Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il capo delle Guardie Rivoluzionarie iraniane ha minacciato un’ulteriore repressione dei giovani partecipanti alle proteste: “Non avranno un lieto fine”.

Il comandante in capo del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC), il maggiore generale Hossein Salami, parla durante una cerimonia funebre a Shiraz, Iran, il 29 ottobre 2022. Majid Asgharipour/Wana (WANA) via Reuters

Comandante in capo di Guardie rivoluzionarie iranianeIl generale Salame HusseinI giovani che protestano oggi, sabato, hanno avvertito che oggi è L’ultimo giorno della rivolta Ha chiesto loro di non uscire per strada Non rovinare il tuo futuro. “Oggi è la fine delle rivolte. Non scendere più in piazza”, ha detto il leader della potente forza d’élite la cui missione è proteggere l’ordine religioso della Repubblica islamica.

Questa discordia non avrà un lieto fine per te. Non rovinare il tuo futuro”.Il generale ha avvertito.

Le Guardie Rivoluzionarie iraniane, designate come gruppo terroristico da Stati Uniti e Israele, sono nate nel 1979 dopo la rivoluzione islamica che ha rovesciato lo Scià di Persia e ha stabilito l’attuale teocrazia guidata dagli ayatollah.

Potrebbe interessarti: La rabbia delle donne in Iran è una bomba a orologeria per il regime

L’Iran è stato oggetto di proteste dalla morte del 16 settembre wsa amini Dopo essere stato arrestato tre giorni fa da polizia morale Indossare il velo islamico è falso, movimenti guidati da giovani che chiedono la fine della Repubblica islamica.

Una moto della polizia brucia durante una protesta contro la morte di Mahsa Amini, a Teheran, in Iran, il 19 settembre 2022. WANA (West Asian News Agency) via Reuters/File
Una moto della polizia brucia durante una protesta contro la morte di Mahsa Amini, a Teheran, in Iran, il 19 settembre 2022. WANA (West Asian News Agency) via Reuters/File

Salami ha affermato che si trattava di una cospirazione “Gli Stati Uniti, il Regno Unito, l’Arabia Saudita e il regime sionista”, ovvero IsraeleDissero ai giovani: “Sono stati ingannati”.

READ  La Cina registra la maggiore diffusione della variabile delta a Dalian, contando migliaia di studenti universitari

Le proteste per la morte di Amini sono guidate soprattutto dalle urla di giovani e donne “Donne, vita, libertà!” Quelli che lanciano slogan contro il regime e bruciano il niqab, uno dei simboli della Repubblica islamica e qualcosa di inimmaginabile fino a non molto tempo fa.

La mobilitazione si sta sviluppando da quando è iniziata a settembre, e nelle ultime settimane si è concentrata sulle università in piccoli gruppi, cosa che è cambiata negli ultimi giorni con ancora forti scontri con le forze di sicurezza.

Gli avvertimenti di uno dei più potenti militari iraniani sono arrivati ​​a un funerale 15 persone sono morte Mercoledì in una sparatoria a un santuario Shahchirag Dalla città meridionale di Shiraz.

Hossein Salami durante una cerimonia funebre a Shiraz, Iran, il 29 ottobre 2022. Majid Asgharipour/Wana (Agenzia di stampa dell'Asia occidentale) via Reuters
Hossein Salami durante una cerimonia funebre a Shiraz, Iran, il 29 ottobre 2022. Majid Asgharipour/Wana (Agenzia di stampa dell’Asia occidentale) via Reuters

In migliaia hanno partecipato al corteo funebre che è passato per la città, scandendo slogan anti-protesta come ‘Morte all’America’, ‘Morte a Israele’ e ‘Morte all’Inghilterra’.

Agenzia ufficiale erna Oggi, ha affermato che l’aggressore del santuario è morto ieri in ospedale, “nonostante gli sforzi fatti per tenerlo in vita”, dopo le ferite riportate al momento dell’arresto.

gruppo terroristico Paese islamico (Isis) ha rivendicato l’attacco all’Haram al-Sharif, uno dei santuari più sacri del Paese.

Nel frattempo sono proseguite le proteste nel Paese, soprattutto nelle università, che nelle ultime settimane sono state al centro delle mosse.

presso l’Università di Teheran Studenti maschi e femmine mangiano insieme Negli spazi aperti del centro in segno di protesta contro la politica di segregazione di genere prevalente nel Paese, riporta il quotidiano riformista est.

Il giornalista detenuto Niloufar Hamidi
Il giornalista detenuto Niloufar Hamidi

editore estE il Mahdi RahmaniA difesa del giornalista Nilofar Hamidi che è stato uno dei primi a denunciare il caso di Amini ed è stato accusato di lavorare per una società dall’intelligence iraniana.

READ  Scopri il segreto della "porta degli inferi" che ha ucciso i passanti | Cronaca

Il compito del giornalista è quello di pubblicare informazioni e foto. “Se il giornalista lo ha fatto, ha fatto il suo lavoro”, ha detto Rahmanian su Twitter.

Il direttore ha anche osservato che Hamidi non è stato il primo giornalista a riferire sulla morte di Amini e non ha catturato la foto ampiamente diffusa della giovane donna con un tubo inserito in un letto d’ospedale o poi abbracciata dai suoi genitori.

Oltre ad Hamidi, anche l’intelligence iraniana ha accusato il giornalista Dio di Maometto Per essere stato al servizio della CIA per coprire il funerale di Amini.

I due giornalisti sono in carcere e non si conoscono le accuse a loro carico.

Giornale con foto di copertina di Mohsa Amini, a Teheran, Iran.  18 settembre 2022. Majid Asgaripour/WANA (Agenzia di stampa dell'Asia occidentale) tramite REUTERS/File
Giornale con foto di copertina di Mohsa Amini, a Teheran, Iran. 18 settembre 2022. Majid Asgaripour/WANA (Agenzia di stampa dell’Asia occidentale) tramite REUTERS/File

Le proteste sono state severamente represse dalle forze di sicurezza e almeno hanno causato 108 mortiSecondo la ONG iraniana per i diritti umani con sede a Oslo.

Inoltre, secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, migliaia di persone sono state arrestate, tra cui almeno 45 giornalisti e fotografi.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: