Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Cammino di Dante, sulle orme del ‘poeta sommo’ da Ravenna a Firenze

L’Italia è molto altezzosa e altrettanto sorprendente per quel posto. Tali città Roma, Venezia Oh Capri Un sogno (fortunatamente realizzabile) per milioni di persone in tutto il mondo, almeno Bel Paese Una delle mete più affascinanti che si possano immaginare.

Per la sua gastronomia, per il suo patrimonio culturale, per la sua ricca storia, o per quei luoghi belli e nostalgici che hanno conquistato un mondo che nemmeno imperatori come il Troiano si sognavano, la nazione italiana è una delle più visitate al mondo. Da tempo immemorabile gran Tour. Se personaggi come Lord Byron amano l’Italia, non possono sbagliarsi.

Per saperne di più

Per fortuna, però, l’Italia custodisce ancora segreti che non sono stati sfruttati appieno. Almeno non quando si tratta di turismo di massa. Uno di questi tesori è il cammino di Dante, il cammino condiviso tra la Toscana e l’Emilia-Romagna. poeta supremo, Dalla sua tomba a Ravenna alla sua casa a Firenze, offre i luoghi più belli del paese per passeggiare, sia dal punto di vista paesaggistico che architettonico.

Con esperienze culinarie imbattibili in ogni stagione, come può essere meno. Non a caso, le ricette toscane ed emiloromane sono molto apprezzate dagli italiani.

Ravenna, il padre della lingua italiana, va in pensione

Mosaici di San Vittale, Ravenna

Giuseppe Masi

Il percorso di Dante di solito inizia dove è finita la sua vita. Il poeta morì a Ravenna, che è proprio la sua tomba, situata nella Basilica di San Francesco, che fu il punto di partenza del tour. La chiesa è nota nella zona dantesca di Ravenna, dove si trovano altri luoghi di interesse per i turisti e per chi ha il coraggio di ripercorrere le orme del poeta, come il Museo Dantesco. La vita di Dante Aligeri è visualizzata in modo artificiale, sottolineando l’opera che lo ha reso immortale: Umorismo divino.

READ  Rodrigo Palacio ha quasi 40 anni e ha firmato con una nuova squadra in Italia

Ravenna è l’eterna dimora del poeta italiano ed è anche conosciuta come la città dei mosaici. In questa cittadina dell’Emilier-Masola è possibile visitare il Museo Tamo, che nasce sull’imponente complesso monumentale di San Nicolò ed è interamente dedicato a questa forma d’arte.

Ravenna è anche conosciuta come la Città del Mosaico

Dopo questa tappa, ancora più interessante è la visita di San Nuovo Apostolo alla Basilica Nuova della Discesa Paleocristiana, famosa per i suoi Santi Mosaici. Questo vale anche per i monumenti del Corvo, considerati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, come la tomba di Gala Placidia, il Battistero degli Ariani, la Chiesa di San Vitale o la tomba di Teodoro.

L’incantevole percorso per Firenze

Dopo aver lasciato il dormitorio del centro storico di Ravenna, mancano ancora più di cento chilometri per vedere la cupola di Santa Maria del Fior. Comunque un viaggio faticoso, come una vera benedizione, nei bei comuni che arrivano con il camminatore, e nel paesaggio che li circonda, tutto senza un sentiero pianeggiante e con molta difficoltà (salvo alcune complesse tappe arografia) dell’Appennino). Sul Sentiero del Donte, le tappe proposte hanno una durata media di cinque ore, che possono tradursi in venti chilometri di vero piacere per i sensi.

Torre dell'Orologio di Priscilla

Torre dell’Orologio di Priscilla

Flavio Valenery

Una delle prime città da visitare sulla via per Dante fu Fonseca, famosa per il suo gusto artistico di discendenza romana, tra cui la magnifica cattedrale del municipio medievale e in stile rinascimentale, costruita tra il XIII e il XV secolo, dello stesso periodo .

In seguito, prima di arrivare a Firenze, il viaggiatore potrebbe recarsi in luoghi come la sua Roga (magnifico castello costruito sotto il dominio veneziano) o Pontaciv, dove si dice che Dante abbia incontrato il suo idolo, Beatrice Portinari. È eterno come menzionato in molte delle sue opere.

READ  "Introdotto in Italia"

Fiorentino, nato Dante Aligeri

Museo Casa Dante a Firenze

Museo Casa Dante a Firenze

Getty Images

Firenze Questa è la città in cui il Rinascimento mediceo dominò l’Europa. Questo è il luogo dove osservavano meticolosi i primi passi di geni come Sandro Bodicelli, Leonardo da Vinci, Andrea del Verrocio o Michelangelo. È stata la città che ha sfidato Roma e il papa. Ma questa è anche la città natale del più grande scrittore italiano: Donte Aligeri.

In particolare, The poeta supremo Venne al mondo (come annuncia in alcuni testi) nella zona di Patia Fiorentina, vicinissima alla chiesa di San Martின்n dove oggi sorge il Museo Gaza de Donte. Il sito museale, che comprende numerosi edifici medievali, permette di esplorare la vita e l’opera dell’autore per gruppi descrittivi e attraverso disegni, oggetti, carte o documenti legati al poeta fiorentino.

La tomba di Dante è nella Basilica di Santa Croce

Un altro luogo da visitare a Firenze è la Tomba di Donte nella Basilica di Santa Croce. O, al contrario, la sua tomba, essendo un monumento funebre vuoto, non vuole recuperare le spoglie del poeta quando non volle donare il corpo di Dante Aligeri a Firenze prima di riposarsi a Ravenna. XIX secolo.. Tuttavia, la questione è ancora in sospeso ei sindaci delle due città sono in trattativa per tornare a casa. poeta supremo.

Oltre a questo simbolo, c’è una statua davanti alla facciata dell’omonima Basilica, in Plaza de la Santa Croce, il padre della lingua italiana. Per curiosità, è a questo punto che si dice che Stentall sia stato sottoposto all’aggressione che gli ha permesso di passare alla storia in nome della sindrome che si manifesta quando si immerge in tanta bellezza.

Rambo A Forlì

Il castello di Qudis a Poppy

Il castello di Qudis a Poppy

Getty Images

Dopo aver lasciato la città natale di Dante Aligeri, chi ne seguirà le orme riparte per Ravenna, ma attraverso altri luoghi. Ancora una volta, paesaggi mozzafiato e bovini, ristoranti tradizionali con i migliori consigli culinari italiani, città amichevoli e paesi meravigliosi sembrano aver smesso da molti anni di essere i migliori compagni di viaggio.

READ  L'Italia batte il Belgio e finisce terza

Alcuni dei posti migliori in questa sezione dell’itinerario saranno sempre sulla retina di Walker. Per la sua bellezza, si erge isolata la città murata di Poppy, simbolo del castello della contea di Quidi.

Per saperne di più

A livello storico, soprattutto all’interno della vita dantesca, la chiesa di San Codenzo a Valmonton è il luogo principale dove Dante partecipò all’incontro tra Guilfs e Gibbels e Castle a Romina. Il forte accolse a lungo il poeta in esilio.

Forley, ottimo tratto finale

Forlì è l’ultimo grande punto della rotta dantesca perché Ravenna dista da essa trenta chilometri. Per la sua posizione, al centro dell’Emilia, a ridosso della pianura padana, Forley riveste una grande importanza come crocevia e città commerciale, che ha permesso all’Emilia Romagna di godere di un ricco patrimonio storico, artistico e culturale. Culturale. È, fortunatamente, ancora oggi nascosto in un bellissimo centro storico che circonda Piazza Aurelio Safi.

Piazza Aurelio Saffi, Forlì

Piazza Aurelio Saffi, Forlì

Getty Images

Nella piazza più grande d’Italia si trovano i più bei monumenti di Forlì, come Arelio Safi, il Municipio, il Palazzo delle Poste o la Chiesa del Safrazio. In tutte, però, spicca il simbolo di Forley: la Basilica di San Mercurio, antico tempio, il suo grande campanile romano e le opere d’arte al suo interno, dove alcuni dei dipinti più belli erano dell’artista Marco Palmasano, nativo di Forley.

Prima di proseguire il percorso fino alla punta e alla fine del sentiero dantesco a Ravenna, è interessante esplorare Forlì per ammirare alcuni dei migliori esempi di architettura razionale della zona in Italia.

La stazione ferroviaria di Forlì è un grande esempio di architettura razionale in Italia