Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il British Museum si rifiuta di restituire i marmi del Partenone alla Grecia | I greci chiedono un risarcimento

Il British Museum si rifiuta di restituire i marmi del Partenone alla Grecia e afferma che “non sono stati organizzati né sono previsti ulteriori colloqui con il governo greco”pur considerando incarichi temporanei.

Lo ha confermato la mostra britannica in risposta al porto greco Kathimerini, dopo che l’UNESCO ha annunciato che entrambi i Paesi erano pronti ad avviare un dialogo sul rimpatrio delle sfere di marmo, come previsto in una risoluzione approvata nel dicembre 2021.

Tuttavia, il British Museum ha minimizzato queste aspettative e ha evidenziato l’intimità che mantiene con l’UNESCO e la sua volontà di collaborare con altre istituzioni con l’obiettivo di ampliare l’accesso del pubblico ai pezzi.

Mercoledì il ministro della Cultura greco, Lina Mendoni, ha insistito sul fatto che “la comunità internazionale ha il diritto e chiede di vedere questo capolavoro, nella sua interezza, unito sull’Acropoli”, presentando una nuova serie di francobolli e cartoline con lo slogan “Il Partenone Riunione”.

Mendoni ha fornito un esempio positivo della recente decisione del Museo Antonino Salinas di Palermo, in Sicilia, di rinunciare definitivamente a parte del fregio a est del Partenone.

“proprio adesso Stiamo creando una forte ondata che farà pressione sulla parte britannica in modo che queste sculture, le opere di Fidia, tornino nella loro città natale e trovino il loro posto nel Museo dell’Acropoli”Mendoza ha aggiunto.

L’origine del conflitto

All’inizio del XIX secolo, queste sfere di marmo si trasferirono in Gran Bretagna quando l’ambasciatore britannico presso l’Impero Ottomano, Thomas Bruce, meglio noto come Lord Elgin, – che si identificava come un amante delle antichità – ottenne dal Sultano il permesso di prendere loro. Parte delle curve e fregio interno del Partenone.

READ  14 febbraio: i migliori meme rimasti da San Valentino

Successivamente, Lord Elgin lo vendette al suo governo per £ 35.000 e dal 1939 questi gioielli sono stati esposti al British Museum, mentre copie di essi sono state esposte solo al Museo dell’Acropoli.

Domenica scorsa Mondoni ha definito “risibili” le dichiarazioni rese dal vicedirettore del British Museum, Jonathan Williams, a uno dei Comitati intergovernativi dell’UNESCO, che hanno riaperto un vecchio dibattito.

Williams affermò che quando Lord Elgin trovò i pezzi all’inizio del XIX secolo, erano sparsi in tutte le “rovine” del Partenone e affermò persino che “non tutti gli oggetti sono stati rimossi dal tempio”.

In risposta, Mendoni ha descritto le affermazioni del British Museum come “antistoriche” e ha affermato che “ci sono prove archeologiche” che i marmi fossero stati tagliati dal Partenone.