Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ibex è in rialzo del 2,43% per la settimana e chiude sopra gli 8800 punti

il Caribù 35 Chiuso su una rivalutazione del 2,43% a settimanaHa raggiunto gli 8800 punti e gestito una serie di sei sessioni positive, in una giornata segnata dalla pubblicazione dei dati mensili sulla disoccupazione negli Stati Uniti.

Nello specifico, il tasso di disoccupazione statunitense è stato del 5,4% lo scorso luglio, mezzo punto percentuale in meno rispetto al dato registrato nel mese precedente.

La ripresa economica ha consentito al Paese di mantenere il ritmo della creazione di posti di lavoro, con 943mila nuovi posti di lavoro a luglio, contro i 938mila di giugno ei 614mila di maggio.

In Spagna erano noti i dati sulle vendite di case di giugno, quando sono aumentate del 73,5% rispetto allo stesso mese del 2020, aggiungendo 48.201 transazioni.

per questa parte, il Produzione industriale La sua tendenza al rialzo è diminuita dopo essere aumentata nel sesto mese dell’anno dell’11,2%. Per quanto riguarda lo stesso mese del 2020.

in questo contesto, L’indice di Madrid ha chiuso oggi a 8.879 puntiÈ il livello più alto dal 5 luglio (luglio) scorso. Per quanto riguarda giovedì, ha registrato un guadagno dello 0,48%, il sesto giorno positivo consecutivo.

Gli analisti di XTB sottolineano che Ibex 35 sta dando impulso alla crescita in atto dallo scorso 19 luglio, quando ha raggiunto il minimo di 8.240 punti.

Questa crescita è stata praticamente generalizzata nelle piazze del vecchio continente, con un rialzo dell’1,5% del DAX tedesco, del 3% del CAC 40 francese, dell’1,50% del FTSE 100 o 2 di Londra e del 3% del FTSE MIB di Milano.

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, l’analisi settimanale mostra risultati molto simili, secondo XTB. Di fatto, I principali mercati statunitensi – Dow Jones, Nasdaq e S&P500 – sono scambiati vicino ai massimi storiciÈ stato seguito da vicino dall’indice Russell 2000 per le minuscole.

READ  Ribera afferma che la tassa sugli utili aggiuntivi delle società energetiche non influirà sui piani di reinvestimento

Oggi le maggiori rivalutazioni si osservano soprattutto dalle banche, guidate da Banco Sabadell (+2,87%) seguito da CaixaBank (+2,76%), Bankinter (+2,53%)), Banco Santander (+2,43%), Siemens Gamesa (+2,20%) e BBVA (+1,93%), mentre dall’altra parte IAG (-1,49%), Grifols (-1,47%), Amadeus (-1,10%), Fluidra (-0,97%), Solaria (- 0,84%), Acciona (-0,84%), Pharma Mar (-0,83%).

Anche il resto dei titoli europei ha chiuso in rialzoDa 0,04% a Londra, 0,53% a Parigi e 0,11% a Francoforte, mentre Milano lo ha fatto con un aumento dell’1,30%.

In questo contesto, un barile di petrolio West Texas Intermediate (WTI), benchmark per gli Stati Uniti, veniva scambiato a 68,08 dollari, mentre il Brent, benchmark per l’Europa, era quotato a 70,57 dollari.

Infine, l’euro nei confronti del dollaro si è attestato a 1,1760 “dollari”, mentre il premio al rischio spagnolo si è attestato a 69,82 punti base, con l’interesse richiesto sull’obbligazione decimale allo 0,239%.

La prossima settimana porteranno dati CPI confermati in paesi come Germania, Italia, Spagna e Stati Uniti, nonché dati sulla produzione industriale, manifatturiera e PIL nel Regno Unito.