Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

IES La Gándara accoglie studenti provenienti da Grecia, Turchia, Lituania, Italia e Portogallo

Rappresentanti di Erasmus da IES La Gándara.

formazione scolastica

Il programma Erasmus+ porta trenta studenti e docenti all’Instituto Toreno il 16 e 19 maggio

notizie del leone

L’Instituto La Gándara di Torino accoglie 30 studenti e insegnanti provenienti da Grecia, Turchia, Lituania, Italia e Portogallo nell’ambito del programma europeo Erasmus. Il centro educativo sarà riempito in diverse lingue in un incontro che cerca di scambiare conoscenze ed esperienze tra studenti di diversi paesi.

Gli studenti in visita sono stati ricevuti lunedì 16 maggio presso il centro educativo dai preposti, oltre che da rappresentanti del Comune di Torino, oltre che da un gruppo di suonatori di cornamusa. Nei giorni successivi parteciperanno ad attività per familiarizzare con le caratteristiche dei vari paesi partecipanti, nonché con la cybersecurity e la prevenzione dei pericoli su Internet.

Visita Las Medolas e il Castello di Ponferrada

Studenti e insegnanti provenienti da Grecia, Turchia, Lituania, Italia e Portogallo visiteranno luoghi simbolici di El Bierzo come Las Medolas e il castello di Ponferrada, dove saranno ricevuti giovedì dai rappresentanti del consiglio comunale di Ponferrada. Avranno anche l’opportunità di conoscere Santiago de Compostela e fare un enorme tour storico della città.

L’accoglienza di questa delegazione internazionale integra la partecipazione di IES La Gándara al programma Erasmus+, grazie al quale gli studenti e gli insegnanti del Centro hanno già potuto visitare paesi come Finlandia, Svezia, Italia e Grecia e conoscere il loro percorso educativo sistemi.

Erasmus+ è un programma dell’UE nei settori dell’istruzione e dell’informazione e in Spagna è gestito dal Servizio spagnolo per l’internazionalizzazione dell’istruzione (SEPIE), del Ministero della Scienza, dell’Innovazione e delle Università

READ  Perché gli italiani non incoraggiano il cappuccino dopo le 11