Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Cile è ancora lontano dai livelli occupazionali nelle economie OCSE

L’occupazione è senza dubbio la principale vittima in tempi di crisi. E che crisi causata dal Corona virus, che ha costretto le autorità a sacrificare posti di lavoro (quarantena, limitazione degli spostamenti, chiusura delle frontiere, riduzione della capienza) per salvare vite ed evitare il collasso del sistema sanitario.

L’economia cilena ha perso più di due milioni di posti di lavoro nei momenti peggiori della crisi; Nonostante la situazione finora sia migliorata, poco più di un milione di posti di lavoro non sono stati ripristinati.

Il mercato del lavoro cileno è molto indietro in termini di ripresa dell’economia, ed è anche lontano dagli indicatori mostrati dai paesi che compongono l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico.

Secondo l’agenzia con i dati per il secondo trimestre del 2021, il tasso di occupazione del Cile è solo del 57,3% e supera solo Italia, Grecia e Turchia. La posizione del Cile è molto indietro rispetto a Svizzera, Paesi Bassi, Giappone e Islanda, le economie in cima alla lista dell’OCSE (vedi grafico).

I tassi di occupazione sono definiti come una misura del grado di utilizzo delle risorse di lavoro disponibili (le persone disponibili al lavoro), afferma l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. Viene calcolato come rapporto tra la popolazione attiva e la popolazione in età lavorativa. Gli occupati sono persone di età pari o superiore a 15 anni che dichiarano di aver svolto un lavoro retribuito per almeno un’ora nella settimana precedente o che hanno svolto un’attività lavorativa, ma sono state assenti durante la settimana di riferimento.

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto nazionale di statistica (INE), nel trimestre marzo-maggio ci sono state 63.019 perdite di posti di lavoro rispetto al trimestre immediatamente precedente da febbraio ad aprile 2021. Ciò è dovuto principalmente al peggioramento della pandemia. E la nuova quarantena imposta dal governo.

READ  Smetterai di pagare?

D’ora in poi, la situazione dovrebbe migliorare principalmente per la mancanza di definizione nell’area metropolitana e l’avanzamento degli altri comuni dello stato in un piano graduale.

Nonostante gli alti tassi di disoccupazione, è stato rilevato un aumento della domanda di lavoratori o una maggiore offerta di posti di lavoro, ma non sono stati soddisfatti. Anche in alcuni settori – come il commercio e l’agricoltura – c’è carenza di manodopera.