Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I robot possono valutare la salute mentale dei bambini meglio dei loro genitori

I robot possono essere migliori dei robot nel rilevare i problemi di salute mentale nei bambini Test effettuati dai genitori o da solipropone un nuovo studio presentato alla 31st IEEE International Conference on Interactive Communication between Robots and Humans (RO-MAN), tenutasi a Napoli (Italia).

Un team di robot, informatici e psichiatri dell’Università di Cambridge (Regno Unito) ha condotto uno studio su 28 bambini di età compresa tra 8 e 13 anni e ha fatto eseguire una serie di Questionari psicologici standard Per valutare il benessere mentale di ogni partecipante.

I bambini erano disposti a fidarsi del robot e in alcuni casi lo condividevano Informazioni che non hanno ancora condiviso Attraverso il metodo di valutazione standard dei sondaggi online o di persona. È la prima volta che i robot vengono utilizzati per valutare la salute mentale dei bambini.

I ricercatori affermano che i robot potrebbero essere a Utile supplemento ai metodi tradizionali Per valutare la salute mentale, sebbene non sia inteso a sostituire il supporto professionale per la salute mentale.

durante la pandemia COVID-19L’istruzione domiciliare, lo stress finanziario e l’isolamento da coetanei e amici hanno influito sulla salute mentale di molti bambini. Tuttavia, anche prima della pandemia, l’ansia e la depressione tra i bambini del Regno Unito erano in aumento, ma Le risorse e il supporto per affrontare la salute mentale sono molto limitati.

Il professor Hatice Gunness, che dirige il Robotics and Emotional Intelligence Laboratory presso il Department of Computer Science and Technology di Cambridge, ha studiato come i Social Assistance Robots (SAR) Può essere usato come “istruttore” di salute mentale per adultima negli ultimi anni ha anche studiato come possono essere utili ai bambini.

READ  La NASA fa schiantare per la prima volta con successo una navicella spaziale contro un asteroide

“Dopo essere diventata madre, sono diventata più interessata al modo in cui i bambini si esprimono man mano che crescono e a come questo potrebbe coincidere con il mio lavoro di robotica”, spiega Gunness. Sono attratti da lui tecnologia. Se usano uno strumento basato su schermo, si allontanano dal mondo fisico. Ma i robot sono perfetti perché si trovano nel mondo fisico: sono più interattivi, quindi i bambini sono più interattivi. “

Con i colleghi del Dipartimento di Psichiatria di Cambridge, Gunes e il suo team hanno creato a Sperimenta per vedere se i bot possono essere uno strumento utile Per valutare il benessere mentale dei bambini.

“Ci sono momenti in cui i metodi tradizionali non sono in grado di rilevare i fallimenti della salute mentale nei bambini, come a volte accade I cambiamenti sono incredibilmente sottili – afferma Nada Atrat Abbasi, la prima autrice dello studio. Volevamo vedere se i robot potevano aiutare con questo processo”.

Per lo studio, 28 partecipanti di età compresa tra gli 8 e i 13 anni hanno preso parte a una sessione individuale di 45 minuti con il robot Nao, un robot lungo circa 60 centimetri. Un genitore o tutore con i membri del gruppo di ricerca, Ho guardato da una stanza adiacente. Prima di ogni sessione, i bambini ei loro genitori o tutori hanno compilato un questionario online standard per valutare la salute mentale di ogni bambino.

Durante ogni sessione, le prestazioni del robot erano Quattro diverse missioni. In primo luogo, ho posto domande aperte sui ricordi felici e tristi della scorsa settimana. In secondo luogo, ha somministrato il Brief Status and Feelings Questionnaire (SMFQ).

In terzo luogo, ha somministrato un’attività di imaging ispirata al Child Cognition Test (CAT) in cui ai bambini viene chiesto di rispondere a domande relative alle immagini presentate e, infine, ha somministrato la Children’s Anxiety and Depression Scale (RCADS) per il rilevamento generalizzato. Ansia, disturbo di panico e cattivo umore.

READ  : La salute e il benessere sono centrali nella strategia di gestione delle persone:

I bambini sono stati divisi in tre diversi gruppi dopo l’SMFQ, in base alla probabilità che avessero problemi di salute mentale. I partecipanti hanno interagito con il robot durante la sessione Parlando con lui o toccando i sensori nelle mie mani e piedi del robot. Altri sensori hanno monitorato il battito cardiaco e i movimenti della testa e degli occhi dei partecipanti durante la sessione.

Tutti i partecipanti allo studio hanno detto di sì Adoravano parlare con il robot Alcune informazioni condivise che non hanno condiviso né di persona né in un sondaggio online.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini con diversi livelli di problemi di benessere reagiscono in modo diverso al robot. Per i bambini senza problemi di salute mentale, i ricercatori lo hanno scoperto L’interazione con il robot ha prodotto risposte più positive nei questionari.

Tuttavia, per i bambini che potrebbero avere problemi di salute, il robot Avrebbe permesso loro di rivelare i loro veri sentimenti ed esperienzeche ha portato a valutazioni più negative sul questionario.

“Poiché il robot che abbiamo utilizzato ha le dimensioni di un bambino e non rappresenta una minaccia, i bambini potrebbero vedere il robot come affidabile, perché sentono che non avranno problemi se condivideranno i loro segreti con esso”, spiega Abbasi. Scopri che i bambini Più propensi a divulgare informazioni private – come se stessero molestando, per esempio – un robot più che un adulto”.

I ricercatori affermano che mentre i loro risultati lo mostrano I bot possono essere uno strumento utile Per la valutazione psicologica dei bambini, non sostituisce l’interazione umana.

“Non abbiamo intenzione di sostituire psicologi o altri professionisti della salute mentale con robot, perché la loro esperienza supera di gran lunga qualsiasi cosa un robot possa fare”, afferma il coautore Dr Mikkol Spital. Tuttavia, il nostro lavoro suggerisce che i robot possono essere uno strumento utile per aiutare i bambini ad aprirsi e condividere cose con cui potrebbero non essere a loro agio all’inizio”. Sperano di ampliare i loro studi in futuro, includendo più partecipanti e seguili nel tempo. Stanno anche studiando se si potrebbero ottenere risultati simili se i bambini interagissero con il bot tramite chat video.

READ  Longevità, genetica e benessere -