Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I farmaci antitumorali sono efficaci a gravità zero? | Medicina | Salute | Globalismo

I farmaci antitumorali sono efficaci a gravità zero? La risposta a questa domanda sarà fornita dal Microsatellite Space Technology Project, che includerà un laboratorio con cellule geneticamente modificate e determinerà se questi farmaci sono efficaci in assenza di gravità.

“MicroGScope” È un progetto guidato Centro per la ricerca biomedica di La Rioja (CIBIR) (Spagna)In collaborazione con Riojan Ingegneri JMP e tedesco Chispshop microfluidico e il University College Dublino (Irlanda).

Ricercatore principale per Unità di Angiogenesi CIBIRE il Alfredo Martinez; Coordinatore della ricerca presso questo centro, Eduardo Morbury; e CEO di JMP Engineers, Eduardo ReimerezE il Spiegano che l’obiettivo è determinare se questi farmaci possono essere utilizzati efficacemente nei viaggi nello spazio.

Ad oggi non sappiamo se i farmaci che sono inclusi nell’armadietto dei medicinali per un volo a lungo termine nello spazio saranno efficaci o se non sono a gravità zero “dettagli Martinez, dato che questi viaggiatori potrebbero aver contratto malattie.

Per fare questo, in questa ricerca, è stato progettato un piccolo satellite con tre unità di 10x10x10 centimetri ciascuna, che avrebbe il suo equivalente sulla Terra.

Microscopio piatto e laboratorio

L’unità centrale ospiterà un laboratorio, dove verranno condotti un minimo di dieci esperimenti simultanei, riducendo così “eccezionale” Tutte le strutture.

Da allora è stato deciso in questo primo momento di utilizzare farmaci antitumorali “Ha caratteristiche molto buone, abbiamo molti test e sappiamo molto bene come funzionano, ma altri possono essere testati per diverse malattie”è stato spiegato.

In primo luogo, si è deciso di determinare se i farmaci più frequentemente utilizzati in chemioterapia mantengano o meno i loro effetti antitumorali nello spazio e in condizioni di assenza di gravità.

READ  Alleanze, un modello fallito in Europa di cui ora soffre il governo

“Dobbiamo creare un luogo in cui le cellule vivano e si nutrano perfettamente, dove l’ossigeno le raggiunga e mantenga la temperatura durante l’intero volo spaziale, il che sembra semplice, ma non lo è”.Secondo Martinez, verranno realizzati contenitori molto piatti.

Alla base di quel contenitore ci sarà un microscopio, che sarà piatto, senza lenti e sembrerà quasi una carta di credito, che sarà sviluppato dall’università irlandese coinvolta nel progetto.

Oltre a questo piccolo satellite che verrà lanciato nello spazio, ci sarà un altro satellite simile sulla Terra, con un sistema di iniezione, in modo che, in qualsiasi momento, “Potremo iniettarci i farmaci che vogliamo testare”Questo mondo ha aggiunto.

“Questi microscopi scatteranno immagini di queste cellule ogni pochi minuti, il che a sua volta ci consentirà di vedere in quale fase si trovano”..

cibo per gli astronauti

Morbury ha riconosciuto di aver lavorato a questo progetto per dieci anni ed è vicino al lancio di questo prototipo nello spazio, ma ciò dipenderà da quando saranno raggiunti i finanziamenti necessari e le chiamate pubbliche e private saranno sospese. Lascia che questa ricerca si avveri.

“Il piccolo satellite – ha spiegato – ci permette di replicare un tipico laboratorio di un centro di ricerca, ma l’intero sistema di microscopia è progettato con un nuovo grado di miniaturizzazione”.; Sono stati aggiunti quali tipi di esperimenti possono essere sviluppati indipendentemente.

Oltre alla ricerca sui farmaci antitumorali, altri esperimenti vedranno una crescita nello spazio di potenziali fonti di cibo per gli astronauti, come carne artificiale, funghi e colture orticole.

Altri progetti di ricerca si concentreranno sullo sviluppo embrionale, sulla crescita di virus e batteri e sulla germinazione delle piante.

READ  Alejandro Lanari: “Sono più attaccato alla medicina” - ex

Il satellite è un cubo, una delle cui dimensioni ospiterà il laboratorio, un altro include il computer di bordo per controllare la missione e il terzo potrebbe, in un dato momento, avere un motore al plasma per poter creare un surplus e impedire che diventi detriti nello spazio, secondo Martinez.

Ha osservato che il piano di volo, motore e comunicazione dei microsatelliti è stato sviluppato da JMP Ingenieros; Microfluidics Chipshop ha progettato il compartimento in cui vivranno le cellule.