Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Idroterapia contro il cancro: uno dei trattamenti più innovativi oggi

• Contribuire allo sviluppo della squadra: Antonio Ortiz Velasquez

• Luciano Musa ha confermato che l’adroterapia è un’opzione terapeutica per i malati di cancro

Il Il 2023 sarà un anno chiave per il lavoro degli specialisti dell’UNAM e del nostro PaesePoiché il progetto che darà una visione più ampia del Messico e che sarà una nuova sfida per lo sviluppo tecnologico della modernizzazione del Large Ion Collider Experiment (ALICE) nella sua terza fase, noto anche come ALICE 3, sarà determinato dall’Istituto di Scienze Nucleari, Antonio Ortez Velazquez.

“Abbiamo sicuramente l’interesse e la motivazione per la presenza delle nuove generazioni. Si tratta di un progetto che sarà operativo dopo il 2030 e oltre nel 2040, che è a lungo termine e il nostro Ateneo dovrebbe essere parte di questa nuova collaborazione con il Centro europeo per la ricerca nucleare”, ha previsto.

In ogni fase di modernizzazione, Ortiz Velásquez abbondava, ciò che è stato fatto è stato apportare miglioramenti all’attrezzatura e si è concluso quest’anno, quindi la macchina dovrebbe essere in funzione continua dal 2022 al 2032, consentendo l’interazione del record di shock nel mondo e ogni sistema operativo continuamente.

Il nostro Paese e gli esperti dell’UNAM sono stati particolarmente coinvolti nello sviluppo dell’apparecchiatura denominata V0, un sistema operativo che consente agli scienziati di sapere quando vengono generate informazioni importanti per un esperimento, che devono essere acquisite, salvate e analizzate in seguito.

per ALICE 3 dovrebbe creare un rilevatore di particelle molto diverso da quello fornito finora dalla nazione messicanadalla creazione di tecnologie basate sul silicio in grado di tracciare il percorso delle particelle e determinarne il tempo di volo o lo spostamento, e comprendere l’origine del gruppo di adroni recentemente scoperto al Large Hadron Collider (LHC, o LHC).

READ  Questo sarà il certificato di vaccinazione: QR code per riaprire le frontiere | comp

“Questa è una rivoluzione che è stata ascoltata dai media e stiamo cercando di capire l’origine di questi adroni … 15 di loro sono considerati esotici e si discute se siano descritti come tetraquark o pentaquark o una molecola di adroni , al fine di distinguere tra queste interpretazioni, le misurazioni degli ioni pesanti saranno decisive e possono che ALICE 3 fornisce informazioni”, ha spiegato il ricercatore.

tecnologia innovativa

Dopo oltre un decennio di continua ricerca, Il lavoro presso LHC e ALICE sta iniziando a influenzare la salute delle persone per migliorare la loro qualità di vitaIl portavoce del progetto ALICE del Centro Europeo per la Ricerca Nucleare (CERN, per il suo acronimo in francese), Luciano Musa, è stato evidenziato durante una visita alla Yezcalli Hall, presso la Facoltà di Scienze dell’UNAM.

Dopo aver spiegato che i quattro esperimenti che compongono il team si trovano a 100 metri sotto terra al confine franco-svizzero e che esplorano il comportamento delle particelle che compongono gli atomi e la materia, il ricercatore ha anche spiegato che Questo lavoro consente lo sviluppo della cosiddetta idroterapiaE il Un’opzione di trattamento per le persone con cancro.

Davanti a studenti e docenti della Facoltà di Scienze dell’UNAM, un dottorato in Fisica dell’Università di Cagliari ha chiarito che le probabilità di guarigione dipendono sempre dal paziente, ma Questa procedura è considerata oggi una delle operazioni più innovative. È servito in paesi come Stati Uniti, Germania, Austria e Italia.

“Non ci sono molti centri nel mondo, quindi i pochi pazienti che sono stati in grado di raggiungerli sono dovuti ai contatti dei medici nei centri di cura, ma la stragrande maggioranza deve ricevere un trattamento convenzionale con effetti collaterali”, ha affermato un ricercatore.

READ  Esquel Hospital: laureato presso il Dipartimento di Medicina Generale, Pediatria e Salute Mentale di Comunità

Musa ha commentato che a causa dell’innovazione di questa tecnologia, nonché delle strutture fisiche necessarie per applicarla, attualmente solo l’uno per cento dei pazienti ha accesso ad essa.

L’esperto italiano ha sottolineato che le tecnologie sviluppate al CERN e LHC sono soggette al modello “scienza aperta”, in modo che sia la comunità scientifica che l’industria possano accedervi attraverso il processo di trasferimento, quindi c’è un grande potenziale per lo sviluppo di applicazioni e il trattamento degli adroni è solo un’applicazione che mostra cosa si può fare”.

Lo specialista del CERN ha sottolineato che ciascuno dei rivelatori LHC (ALICE, CMS, LHCb e ATLAS) è come una gigantesca fotocamera per catturare le interazioni delle più piccole particelle conosciute, motivo per cui è stata sviluppata anche la produzione di chip e migliorata l’acquisizione delle informazioni , che rappresenta la prossima generazione di apparecchiature che miglioreranno i sistemi Immagini nei telefoni cellulari e nelle videocamere che raggiungeranno la società in generale.

Nell’ambito del suo intervento “Rilevare il plasma di quark-gluoni: sfide scientifiche e tecnologiche”, il dottorato in Fisica ha identificato che L’esperimento ALICE è uno dei progetti scientifici più grandi e impegnativi mai intrapresi nel campo della fisica nucleare e seminucleareche cerca di rivelare le proprietà del plasma di quark e gluoni, lo stato della materia che si pensava esistesse nei primi momenti dell’universo.

Questo stato della materia può essere creato in laboratorio unendo fasci di nuclei pesanti, che vengono accelerati quasi alla velocità della luce, e le loro proprietà vengono studiate misurando migliaia di particelle che volano fuori dalla zona di collisione con sofisticati rivelatori.

READ  Istruzione superiore: le donne sono la maggioranza, frequentano più corsi e abbandonano meno

nuove possibilità

Musa ha spiegato che i progressi in questo campo di ricerca dipendono in gran parte dal miglioramento continuo delle prestazioni dei collisori di particelle e dei loro rivelatori, dall’aumento delle energie e dei tassi di collisione e da una maggiore precisione e rilevamento, in modo che ogni volta che l’attrezzatura specifica viene rivista, migliorata e aggiornato è la chiave. Sperava di continuare a sostenere gli specialisti della Missione delle Nazioni Unite in questo lavoro.

In particolare, la tecnologia dei semiconduttori che ha alimentato la rapida crescita del settore IT negli ultimi 50 anni svolge anche un ruolo fondamentale nel notevole sviluppo di rivelatori per esperimenti di fisica delle alte energie (HEP).

Lascia il tuo commento

Commenti