Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il commercio di armi continua a rafforzarsi | mondo | Dott..

Nonostante le difficoltà che l’economia globale ha dovuto affrontare dopo la pandemia, il commercio globale di armi sta andando bene. I 100 principali produttori di armi nel 2021 messi insieme hanno guadagnato 592.000 milioni di dollari. Ciò significa un aumento di quasi il 2% rispetto all’anno precedente. I produttori americani continuano a guidare, con quasi la metà delle vendite globali, nonostante abbiano subito una leggera battuta d’arresto nel 2021.

L’Europa si arma

Al contrario, le vendite europee sono aumentate del 4,2% prima dell’invasione russa dell’Ucraina. Secondo un rapporto del 2022 dell’International Peace Studies Institute (SIPRI), questa belligerante aggressione ha fortemente aumentato la domanda di armi in Europa e negli Stati Uniti. A causa delle spedizioni di armi in Ucraina, gli Stati Uniti e l’Europa hanno speso gran parte di ciò che avevano nei loro magazzini, ha spiegato DW Xiao Liang, uno degli autori del rapporto. “Siamo certi che le vendite aumenteranno, ma è ancora troppo presto per dire se ciò si tradurrà in maggiori ricavi già nel 2022”, afferma.

Al momento, l’unico produttore tedesco Rheinmetall conta su un forte aumento degli ordini, che vanno dal 30 al 40 percento, entro il 2023. Queste previsioni si basano sulla necessità di sostituire i veicoli blindati spediti in Ucraina.

In generale, non manca la domanda, ma c’è qualcos’altro: il tempo. Esempio: gli Stati Uniti fino all’ottobre 2022 hanno inviato circa 8.500 missili anticarro Javelin, che equivalgono a tre o quattro anni di produzione. “È una sfida per le aziende; stanno ricevendo più ordini, ma saranno in grado di tenere il passo ed evadere tutti gli ordini?”, si chiede Liang.

READ  Macchine agricole argentine promosse in Italia

Alcuni paesi dell’Unione Europea si stanno riarmando in maniera massiccia in risposta all’aggressione russa contro l’Ucraina. La Polonia intende raddoppiare il numero dei suoi soldati entro cinque anni, la Finlandia sta rafforzando la sua difesa antiaerea e Grecia, Francia e Italia stanno acquistando miliardi di euro di nuove armi. Dopo lo scoppio della guerra, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha annunciato uno stanziamento speciale di 100.000 milioni di euro per l’esercito tedesco.

Russia e Cina

E cosa sta succedendo in Russia? L’industria degli armamenti russa è cresciuta al minimo nel 2021. Ciò deriva in parte da un’istruzione del 2016 al complesso militare-industriale per aumentare la produzione civile.

Dopo la conquista dell’Ucraina, questa tendenza si invertirà sicuramente. Ma per ora, prima di tutto, mancano parti per la fabbricazione di armi. Le sanzioni occidentali impediscono alla Russia di importare senza restrizioni chip e semiconduttori necessari per produrre missili o carri armati.

D’altra parte, nel 2021, le cinque maggiori compagnie di armi con sede in Medio Oriente hanno registrato il maggiore aumento tra i 100 maggiori produttori mondiali.

In Asia, la tendenza all’impostazione del tono continua in Cina. Il paese è diventato il secondo più grande produttore di armi al mondo dopo gli Stati Uniti. L’aumento delle vendite di armi riflette anche le dimensioni della modernizzazione delle attrezzature dell’esercito cinese e l’obiettivo del paese di diventare indipendente nella produzione di tutte le classi di armi rilevanti. Tra il 2017 e il 2021 la Cina, come India, Egitto e Algeria, ha acquistato principalmente armi dalla Russia. Secondo Yang, non è ancora possibile dire quale effetto avrà la guerra contro l’Ucraina su questo mercato.

READ  L'Europa taglia del 40% gli acquisti di auto "Made in Spain" a causa della guerra in Ucraina

(ers/ms)