Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I Paesi Brics non hanno risposto alla richiesta di Massa di assistenza in Cina e Lula ha ammesso che ciò non era possibile

I Paesi Brics non hanno risposto alla richiesta di Massa di assistenza in Cina e Lula ha ammesso che ciò non era possibile

Martedì scorso, il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva ha confermato ciò che il ministro dell’Economia Fernando Haddad ha annunciato a mezzogiorno: i paesi BRICS non forniranno una garanzia per aiutare l’Argentina ad alleggerire le sue riserve.

“Non è stato possibile”, ha detto martedì Lula riguardo al raggiungimento di un accordo nella banca BRICS a favore dell’Argentina. In una conferenza stampa al termine della riunione dei presidenti sudamericani tenutasi questo martedì a Brasilia, Lula ha affermato che una clausola della banca BRICS rende impossibile un accordo sulle garanzie finanziarie.

In precedenza, poche ore prima, il suo ministro dell’Economia aveva spinto la battuta d’arresto all’Argentina.

Haddad ha risposto alla domanda se nella riunione dei governatori della New Development Bank (BRICS Bank, gruppo formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) il governo argentino abbia chiesto al suddetto ente di fornire garanzie per prestiti a investitori brasiliani che esportano in Argentina.

Lula ha spiegato che “c’è difficoltà a cambiare l’articolo” che rende finanziariamente impossibile l’accordo di aiuto all’Argentina.

La New Development Bank (NBD), entità finanziaria del gruppo BRICS, guidata dall’ex presidente brasiliano Dilma Rousseff, ha studiato la possibilità di finanziare le esportazioni dal Brasile all’Argentina, per mitigare l’accesso del Paese al problema dei cambi. Tuttavia, ha sottolineato che il Brasile continua la sua “determinazione a cercare di aiutare l’Argentina” in modo che il commercio bilaterale non risenta ulteriormente della crisi economica del Paese vicino, aggravata dalla carenza di dollari, dall’elevata inflazione e dalla grave siccità in quel Paese. .

In questo senso, ha detto, ha discusso con il presidente argentino, Alberto Fernandez, un accordo sulle centrali termiche e un altro per stabilire una linea di finanziamento attraverso la Banca nazionale per lo sviluppo economico e sociale (BNDES), una banca di sviluppo brasiliana.

READ  Alberto Fernandez davanti al Summit delle Americhe, con assenze che aprono opportunità | Aspettatevi il discorso del Presidente oggi in plenaria

Le parole di Lula e Haddad sono diventate famose nel bel mezzo del tour del ministro dell’Economia argentino in Cina, che chiedeva il permesso al gruppo BRICS (l’insieme dei paesi che compongono Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) in modo che la banca creata da queste potenze emergenti provenga dalla garanzia in modo che finanzi la banca di sviluppo brasiliana BNDES prevendite di prodotti all’Argentina, in modo che la Banca centrale argentina eviti di ritirare dollari per pagarli.

Il problema è che un’operazione del genere sarebbe fuori legge perché l’Argentina non è membro della banca. Secondo il governo argentino, sono state analizzate alternative che andavano dall’accelerare l’ingresso dell’Argentina nell’istituto a una qualche intesa con la banca.

Ieri il Ministro Haddad ha dichiarato: “Consentitemi di concludere con una breve riflessione sul tema dell’ampliamento delle adesioni. Riteniamo che questa iniziativa possa rafforzare il ruolo globale della Banca e ampliare in modo decisivo il suo portafoglio di potenzialità di sviluppo sostenibile. Nel Ministero delle Finanze lavoriamo giorno e notte notte per sostenere l’Argentina.Credo fermamente che la New Development Bank sia parte della soluzione”.

Questi viaggi tra Argentina, Brasile e paesi BRICS sono iniziati un mese fa quando Alberto Fernandez e Sergio Massa si sono recati in Brasile per chiedere aiuto a Lula. Sono tornati a mani vuote e con le parole che avevano promesso al Fondo monetario internazionale di “togliere il coltello dal collo dell’Argentina”. Secondo il governo argentino, è stato Lula a menzionare l’assistenza ai BRICS. e che occorreva anche risolvere la questione delle garanzie che l’Argentina avrebbe dovuto dare per ottenere il finanziamento.

READ  Continua il video impressionante di un soldato ucraino colpito a un braccio: "Non è un grosso problema"

Il governo argentino aveva annunciato che Haddad sarebbe stato presente ieri alla riunione della banca BRICS in Cina. Tuttavia, è rimasto in Brasile. Seguilo ingrandendo.

Quasi nello stesso momento in cui si sono rese note le dichiarazioni di Haddad sul “non abbiamo avuto tempo” per affrontare la questione argentina, il capo della Banca Centrale, Miguel Pesci, ha pubblicato le foto del suo incontro con Dilma Rousseff, presidente della banca BRICS . È stato proprio l’atteggiamento di Rousseff a rendere gli argentini ottimisti nel chiedere aiuto.

Nel breve comunicato diffuso dalla BCRA si legge: “L’Argentina ha partecipato all’incontro annuale della New Development Bank, presieduta dalla brasiliana Dilma Rousseff, con l’obiettivo di ampliare le linee di finanziamento nel Paese. Faceva parte della delegazione, ha affermato il Presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina, Miguel Pesque Discutere l’incorporazione di nuovi membri nel gruppo, così come le strategie di investimento incentrate sul contesto di transizione.

Da parte sua, l’agenzia Bloomberg ha pubblicato ieri che il team economico di Haddad ritiene che l’Argentina stia affrontando un “urgente bisogno di un accordo di aiuti”, sebbene le fonti non siano state citate. Un funzionario brasiliano, sempre secondo Bloomberg, “ha descritto l’Argentina come un partner regionale troppo grande per crollare, ma non abbastanza rilevante sulla scena mondiale per convincere il FMI o anche la Cina a mobilitare le risorse aggiuntive di cui il Paese ha un disperato bisogno. Il Brasile non pianifica di aiutare l’Argentina È improbabile che tu trasferisca denaro direttamente nel paese.

Il ministro Haddad aveva fatto riferimento all’Argentina qualche settimana fa. È stato durante un incontro tenuto da Haddad Willen poche settimane fa nella città giapponese di Niigata.

READ  L'Europa inizia a vedere la luce alla fine del tunnel con progressi incontrollati

Siamo molto preoccupati per quanto sta accadendo alla nostra vicina Argentina. E una delle cose che mi porta al G7, su raccomandazione del presidente Lula, è educare il G7 e il G20 sulle circostanze specifiche in Argentina in questo momento. “Stiamo prestando questa attenzione a una causa umanitaria molto chiara”, ha detto Haddad ai giornalisti durante la precedente riunione del Gruppo dei Sette maggiori nazioni industrializzate.

La richiesta di Haddad alla potente Yellen è arrivata una settimana dopo l’incontro di Alberto Fernandez con Lula, il quale, seppur ironicamente, suo collega è andato in Brasile a chiedere soldi per uscire dalla crisi ed è tornato “vuoto”, ha promesso che avrebbe “aiutato a prendere il coltello dal collo dell’Argentina”, con un chiaro riferimento alle pressioni che il Paese sta subendo in merito alle scadenze dei suoi debiti davanti al Fondo Monetario Internazionale. E in Cina, Lula ha detto che il fondo sta “soffocando” l’Argentina.