presso il Centro di ricerca dell’ospedale dell’Università di Montreal.

ha detto Ferber, che ha fatto la scoperta con Sebastian Eagleman, uno studente di dottorato nel suo laboratorio e primo autore di un libro di studio.

Gli scienziati hanno dimostrato che un composto enzimatico chiamato HTC (complesso di trasporto dell'idruro) può prevenire l'invecchiamento cellulare (Getty)
Gli scienziati hanno dimostrato che un composto enzimatico chiamato HTC (complesso di trasporto dell’idruro) può prevenire l’invecchiamento cellulare (Getty)

HTC è composto da tre enzimi: piruvato carbossilasi, malato deidrogenasi 1 e enzima malico 1. Questi sono stati tutti sovraespressi in campioni di un modello murino di cancro alla prostata stabilito presso l’Università di medicina veterinaria di Vienna, in Austria, e in campioni di tessuto della prostata malati di cancro.

“La cosa più interessante è che l’inibizione di questi enzimi ha fermato la crescita delle cellule del cancro alla prostata, Suggerendo che HTC potrebbe essere un obiettivo primario per lo sviluppo di nuovi trattamenti per una varietà di tumori, incluso il cancro alla prostata”, ha affermato Ferber.

READ  Un emozionante aereo della Seconda Guerra Mondiale che atterra su una spiaggia affollata

La maggior parte dei principali cicli metabolici sono stati identificati oltre 50 anni fa, ma HTC è rimasto nascosto ai ricercatori. “Abbiamo scoperto che esegue una metabolomica all’avanguardia, studiando i processi chimici del metabolismo cellulare”, ha spiegato il coautore Ivan Topiserovich, ricercatore della McGill e professore di medicina.

Gli scienziati sono stati in grado di sintetizzare il complesso enzimatico da proteine ​​purificate e ottenere dati biofisici sulla sua composizione. Il suo prossimo passo sarà creare una struttura dettagliata e ad alta risoluzione del complesso enzimatico per progettare farmaci in grado di modificarne le funzioni.

Continuare a leggere: