Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I datori di lavoro italiani hanno ridotto la crescita del PIL all’1,9% nel 2022, più della metà

© Reuters. I datori di lavoro italiani hanno ridotto la crescita del PIL all’1,9% nel 2022, più della metà

Roma, 2 aprile (.). L’associazione dei datori di lavoro italiana Confindustria ha abbassato la stima della crescita del PIL italiano nel 2022 all’1,9%, rispetto al 4% precedentemente previsto, tenendo conto della guerra in Italia. L’Ucraina come “variabile decisiva”.

“L’andamento del PIL italiano nel 2022 è molto meno favorevole di quanto precedentemente previsto: quest’anno crescerà dell’1,9%, con una significativa revisione al ribasso (-2,2 punti) rispetto allo scenario proposto lo scorso ottobre, prima dei nuovi shock, quando le previsioni ha coinciso con un aumento del 4%”, ha osservato in un rapporto sull’impatto della guerra sull’economia italiana.

Nel primo semestre del 2022, «quando gli effetti negativi della guerra saranno completamente diffusi, l’economia italiana entrerà» in una «stagnazione tecnica», seppur di proporzioni limitate, cui non corrisponderà l’attesa ripresa nel secondo semestre. Dopo essere scesi “dello 0,2% e dello 0,5% nei primi due trimestri”.

Le previsioni per il 2023 sono per una crescita del PIL dell’1,6%, grazie a un profilo di “piena crescita nell’anno”, spiega Confindustria, che assicura che un ritorno ai livelli pre-COVID regredisce dal secondo trimestre di quest’anno al primo. . chi è il prossimo “.

I datori di lavoro affermano inoltre che “gli effetti della crisi a livello globale sono altamente asimmetrici tra regioni e settori, per prossimità di conflitti, dipendenza da elettricità, gas e altre materie prime e, in generale, produttività e legami finanziari con i paesi direttamente coinvolti in guerra (Russia, Ucraina, Bielorussia). )”.

“Tra le principali aree macroeconomiche, l’Unione Europea è quella più colpita, come dimostrano il deprezzamento dell’euro e le perdite registrate nei principali mercati finanziari nei primi giorni del conflitto”, spiega.

READ  Il ministro dell'Economia Martin Guzman ha incontrato il suo omologo italiano

Secondo Confindustria, “i settori ad alta intensità energetica, come l’industria mineraria, la chimica, la ceramica e il vetro, e altri settori a carattere fortemente internazionale, come i trasporti (automobili, aerei, navi) sono i più colpiti”.

Afferma che “lo scenario globale è dominato dalle forti tensioni e incertezze derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina”, sottolineando che la crisi militare “fa parte di un quadro che è già diventato difficile a causa della pandemia in corso, delle pressioni al rialzo dei prezzi per varie materie prime e colli di bottiglia in alcune catene di approvvigionamento globali”.

Avviso legale: Media di fusione Vorrei ricordare che i dati su questo sito Web non sono necessariamente aggiornati o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici e futures) e i prezzi forex non sono forniti dalle borse ma dai market maker, e pertanto i prezzi potrebbero non essere accurati e differire dal prezzo di mercato effettivo, il che significa che i prezzi sono indicativi e non appropriati ai fini del trading . Pertanto Fusion Media non si assume alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali che potresti subire a seguito dell’utilizzo di questi dati.

Mezzo di fusione o chiunque sia coinvolto con Fusion Media non avrà alcuna responsabilità per perdite o danni derivanti dall’affidamento alle informazioni incluse dichiarazioni, citazioni, grafici e segnali di acquisto/vendita inclusi in questo sito Web. Si prega di essere pienamente consapevoli dei rischi e dei costi associati al trading sui mercati finanziari, è una delle forme di investimento più rischiose.