Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I mercati azionari globali si sono tinti di rosso a causa dell’aggravarsi del conflitto in Ucraina | Economia

L’escalation delle tensioni in Ucraina nelle ultime ore ha provocato forti ribassi nei mercati azionari mondiali. La decisione del presidente russo Vladimir Putin di riconoscere l’indipendenza delle regioni del paese nelle mani dei separatisti filo-russi e di inviare truppe in quelle regioni ha portato gli investitori a vendere nei mercati azionari e cercare altri titoli. cui ricorre. Dopo il calo generalizzato dei mercati azionari asiatici, i numeri rossi si stanno spostando sui mercati azionari europei. Il più colpito è stato il russo, che ha perso l’8% in apertura, mentre il rublo è sceso al livello più basso degli ultimi 15 mesi. L’indice Ibex ha iniziato la giornata con un ribasso del 2,27% a 8.296 punti, il livello più basso finora quest’anno. Anche gli altri mercati azionari europei hanno subito un forte calo.

L’escalation del conflitto in Ucraina continua a scuotere i mercati azionari globali. La mossa pericolosa di Putin e l’immediata risposta di Washington e Bruxelles, che si preparano alle sanzioni, hanno provocato un nuovo giro di vendite massicce in borsa. Il segretario di Stato americano, Anthony Blinken, ha avvertito che il riconoscimento da parte della Russia delle regioni di Donetsk e Luhansk, nel Donbass, è un “chiaro attacco” alla sovranità dell’Ucraina e Washington insiste su un imminente attacco della Russia all’Ucraina.

Un soldato dell’esercito ucraino cammina lungo la linea del fronte ad Avdiivka, nell’oblast’ di Donetsk, in Ucraina, il 19 febbraio 2022.Foto: Diego Herrera | Video: EPV

In questo scenario, Wall Street ha chiuso lunedì in perdita: il Dow Jones è sceso dello 0,69%, mentre l’indice tecnologico, Nasdaq, è sceso dell’1,23%. Mercoledì i mercati dei futures hanno indicato ulteriori ribassi. Ma i mercati azionari stavano cadendo in una serie di vittorie. Questa mattina i cali sono stati generalizzati in Australia (-1%) e nei principali parchi asiatici, tra cui Tokyo (-1,68%), Shanghai (-1,5%) e Hong Kong (-3,18%). I numeri rossi sono arrivati ​​questa mattina nelle maggiori capitali europee. Dopo lunedì con grandi battute d’arresto, questo martedì i mercati azionari aprono in ribasso a Parigi, Francoforte o Madrid.

La selezione spagnola inizia al minimo del 2022 dopo essere scesa per quattro giorni consecutivi. Il forte calo del 2,27% arriva a 8.296 punti, il livello più basso di quest’anno. Il mercato spagnolo aveva già sofferto alla fine del 2021 e all’inizio di quest’anno a causa dei timori di una nuova ondata di Covid-19 e delle rinnovate aspettative di un rialzo dei tassi da parte della Banca Centrale Europea alla luce dell’elevata inflazione registrata nel zona euro. Dopo un forte calo nella prima ora, l’indicatore ha riguadagnato terreno, senza uscire dall’area dei minimi annuali in cui era installato.

Il conflitto in Ucraina ha finito per scaricare la selettività, come ha fatto con altri mercati europei. Come Madrid, anche il resto delle sale di negoziazione europee oggi è iniziato con perdite. I numeri rossi sono apparsi sugli schermi delle borse di Germania (-2,6%), Parigi (-2,5%), Milano (-2,6%) e Londra (-1,4%). L’indice di riferimento europeo Eurostoxx è sceso dell’1,48%.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Sottoscrizione

Gli investitori in fuga dai mercati azionari preferiscono altri asset rifugio. Tra questi, l’oro, che è salito dello 0,32%, o l’argento, che è cresciuto dell’1,11%. Il capitale sta affluendo anche nei mercati del debito, che nelle ultime settimane sono stati afflitti da speculazioni sui prossimi passi che la Banca Centrale Europea e la Federal Reserve intraprenderanno. Il rendimento del debito tedesco, considerato l’asset più sicuro, è sceso bruscamente allo 0,152%. In modo più blando, così fanno i collegamenti di altri paesi europei, tra cui Francia, Italia e Spagna.

Il mercato dell’energia continua a crescere, poiché gli investitori temono che le sanzioni contro Mosca finiranno per intaccare le risorse naturali vendute dalla Russia. Il prezzo di un barile di greggio Brent è salito dell’1,9% a 97,24 $, accelerando la sua corsa verso i 100 $. D’altra parte, i mercati delle criptovalute sono ancora tinti di rosso. Questa mattina presto, Bitcoin è sceso di oltre il 5% e ha perso il livello di $ 37.000. È stato seguito dalla maggior parte del mercato delle criptovalute: Ethereum (-6,83%), Litecoin (-9,33%) e Cardano (-13,38%). Questo mercato ha dimostrato che, lungi dall’essere un rifugio, come hanno sottolineato i suoi principali sostenitori, ha finito per seguire la dinamica del resto del finanziamento, anche se la volatilità è aumentata. Infatti, in soli tre mesi, il mercato delle criptovalute ha perso $ 1,26 trilioni di valore, che è circa la metà, secondo CoinMarketCap.

READ  Il gruppo di investimento saudita che ha acquistato Newcastle sceglierà ora un colosso italiano