Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I fondi ProA Capital e Artá ​​competono per acquistare Cardiva per guidare il mercato spagnolo delle forniture mediche

Mascherina chirurgica e guanti.

L’industria sanitaria spagnola si è insinuata nel mirino dei fondi di venture capital, che ha trovato una nicchia di mercato adatta per allocare nuove risorse e sfruttare la sua resilienza di fronte alla crisi del coronavirus. In questo contesto, i fondi spagnoli ProA Capital e Artá ​​Capital sono in competizione per acquistare Cardiva e creare l’azienda spagnola leader nelle forniture mediche attraverso l’acquisto di Cardiva, hanno indicato fonti finanziarie. quotidiano spagnolo. Questa azienda è dedicata all’importazione e alla distribuzione dei suoi prodotti ai grandi ospedali spagnoli, come Gregorio Marañón o Infanta Leonor a Madrid e Virgen del Rocío a Siviglia, tra gli altri. con l’epidemia, Grupo Cardiva ha raddoppiato le sue vendite grazie alla fornitura di vari prodotti come guanti, camici, cateteri o protesi, ecc..

Con questa operazione la società spagnola avvierà una nuova fase di crescita grazie al polmone finanziario dei fondi, che la aiuterà a creare e sviluppare nuovi prodotti, oltre a favorire l’internazionalizzazione di Cardiva. attualmente, Circa il 30% della sua produzione viene venduta al di fuori della Spagna, in più di 40 paesiSoprattutto in Italia (dove ha uno stabilimento), Svizzera, Cile, Polonia, Bulgaria, Libano e Kenya. Fondata due decenni fa, Cardiffa ha una forza lavoro di circa 150 dipendenti e ha contratti sia con ospedali privati ​​(es HM Hospitals) sia con ospedali pubblici (che forniscono i loro prodotti ai servizi sanitari in Cantabrico o al Principato delle Asturie Cespa). L’idea è che dopo il processo, il team di gestione rimanga al timone dell’azienda.

Tuttavia, secondo le stesse fonti consultate, L’ambizione dei fondi va oltre e stanno considerando ulteriori acquisizioni per crescere in questo settore sanitario in parallelo con l’acquisizione di Cardiva.. In questo senso, un’opzione è quella di acquistare MBA Surgical, specializzata in prodotti ortopedici, nelle mani della divisione di venture capital di Alantra Partners. MBA Surgical è stato uno dei primi investitori in questa società, che nel 2018 si è trasformata in un fondo secondario guidato da Partners Group, mantenendo solo la gestione. Questo giornale ha contattato Alantra, che ha rifiutato di commentare queste informazioni. Sebbene questa seconda acquisizione non sia stata ancora negoziata, i fondi hanno scoperto potenziali sinergie che nasceranno con l’integrazione di entrambe le società, il che significa la creazione di un gruppo con un fatturato di oltre 100 milioni di euro.

READ  Gli spagnoli che sono stati vaccinati non saranno messi in quarantena in Thailandia

Questo tipo di strategia (denominata “buy-and-build”) è molto diffusa nel mondo del venture capital, dove si cerca di acquistare un’azienda di riferimento in un determinato settore per poi potenziarne la crescita acquisendo altre società per beneficiare di sinergie e ottenere maggiori plusvalenze al momento della vendita. Questo post ha anche contattato Artá ​​Capital, che non ha voluto commentare, e ProA Capital, che non ha risposto al momento della stampa. Le stesse fonti hanno detto che l’operazione potrebbe essere chiusa prima della fine dell’anno se tutto andrà secondo i piani.

ProA Capital, che Aggiunge più di 1.000 milioni di euro di asset under managementHa una vasta esperienza nel settore sanitario spagnolo, dove è anche coinvolto nell’IPD specializzato in impianti dentali. In precedenza, è stato azionista di note aziende come Eugin Clinics (fertilità), Suanfarma (materie prime per l’industria farmaceutica) o Health Transportation Group (uno dei grandi gruppi di ambulanze in Spagna). Dal canto suo, Artá ​​Capital, che fino allo scorso giugno era nelle mani della famiglia March e ha investito più di 600 milioni in Spagna, è azionista di Preving (una delle principali società di prevenzione dei rischi professionali del Paese).

Un appetito per il settore sanitario

L’interesse a diventare azionista di Cardiva non è un evento isolato e ci sono molti fondi di venture capital che vorrebbero acquisire o rafforzare la loro posizione nel settore sanitario spagnolo. Durante la pandemia, le aziende che hanno svolto la loro attività in questo settore hanno mostrato la loro resilienza e molti ne hanno beneficiato, come nel caso di Cardiva, che ha raddoppiato le sue vendite durante i primi mesi dell’evoluzione del virus Corona in Spagna. Da cliniche di riproduzione assistita a laboratori specializzati in tecnologie specifiche o aziende che sviluppano prodotti pionieristici per determinate attività. I fondi hanno visto il settore sanitario come una delle migliori attività anticicliche con il maggior potenziale di crescita, in un momento in cui investire è più essenziale che mai per il Paese. Una delle operazioni più recenti in questo settore è stata l’acquisto da parte di Fremman Capital (il fondo di proprietà di Santander) di Palex Medical, società specializzata in prodotti ospedalieri, per la quale ha speso più di 400 milioni di euro.

READ  Il Presidente è tornato nel Paese dopo la tournée europea in Portogallo, Spagna, Francia e Italia | Ora dell'Argentina