Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il 54% dei pazienti ricoverati con Covid-19 necessita di riabilitazione dopo la dimissione dall’ospedale

Il Corona virus Viviamo in una situazione senza precedenti Spagna. Le terribili conseguenze che pandemia, che sembra aver passato il peggio, sta ancora interferendo con la vita di migliaia di persone che a un certo punto sono state ricoverate in ospedale COVID-19 E stanno ancora chiedendo riabilitazione per tornare alla sua corretta condizione fisica.

Secondo uno studio condotto dal gruppo di lavoro Covid-19 della Società spagnola di riabilitazione e medicina fisica (SERMEF); Il La metà dei pazienti è stata ricoverata in ospedale a causa del Covid-19 (54%) necessitano di terapia fisica e riabilitazione non appena vengono dimessi dall’ospedale, soprattutto a causa della ridotta mobilità dovuta a problemi causati da debolezza muscolare e dell’apparato respiratorio.

Come ha mostrato lo studio, solo il 10% dei pazienti è stato dimesso a casa in modo completamente indipendente. Questa ricerca è stata condotta durante la prima e la seconda ondata dell’epidemia – tra il 15 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020 – presso gli ospedali universitari di Albacete, Guadalajara, Sant Pau de Barcelona, ​​​​Juan XXIII di Tarragona e Miguel de Servet . de Zaragoza, sono stati valutati 339 pazienti.

I soggetti esaminati durante lo studio avevano circa 63 anni e gli uomini erano i più colpiti, rappresentando il 62,5% di tutti i pazienti. Un quarto del campione aveva una precedente malattia cardiaca o respiratoria e il rischio di ricovero in terapia intensiva era più alto in quelli con una storia di malattie cardiache.

Dal canto suo, la degenza media per il ricovero in terapia intensiva è stata di 19 giorni e per il reparto ospedaliero nei reparti di pneumologia o medicina interna è stata di 25 giorni.

READ  Messico, tra i dieci paesi con il maggior numero di patrimoni dell'umanità

Il Covid-19 è stata una sfida per la Società Spagnola di Riabilitazione e Medicina Naturale

SERMEF lo conferma pandemia di covid-19 Ha aumentato il “onere mondiale di malattie e disabilità”. “Questa nuova malattia e le sue conseguenze hanno posto una grande sfida a tutti i servizi di medicina fisica e riabilitazione: da un lato ha causato gravi disagi nella cura e nell’organizzazione delle unità, dall’altro ha permesso la diffusione di risorse prima sconosciute e forme di interesse”.

Riabilitazione dei pazienti covid-19

Durante lo studio, è stato riscontrato che due Tutti e tre i pazienti hanno avuto una sensazione di soffocamento o mancanza di respiro quando si camminava a passo svelto, si arrampicavano su colline o anche su un terreno pianeggiante. Pertanto, dei 339 pazienti, solo il 5,9% aveva bisogno di ossigeno per camminare dopo la dimissione dall’ospedale, che nei pazienti ricoverati in terapia intensiva è aumentato al 6,4%.

Allo stesso modo, il 27,4% del totale dei pazienti analizzati (1 su 4 pazienti) necessitava di assistenza per la deambulazione (bastone, deambulatore o supporto in un’altra persona), e alcuni richiedevano una sedia a rotelle, solo il 7,4%

Tuttavia, se si analizzava un sottogruppo di pazienti ricoverati in terapia intensiva, si notava che questa necessità di riabilitazione era maggiore; Qual è la percentuale di pazienti che si affidano alla deambulazione del 32,9% (1 su 3), che lo indica; Una relazione statisticamente significativa tra la permanenza in terapia intensiva e la necessità di ausili per la deambulazione.

Il 54% dei pazienti ricoverati in ospedale a causa del Covid-19 ha invece richiesto di ricevere cure mediche riabilitative al momento della dimissione. I pazienti che necessitano di riabilitazione hanno una mobilità limitata principalmente a causa di problemi causati da muscoli e sistema respiratorio deboli.

READ  Il COVID-19 stimola il 49% degli investimenti privati ​​nelle aziende biotecnologiche

7 pazienti su 10 in terapia intensiva necessitano di riabilitazione

Lo studio mostra anche la distribuzione durante il trattamento ambulatoriale, con il 22% in ospedale e il 22% a casa. Nonostante lo sviluppo e il boom della riabilitazione a distanza dovuto alle esigenze della pandemia, solo un paziente su 339 del campione ha utilizzato questa modalità di cura. Oltre alla necessità di terapia fisica, 1 su 4 ha bisogno di allenare i muscoli respiratori.

Per quanto riguarda i pazienti ricoverati in terapia intensiva (UTI), 7 su 10 hanno richiesto cure mediche riabilitative alla dimissione (68,5%). Tuttavia, in coloro che non hanno richiesto il ricovero in terapia intensiva, solo 3 pazienti su 10 (27,7%) hanno richiesto un trattamento riabilitativo al momento della dimissione dall’ospedale. Pertanto, la permanenza nel reparto di terapia intensiva era chiaramente e fortemente associata alla necessità di riabilitazione dopo il ricovero (relazione statisticamente significativa).

Per questo SERMEF spiega che gli interventi di riabilitazione consentono di studiare e curare le conseguenze che un paziente Covid acuto può affrontare. Questi di solito vanno da limitazioni fisiche a disturbi della deglutizione, limitazioni dovute a insufficienza respiratoria o deficit cognitivi e comportamentali.

«È importante garantire un Trattamento riabilitativo in corso: L’ideale è che non ci sia interruzione del trattamento nei momenti in cui il paziente cambia posizione (dal reparto di terapia intensiva al reparto, e dall’esterno all’ospedale)”, sottolineano dalla comunità che valorizza​​ l’importanza della riabilitazione nei pazienti che hanno superato il Covid-19 in ospedale.