Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il 9,4% delle PMI ha difficoltà a ottenere credito, il doppio rispetto all’eurozona

La crisi pandemica ha reso le PMI spagnole più vulnerabili di quelle della zona euro. Il gruppo di opinione e riflessione sull’economia politica europeG avverte in un recente rapporto che la percentuale di PMI vulnerabili – o zombie, in termini comuni – in Spagna è del 7,1% rispetto al 4,4% nell’eurozona nel 2021. La vulnerabilità indica le imprese che hanno sofferto di forte calo delle vendite e dei profitti, allo stesso tempo sono aumentati drasticamente gli oneri finanziari, che hanno rapporti di indebitamento elevati. Un sondaggio riporta che il 9,4% delle PMI spagnole ha difficoltà a ottenere credito, rispetto al 4,6% in Germania e in Italia o al 5,6% in Francia.

Perché le PMI spagnole si trovano in uno stato di maggiore vulnerabilità? Josep Oliver, professore all’UAB e autore del report presentato la scorsa settimana a Madrid, risponde in videoconferenza dalla sede dell’APIE.

La debolezza dell’attività è dovuta alla sua ampia presenza nelle aree ad alto rischio: commercio, tempo libero e ospitalità

Oliver ha insistito sul fatto che una delle maggiori debolezze dell’economia spagnola è il peso elevato dei settori dei servizi privati ​​alla persona, che si verificano anche tra le piccole e medie imprese. Tra il 2013 e il 2019, il 29% dell’aumento dell’occupazione è venuto da quei settori a basso valore aggiunto, con il risultato che il 36% dei posti di lavoro si trova in queste aree. A suo avviso, è molto difficile fermare l’esternalizzazione – il peso del settore dei servizi – al mercato del lavoro in Spagna, anche con l’arrivo di denaro di nuova generazione dall’Europa.

READ  L'OCSE si unisce a 27 organizzazioni che hanno già rimosso i "falsi" account Sanchez

E invece di una crescita del PIL del 5,5%, quest’anno stiamo scendendo di un punto e mezzo o due. Tuttavia, se la Spagna cresce del 4% all’anno, se ne possono creare 400.000 o 350.000″, dice Oliver. “Ma l’outsourcing, purtroppo, non lo correggeremo: si passerà dal 65% al ​​75% sul mercato. Aggiunge.

Josep Oliver, autore del rapporto europeG, afferma che la Spagna crescerà di circa il 4% quest’anno

Per il resto degli anni, la previsione nel rapporto è di una crescita del PIL superiore al 2%. In questo scenario si potrebbero creare circa 300.000 posti di lavoro, ricorda Oliver. È proprio questa moderazione della crescita attesa del PIL che porterà a una diminuzione dei redditi. Per questo Oliver considera “cattivo” l’immediato futuro delle finanze pubbliche spagnole, visto l’impatto della guerra in Ucraina dopo l’invasione della Russia.

L’autore del rapporto ha osservato che nel 2021 il disavanzo ha raggiunto valori prossimi all’8% del PIL, a cui ora va aggiunto l’impatto della guerra. In questo senso, il professore ha osservato che ridurre il deficit a meno del 3% nel 2019, prima dello scoppio della crisi dovuta alla pandemia, è costato alla Spagna quasi dieci anni.

Riguardo all’impatto dell’aumento dell’inflazione sulla spesa pensionistica e sul deficit della previdenza sociale, Oliver ha osservato che la nuova riforma delle pensioni, rivalutata ogni anno secondo il CPI, richiederà la sua revisione alla fine del 2022. Tra i dati più preoccupanti lasciati dal crisi è il debito congiunto dei dipartimenti del settore pubblico e privato del 266% del PIL rispetto al 224% nel 2019. Questo è molto vicino al massimo del 275% nel 2012.

READ  Le cancellazioni sono aumentate fino al 20% nelle ultime settimane