Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Colosseo di Buenos Aires sogna l’Italia

La Fondazione Colosseo compie 50 anni E la sua celebrazione è un teatro rinato, soprattutto grazie agli sforzi Elizabeth Riva è l’attuale Direttore Generale e Artistico di Detro Colicio. Sotto la sua gestione è iniziato un ampio processo di rilancio, prima dalla Fondazione Teatro nel 2012 e poi dalla direzione nel 2014, sia nella gestione che nella valorizzazione dei contenuti e del patrimonio architettonico.

Riva ha compreso il significato storico e culturale dell’azienda e ha preso il recupero come un compito molto personale. “Con la storia speciale dell’Argentina e del suo legame con l’Italia, si ritrovano tutti gli strati dell’edificio che raccontano la storia e l’identità unica del Colosseo. Infatti, è l’unico teatro della comunità italiana all’estero ad avere queste caratteristiche . Dove può essere collocato un teatro italiano fuori dall’Italia? In Argentina, ovviamente! ”.

Riva ha conseguito un dottorato in corrispondenza e filosofia presso l’Università Cattolica di Milano, sua città natale, con competenze in cinema e teatro, e successivamente si è laureato all’Academy of Drama di Londra. Lì ha imparato a coniugare le idee umanistiche con il pragmatismo anglosassone e, con la recitazione, ha iniziato a provare i meccanismi della produzione artistica. Ha iniziato con piccoli spettacoli e ha fuso una compagnia teatrale con una propria sede con vari attori e spettacoli in tournée in Italia. Si è dedicata alla produzione, alla recitazione e alla regia per molto tempo fino a quando una storia d’amore l’ha portata a Buenos Aires nel 2005. Tra il barbecue e diversi teatri, affascinata dall’intensità culturale della città, decide di costruire la sua famiglia. Questo paese.

– Qual era lo stato del Colosseo quando hai iniziato la tua amministrazione dalla Fondazione Teatro nel 2012?

READ  Italia: Distruggono un sistema neonazista Almeno 26 persone sono state detenute in tutto il paese martedì e mercoledì.

-Era molto abbandonato e fuori dalle principali dinamiche, ma con una storia e un’energia enormi, sia a livello che a livello strutturale. Mi sono chiesto un po’ perché uno dei teatri più importanti del paese si trova in quello stato. Tra l’altro, va affrontato il problema dell’identità: come si trova l’azienda e come interagisce con il pubblico attuale.

-Il Colosseo ha una lunga storia di affascinanti trasformazioni, dall’inizio come teatro per spettacoli circensi con il clown inglese Frank Brown, acclamato da Domingo Fastino Sarmiento e Ruben Tario, fino a quando non è stato ridisegnato nel 2017. Quando il Colosseo fu italianizzato. Il legame tra l’Italia e il teatro?

-Il teatro è italiano dal 1937. Nel 1905, il banchiere franco-argentino Charles Seguin costruì un teatro per il clown Frank Brown, riunendo migliaia e migliaia di persone in tende e all’aperto. Anche all’interno del teatro teneva cavalli ed elefanti e continuava a fare numeri. Dopo il circo, fu trasformato in teatro d’opera tra gli anni ’20 e ’30 e fu acquistato dal governo italiano alla sua chiusura, grazie a una donazione del più povero conte italiano Felice Lora in Argentina. Alla fine del 1800, parte della prima ondata di immigrazione. Lora è stata una persona molto importante perché è stata una mecenate e ha costruito ospedali tra gli altri, e in riconoscimento di ciò è stata insignita del titolo di Conte nel “Nuovo Mondo”. Poiché non aveva eredi, la sua intera proprietà fu donata al governo italiano per testamento, in cui affermava che il governo italiano avrebbe costruito la villa italiana in Argentina con i suoi soldi. Fu solo nel 1942 che iniziarono a costruire il nuovo edificio, conservando le fondamenta dell’edificio precedente.

READ  Mostra “Ca'cao. L'albero segreto: il viaggio del cacao tra Messico e Italia"

– Come viene gestito un teatro di un altro paese?

– Attraverso l’Ambasciata e dall’Ambasciata in quel momento. Il governo italiano decise di darlo all’amministrazione, con una concessione, a un trust senza fini di lucro. Per questo nel 1971 è stata fondata la Fondazione Culturale Coliseo, che oggi ha cinquant’anni. È un teatro in Argentina e dedicato a tutti i tipi di spettacoli d’arte, ma internazionali e soprattutto italiani, sempre di prim’ordine.

– Quali sono le tappe fondamentali della Fondazione in questi cinquant’anni?

I momenti più forti dell’anno sono state le tre o quattro stagioni musicali più importanti dell’America Latina: Wagneriana, Mozart e Nua Harmonia. Guardo spettacoli di quel periodo e il livello degli artisti che arrivavano era immenso. La visita di Vittorio Cosman, devo dirvi una cosa. Poi venne un periodo che non esisteva più.

-Con il ciclo Italia XXI, le riserve sono state rilanciate lo scorso ottobre. Come è nato il ciclo?

– Quando abbiamo completato i lavori di restauro nel 2017, ho notato che la cultura italiana qui, in termini di performance artistiche, è rimasta al momento giusto. Negli ultimi 10 o 20 anni, visto che quell’equilibrio è diminuito, abbiamo bisogno di finanziamenti per portare nella nuova scena italiana. Volevo conoscere l’Italia del 21° secolo.

-Il prossimo concerto di Cycle, sotto la guida di Beatrice Venice, promette un tour musicale tra Italia e Argentina con una band locale senza fine. Cosa contiene?

-Viaggia tra il XX e il XXI secolo e la collezione comprende opere di Alberto Ginastera e Ariel Ramirez, nonché opere di una nuova generazione di compositori: Exquisite Montega, Diego Shisi e Guillermo Klein. Da parte italiana, il punto di partenza prosegue con Otterino Respici e Giordano e Combogrande.

READ  La prossima settimana l'Italia ha annunciato che l'uso di una mascherina esterna non era obbligatorio

Nuvo tempo, concerto sinfonico
Banda infinita

Posizione: Teatro Colosseo. Marcello d. De Alvier1125.
Data: 6 novembre alle 20:30