Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I dieci grandi avvertimenti per l’economia spagnola – Daniel Rodriguez Asensio

Il governo spagnolo ha avuto un’altra settimana orribile. Un colpo dalla Banca di Spagna, stime di crescita inferiori della Commissione Europea, cattive notizie da Standard & Poor’s e altre case di analisti, dati sui contratti molto scarsi… l’elenco è ampio. La Spagna sta per passare da una situazione in cui possiamo risolvere i problemi da soli in una certa gradualità a una situazione in cui noi Avremo bisogno di una terapia d’urto e (di più) di un aiuto esterno.

È opportuno, vista la situazione che ci attende, tenere conto dei problemi più importanti dell’economia spagnola, che ho riassunto nei seguenti Dieci Comandamenti:

1. stagflazione

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, la Spagna è l’unico Paese al mondo, oltre al Giappone, che non ripristinerà i livelli di ricchezza pre-Covid19. Inoltre, le stime di crescita continuano a scendere (finalmente saremo intorno al 3,5%/4% quest’anno, con un ultimo trimestre negativo) e le stime di inflazione a salire. La nostra fortuna è inferiore del 3,4% rispetto ai livelli del 2019, ma i prezzi sono aumentati del 9,6% cumulativamente. L’inflazione potrebbe non essere tecnicamente accompagnata da una stagnazione, dato che l’orizzonte temporale è maggiore di un anno. Ma i suoi effetti sul piano economico e sull’economia familiare e imprenditoriale sono esattamente gli stessi.

gdp.jpg

Nonostante questa situazione e i venti favorevoli che un effetto rimbalzo può causare, la Spagna non è nemmeno il paese in crescita dell’UE nel primo trimestre del 2022. Nello specifico, secondo i dati di Eurostat, ce ne sono 10 sopra di noi.

2. Distruzione del tessuto aziendale

La Spagna ha 60.000 aziende che commerciano meno di quanto non fossero prima della pandemia e i livelli di profitto aziendale sono inferiori del 20%. Ciò significa meno posti di lavoro, meno investimenti e meno ricchezza. I bassi margini dovuti all’inflazione e le tasse elevate soffocano le imprese. La Spagna è un paese di piccole imprese. Il 90% delle aziende in Spagna sono molto piccole, non nella media.

3. Mercato del lavoro

La Spagna ha il tasso di disoccupazione più alto d’EuropaLe soluzioni del governo riguardano più la creazione di numeri che la risoluzione di problemi strutturali. Il governo è orgoglioso del suo record di occupazione, ma i disoccupati sono più di 3,2 milioni e, tenendo conto di coloro che cercano lavoro, il tasso di occupazione è del 58,5%, inferiore al livello precedente dell’epidemia. io ho solo Timer mascherati da “non continui non continui” È la formalizzazione dell’instabilità. Il 60% dei contratti ad aprile erano a tempo determinato, intermittente o part-time. L’economia spagnola non crea posti di lavoro. Rimbalza e basta.

READ  Sayer si aggiudica la concessione autostradale in Italia per 3.700 milioni

Secondo i dati dell’Unione USO, il numero di contratti ad aprile è diminuito del 13%, la durata media è ai minimi da dicembre dello scorso anno e da allora è aumentato l’aumento dei contratti interrotti a tempo indeterminato. . Questa è fragilità finale? Direi piuttosto che è trucco.

contratti.  jpg

4. Enorme deficit scheletrico

Sebbene ci siano cifre di raccolta record a causa dell’inflazione, Nel 2021, la Spagna ha presentato il sesto maggior disavanzo della zona euro, dopo aver registrato il maggiore squilibrio nel 2020. Inoltre, il FMI ha già avvertito che il deficit strutturale (indipendentemente dal ciclo economico) si manterrà al 4% nei prossimi anni, un punto al di sopra delle regole di stabilità del Trattato di Maastricht. Nel frattempo, il debito pubblico è al 120% del PIL, il doppio di quanto approvato dall’Unione Europea. Il governo nazionale non prende sul serio questo grave squilibrio, al punto da inviare, secondo AIReF, a Bruxelles un piano di stabilizzazione del bilancio con “gravi carenze”. La Spagna ha bisogno di un percorso di aggiustamento fiscale affidabile, altrimenti, secondo il controllo di bilancio, il debito pubblico potrebbe continuare a salire fino al 140% del PIL.

Attualmente, in un contesto di tassi di interesse storicamente bassi, La componente stimata per pagare gli interessi sul debito pubblico è già la quarta per importanza dei bilanci. Con l’aumento dei prezzi e il ritiro degli stimoli da parte della Banca Centrale Europea, il costo del finanziamento della tesoreria pubblica aumenterà nei prossimi anni, mettendo sotto controllo la solvibilità nazionale. Il premio per il rischio è raddoppiato da febbraio di quest’anno e il rendimento richiesto sui titoli nazionali raddoppia in pochi mesi.

rischio premio.  jpg

5. I fondi europei sono un nuovo schema E.

La Spagna ha un’opportunità storica grazie agli investimenti che l’Unione Europea farà nel nostro Paese. Tuttavia, la cattiva gestione, l’opacità e l’eccessiva burocrazia non hanno quasi alcun impatto sull’economia spagnola. Infatti, l’AIReF ha avvertito che i ritardi nell’attuazione dei fondi potrebbero avere un impatto negativo sul PIL 2022 di sette decimi. Allo stesso modo, l’IRS ha criticato la mancanza di informazioni sull’effettiva attuazione in termini di contabilità nazionale e la mancanza di informazioni sull’impatto del PRTR nel programma di stabilizzazione inviato dal governo a Bruxelles.

READ  Tenere i soldi in casa, è il modo migliore per risparmiare di più?

6. Inflazione

La Spagna ha l’aumento dei prezzi più alto tra tutte le economie europee avanzate. Il tasso di aumento dell’indice dei prezzi al consumo nel nostro paese è dell’8,3%A fronte di una media del 7,4% nell’Unione Europea, del 5,4% in Francia, del 7,8% in Germania o del 6,3% in Italia. Molti dei paesi sopra menzionati sono anche fortemente dipendenti dall’energia straniera, come la Spagna, ma il loro tasso di inflazione è inferiore a quello della Spagna. Il motivo è il costante aumento delle tasse e gli ostacoli a cui sono state esposte le aziende spagnole: un aumento della SMI, un aumento dei contributi previdenziali, un aumento della tassa di registrazione e di assicurazione, Google e Tobin tax, ecc.

inflazione.  jpg

L’inflazione è una tassa sui poveri. Fa emergere il potere d’acquisto delle famiglie e la competitività delle imprese. I prezzi industriali in Spagna crescono del 46,6%, un dato insostenibile per il settore, e nei prossimi mesi saranno trasferiti al consumatore finale. È assolutamente necessario un piano credibile per combattere l’inflazione.

7. Perdita di competitività e settore estero

La Spagna ha un problema strutturale di produttività, che è stato esacerbato negli ultimi anni a causa di questa pandemia. Secondo INE, la produttività per lavoro a tempo pieno ha registrato un tasso di crescita anno su anno negativo per 8 degli ultimi nove mesi. Si notano già gli alti costi, le tasse e gli ostacoli che le imprese del settore estero devono affrontare. Se la Spagna è uscita dalla crisi precedente con una spinta all’export e con un surplus del saldo delle partite correnti, la posizione delle nostre imprese sui mercati internazionali si indebolisce. Secondo Eurostat, infatti, la Spagna è stato il Paese in cui le esportazioni al dettaglio sono diminuite maggiormente delle grandi economie europee: -4% al mese a marzo, contro il -0,4% medio dell’Europa. Una posizione di conto corrente più debole significa un aumento del nostro debito estero, e quindi la nostra debolezza.

8. Inferno burocratico

Secondo CEOE, dal 1977 al 2021 sono stati approvati 37.500 regolamenti governativi. Inoltre, le amministrazioni regionali ed europee, rispettivamente, ne esportano circa 300 e 2.000 ogni anno. Ciò, secondo il Sindacato dei datori di lavoro, “determina distorsioni del mercato e pressioni sugli imprenditori, che sono costretti a far fronte ad un elevato livello di oneri amministrativi e di procedure burocratiche che ostacolano lo sviluppo dell’attività imprenditoriale e, di conseguenza, la generazione di occupazione, ricchezza e benessere sociale”.

READ  L'Italia impone restrizioni a chi non è vaccinato contro il COVID-19

9. Distruggere la credibilità delle istituzioni

La certezza del diritto è una componente essenziale di qualsiasi economia fiorente. Quello che sta succedendo con il CNI, con la Camera dei Deputati, con la RTVE, con il Procuratore Generale, con la Procura Generale e con le nostre relazioni internazionali, per fare qualche esempio, è un chiaro freno agli investimenti esteri in Spagna e una credibilità problema che si traduce in più problemi di finanziamento, export, ecc. che.

10. Eccesso di carico fiscale

Le tasse in Spagna sono molto alte. Non ci sono solo cifre bandite dall’Europa come tasse di successione, lasciti e donazioni. Grandi cifre fiscali hanno anche un’ovvia professione di riscossione e soffocano l’attività economica. Il tax gap (la differenza tra il costo del lavoro e lo stipendio netto) in Spagna è del 39,3%, rispetto a una media del 34,6% nell’OCSE, del 32,3% in Irlanda, del 30,8% nel Regno Unito o del 28,3% nel Regno Unito Stati. Inoltre, questo gap fiscale è stato ridotto in tutti questi paesi nel 2020 (anno dell’epidemia), mentre è rimasto costante in Spagna.

divario finanziario.  jpg

Le aziende spagnole, dal canto loro, stanno subendo pressioni finanziarie standard superiori del 27% rispetto alla media comunitaria. Siamo classificati 32 su 37 paesi analizzati dall’Institute for Economic Studies. In termini di aliquote nominali, dei 37 paesi OCSE: 12 hanno tassi più alti dei nostri, 3 hanno il 25% come noi e 21 hanno un tasso più basso, con una media del 23%.

Infine, il La sanzione per il salvataggio è eccessiva. In alcuni casi, le tasse sul risparmio nel nostro Paese sono il 100% delle plusvalenze. Ciò spaventa gli investimenti e le grandi partecipazioni e spaventa con esso l’impatto negativo sull’attività economica, sulla raccolta e sull’innovazione.

Mentre in Europa ha affrontato la crisi del Covid19 e la ripresa economica attraverso tagli alle tasse e incentivazione dell’attività, qui è stata seguita la strada opposta.

Fili