Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cambiamento climatico provocherà fenomeni “sempre più pericolosi e frequenti”.

Scritto da Julius Moseley. L’ondata di caldo che ha colpito le terre europee e ha causato temperature record nel Regno Unito e in Francia e gli incendi che hanno colpito in particolare la Spagna, tra gli altri paesi, “È un sintomo del cambiamento climatico” Ha causato fenomeni meteorologici “sempre più pericolosi e frequenti”, secondo Ince Camiloni, PhD, dottore in scienze dell’atmosfera, che ha descritto la situazione come “Un rischio molto reale e tangibile”.

“Ondate di caldo come quelle che hanno causato temperature record in Inghilterra in questi giorni si sono già verificate in Europa negli anni precedenti, come quelle che hanno colpito gravemente la Francia, fenomeni amplificati dai cambiamenti climatici ma in cui sono in gioco anche altri fattori”, ha affermato il professore all’Università di Buenos Aires (UBA) e un ricercatore Conicet presso il Center for Sea and Atmospheric Research in conversazione con Tlam.

Camiloni ha sottolineato che il cambiamento climatico genererebbe eventi “sempre più pericolosi e frequenti”, e ha spiegato che gli scienziati britannici che stavano osservando vari parametri “hanno già avvertito che questo fenomeno si sarebbe verificato”.

Il caldo “porta ad un aumento della mortalità” e colpisce in particolare le fasce di popolazione più vulnerabili come gli anziani, i bambini o le persone con malattie croniche, che l’insegnante ha insistito sul pericolo rappresentato dal cambiamento climatico come un “rischio molto reale e tangibile”.

minacciare una bomba in avi

D’altra parte, ha osservato che questo tipo di ondata di caldo “si è verificata più volte in Argentina” e ha affermato che “ci sono studi che attribuiscono questi fenomeni al fatto che non si sarebbero verificati se non si fossero verificati in questo contesto del cambiamento climatico…”

“L’ondata di caldo che ha colpito Buenos Aires e il centro del Paese lo scorso gennaio è stata molto grave, ed è probabile che continuerà a verificarsi con maggiore intensità, anche se non abbiamo ancora dati per fare previsioni per la prossima estate perché il l’atmosfera è un sistema caotico.”

Quanto a come generare questo tipo di ondata di calore, Camiloni ha affermato che il meccanismo dipende da ciascuna regione, perché il cambiamento climatico è causato dalla modifica dei modelli di circolazione dell’aria.

Kabandi

“La massa di aria calda che ora è sopra l’Europa viene dall’Africa”, ha spiegato.

Camiloni ha osservato che “molti Paesi hanno firmato impegni per ridurre le proprie emissioni di gas con l’obiettivo di ridurre l’aumento della temperatura globale” ma ha sottolineato che “se queste riduzioni non verranno realizzate, sarà molto difficile per i nostri oceani e foreste assorbire tutto il carbonio che stiamo immettendo nell’atmosfera”.

Il ricercatore ha ritenuto che, sebbene non sia possibile prevedere quale sarà la prossima estate in Argentina, nel contesto del cambiamento climatico “è probabile che assisteremo a ondate di caldo”, anche se “parlando in termini più specifici dobbiamo essere più vicini al stagione perché ci sono anche fenomeni come “El Nio” o “La Nía” che modificano il clima.

Hanno 70 anni

Da questo punto di vista, ha avvertito che “in climatologia è necessario attendere la fine dell’evento per fare quello che è noto come lo studio dell’attribuzione con l’analisi delle sue cause per capire come gestirlo”, riferendosi alla situazione che sta attraversando l’Europa occidentale in questi giorni.

Martedì scorso, il Regno Unito ha battuto il record di temperatura di 40,2 gradi nell’area di Londra Heathrow, mentre l’ondata di caldo che ha colpito la Spagna per due settimane è stata una delle più forti registrate nel Paese e ha causato “più di 500 morti”. secondo quanto riportato dal premier Pedro Sanchez, mercoledì scorso, secondo i dati predisposti dall’Istituto di sanità pubblica.

Anche la Francia ha avuto record di temperatura e il servizio meteorologico Métro-France ha dichiarato la parte occidentale del Paese in allerta rossa giorni fa, indicando che “si prevedeva un caldo particolarmente intenso, non una tipica ondata di caldo estivo” con alcune aree del sud-ovest. Vivi il “calore dell’apocalisse” fino a 44 gradi.

L’ondata di caldo si è estesa anche all’Italia e a 16 città, tra cui Roma, che ieri ha diramato l’allerta rossa a fronte di temperature massime di 40 gradi e aumento degli incendi.

Secondo il servizio di monitoraggio specializzato europeo Copernicus, gli incendi hanno divorato finora 27.571 ettari in Italia nel 2022, rispetto a 39.904 in Francia, 19.651 in Spagna, 149.324 in Romania e 48.106 in Portogallo.

Secondo Copernicus, gli incendi che hanno colpito tutta l’Europa nelle ultime settimane hanno interessato un’area più ampia di quelle registrate nell’intero 2021.

Nei 27 paesi dell’Unione Europea sono stati distrutti in totale 517.881 ettari dall’inizio dell’anno, secondo i calcoli effettuati fino al 16 luglio.

Beatriz Hervilla, portavoce dell’EMET (Agenzia meteorologica spagnola), ha descritto l’ondata di caldo, durata dal 9 al 18 luglio, come la “più grande anomalia” delle temperature registrata nel Paese dall’inizio della serie storica nel 1975, mentre il Meteorological Descritto dall’autorità L’OMM globale ha osservato questa settimana che “sarà sempre più frequente e continuerà almeno fino al 2060, indipendentemente dal successo o dalla mancanza di successo nella mitigazione del cambiamento climatico”.

READ  Si è recata dal medico per un leggero dolore alla spalla, ma ciò che i raggi X hanno rivelato l'hanno terrorizzata